Discussione:
[MANIFESTO] it.arti.musica.classica
(troppo vecchio per rispondere)
Gruppo Coordinamento NEWS-IT
2007-12-02 05:07:03 UTC
Permalink
In fondo a questo articolo, inviato automaticamente ogni mese, troverai
il manifesto di questo newsgroup (it.arti.musica.classica).
Tutto questo è arabo per te? leggi
<http://www.news.nic.it/news-it/docs/glossario.html>.

Tieni presente che esistono anche questi newsgroup

it.test - per fare tutte le prove con le news
it.aiuto - per domande generiche di aiuto
it.news.aiuto - per tutti i problemi riguardanti le news

Un gruppo molto importante che *ogni utente* dovrebbe seguire è
it.news.annunci; su questo gruppo, moderato e con *pochissimo* traffico,
vengono inviate le comunicazioni ufficiali di creazione e rimozione dei
newsgroup, le proposte per la creazione di nuovi gruppi, i moduli per
votarli, i risultati delle votazioni eccetera.

Ricorda che SCRIVERE MAIUSCOLO equivale a gridare, e che la cosa
può infastidire molti di coloro che ti leggeranno. E già che ci sei,
ricordati di quotare poco, e di lasciare il testo citato *prima* del tuo.


Infine, questo newsgroup fa parte della gerarchia it.*: se non sai cos'è
un newsgroup, una gerarchia, oppure it.*, lo puoi scoprire a
<http://www.news.nic.it/>.


it.arti.musica.classica Discussioni di musica classica e lirica

Vinicio Matteucci <***@sirius.pisa.it>

Questo newsgroup è rivolto a coloro che desiderano discutere di musica
classica e lirica all'interno di uno spazio appositamente creato.
Per tutti gli amanti di classica e lirica, partecipare a discussioni, anche
animate, su generi, compositori o interpreti, rappresenta un modo naturale di
vivere la musica. L'appassionato adora criticare, suggerire, raccontare le
proprie esperienze. Riceve volentieri i consigli; quasi mai li adotta; ma non
sa farne a meno.
Per tutti questi serve uno spazio.
È difficile confinare gli argomenti da trattare nel newsgroup in una lista
rigida; a grandi linee i temi discussi possono così riassumersi:
- Compositori e composizioni;
- Interpreti e interpretazioni (commenti, analisi critiche,
suggerimenti...);
- Discografia (Richieste, consigli, analisi comparate, discografia di base,
scambi...);
- Riferimenti per recensioni, articoli, bibliografie, siti internet di
musica;
- Esperienze a teatro (Segnalazioni, commenti, richieste...);
- "Giocare" con la musica (votare le opere più belle, immaginarsi cast
ideali, e quant'altro la fantasia vi sprona a proporre).
È fondamentale, per ottenere un newsgroup interessante, evitare risposte
generiche e liste asettiche: quando possibile, gli interventi dovranno essere
articolati e dovremmo cercare sempre di spiegare il perché di una scelta, un
consiglio o un'idea. Utilizziamo 'Subject: ' chiari ed esplicativi evitando,
nei reply, che il tema degeneri. I nostri interventi saranno così ad "alta
leggibilità" e le discussioni piacevoli.
Sarà considerati fuori tema:
- l'inserimento di articoli pubblicitari (case discografiche o altro);
- la pubblicità verso siti internet non pertinenti;
francesco
2007-12-02 23:52:48 UTC
Permalink
Post by Gruppo Coordinamento NEWS-IT
Questo newsgroup è rivolto a coloro che desiderano discutere di musica
classica e lirica all'interno di uno spazio appositamente creato.
. Utilizziamo 'Subject: ' chiari ed esplicativi evitando,
nei reply, che il tema degeneri. I nostri interventi saranno così ad "alta
leggibilità" e le discussioni piacevoli.
COSI HO LETTO CON PIACERE, e lo stesso avevo letto un mese fa appena venuto
a conoscenza di questo spazio dal titolo cosi interessante.

All'inizio mi ero lamentato di una eccessiva animosità al limite della
violenza verbale a cui spesso arrivano gli interventi di qui.
Mi è stato consigliato di pazientare per conoscere meglio, e cosi ho fatto
per oltre un mese. Ma con gran fatica nel cercare di discernere le cose per
cui valesse la pena di frequentare questa news, che in verità ho pure
trovato, in un mare di rissosità, arroganza, permalosità.... a cui purtroppo
cedono anche persone i cui curricula qualificano come quotati musicisti o
persone di cultura, pertanto qualificabili come potenziali fonti di
arricchimento.
Confesso di essere rimasto spesso disgustato, non perchè sia un moralista
bigotto ma perchè si arriva a decine e centinaia di messaggi scambiati tra
pochi che si accapigliano su sofismi o inezie al solo scopo di segnalare chi
è il più bravo a zittire l'altro con artifizi verbali.
Come se questo spazio, anzichè libero a tutti per lo scopo dichiarato, fosse
una arena privata o un ring per pugili, ancor più che un bar.

Ritengo pertanto utile invitare anche i "vecchi" della new a rileggersi il
messaggio su richiamato e a farne tesoro.

Assicuro, da appassionato di musica seppur dotato di minor conoscenza
rispetto ad altri che qui scrivono, che ne verrà accresciuta la
considerazione di chi avendo da dire cose serie sulla musica lo dirà con
toni appropriati, per spiegare e convincere anzichè prevaricare, ricordando
che comunque lo scopo di questi luoghi di dibattito dovrebbe rimanere il
reciproco arricchimento conoscitivo e culturale, sia che ci si informi
banalmente su un titolo,sia che si affronti l'analisi formale o storica di
un autore o di un'opera.
Io e altri come me che possiamo essere secondi in conoscenza musicale, ma
non necessariamente secondi nell'esperienza globale del vivere tra le
persone, eviteremmo il dilemma di decidere se continuare o no a leggere
certi post di persone rissose o permalose, col rischio di perderci le
eventuali perle di sapere musicale che vi sono sparse qua e la e che
potrebbero arricchirci.
I presunti o reali esperti, in cambio, eviterebbero di essere sgradevoli, il
che non guasta affatto per chi ritenesse di avere qualcosa da insegnare.

Mi piacerebbe sapere se anche stavolta sono fuori tema, magari anche da chi
poco scrive. Potrebbe anche venir fuori che non sono il solo a pensare
queste cose e, forse,con la buona volontà di tutti i VERI amanti della
musica, rendere più gradevole questi scambi di conoscenze.

Qualcuno che qui cita giustamente Nietzsche, e io pur conoscendo poco questo
filosofo per esprimere un giudizio globale sul suo pensiero, tuttavia
condivido che la vita senza musica è un errore. Ma che vita è se per parlare
di musica ci si scanna verbalmente cosi?

Scusate la lunghezza e grazie a chi ha avuto la pazienza di arrivare fino a
questa riga.

Francesco Merli
v i n i x ©
2007-12-03 00:16:19 UTC
Permalink
On Mon, 3 Dec 2007 00:52:48 +0100, "francesco"
Post by francesco
Scusate la lunghezza e grazie a chi ha avuto la pazienza di arrivare fino a
questa riga.
Conosco bene il manifesto avendolo scritto e comprendo pure il tuo
disorientamento nel frequentare questo gruppo. Dibattiamo il problema
da anni senza venirne a capo. Questo è il gruppo ebefrenico di musica
classica. Quello normale è it.arti.musica.classica.mod
Purtroppo si direbbe vigente una legge di proporzione inversa tra
l'ebefrenia e la partecipazione.
Non so, dev'essere proprio una legge fondamentale della fisica e,
comunque ci si agiti, come tale ci governa.

Forse in un'altra galassia, in un altro tempo, in un'altra vita ...

ciao
v i n i x ©
2007-12-03 01:13:23 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Purtroppo si direbbe vigente una legge di proporzione inversa tra
l'ebefrenia e la partecipazione.
Diretta. Proporzione diretta.

ciao
Schillogeno
2007-12-03 01:00:25 UTC
Permalink
On Mon, 3 Dec 2007 00:52:48 +0100, "francesco"
Post by francesco
Qualcuno che qui cita giustamente Nietzsche, e io pur conoscendo poco questo
filosofo per esprimere un giudizio globale sul suo pensiero, tuttavia
condivido che la vita senza musica è un errore. Ma che vita è se per parlare
di musica ci si scanna verbalmente cosi?
Scusate la lunghezza e grazie a chi ha avuto la pazienza di arrivare fino a
questa riga.
Francesco Merli
Il tuo scritto tradisce intelligenza ed educazione.

Quindi, temo che questo NG non faccia per te.
Anzi: che nessun NG non mod. faccia per te.

Meglio: che l'intera società italiana non faccia per te.


Ti avverto, comunque, di non badare a Vinix: questo NG è ebefrenico


"Scrivere di musica è come ballare di architettura."

Frank Zappa, 1940-1993
enziotempo
2007-12-03 01:18:39 UTC
Permalink
Post by Schillogeno
"Scrivere di musica è come ballare di architettura."
Questo però è nichilismo inconcludente. Andate su Einfestival
piuttosto!

ET
Luca Logi
2007-12-03 09:48:37 UTC
Permalink
Post by Schillogeno
Ti avverto, comunque, di non badare a Vinix: questo NG è ebefrenico
Bisogna spiegare a chi arriva che cosa vuol dire "ebefrenico". Molti e
molti anni fa un trollone usò questo termine (che indica una forma di
schizofrenia con crisi emozionali incontrollate) nel tentativo di
insultare, ma il termine venne sequestrato, divenne un punto di onore e
la migliore descrizione del newsgroup.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
francesco
2007-12-03 14:18:47 UTC
Permalink
E meno male che sei arrivato a soccorrermi. Mi stavo giusto chiedendo se per
caso fossi io affetto da ebefrenia "tardiva" , vista la mia età piu vicina
ai 70 che ai 60 e avendo sul tavolo almeno 2 dizionari che dicono "demenza
precoce".
In quanto al " punto d'onore" capirete che sono ancora alquanto incerto
sulla opportunità di avvalermrne.
--
Francesco Merli
Post by Luca Logi
Bisogna spiegare a chi arriva che cosa vuol dire "ebefrenico". Molti e
molti anni fa un trollone usò questo termine (che indica una forma di
schizofrenia con crisi emozionali incontrollate) nel tentativo di
insultare, ma il termine venne sequestrato, divenne un punto di onore e
la migliore descrizione del newsgroup.
Luca Logi
2007-12-03 15:11:51 UTC
Permalink
Post by francesco
E meno male che sei arrivato a soccorrermi. Mi stavo giusto chiedendo se per
caso fossi io affetto da ebefrenia "tardiva" , vista la mia età piu vicina
ai 70 che ai 60 e avendo sul tavolo almeno 2 dizionari che dicono "demenza
precoce".
In quanto al " punto d'onore" capirete che sono ancora alquanto incerto
sulla opportunità di avvalermrne.
Spieghiamo in due parole la storia di questo newsgroup. Il fondatore -
colui che ha redatto il manifesto ed avviato la procedura di voto - è
vinix. Esiste un gruppo di frequentatori storici - io non mi considero
fra i fondatori, essendo arrivato quando il newsgroup era avviato già da
qualche mese, ma direi di poter essere considerato un utente storico
dato che il mio primo post è dell'aprile 1998.

I primi anni sono stati deliziosi ed un vero balsamo per la mente. Come
tutti i newsgroup, bisogna considerare che il 95% di quello che vi si
scrive sia fuffa, ma ogni tanto salta fuori un gioiello, e vale la pena
di aver sopportato tutta la fuffa.

La prima grossa crisi, già nel 1998, fu quella del trollone ebefrenico.
Per gli appassionati di storia, ho rintracciato il primo post dove il
termine fu usato:

http://groups.google.it/group/it.arti.musica.classica/msg/de1a6bd6ab29b4
d6

Da questa crisi nasce il newsgroup parallelo moderato, fondato da Lucio
Peres che per molti ne è stato il moderatore, e che tutto sommato ha
vissuto sempre di vita stentata all'ombra di quello non moderato. (Chi
vuole vedere che cosa sia un newsgroup musicale completamente in mano ai
troll, vada a dare una occhiata a rec.music.opera; iamc è molto lontano
ancora da quello stadio, almeno fino a quando ci saranno gli ebefrenici
a difenderlo).

Molto dannosi a questo newsgroup sono stati la campagna elettorale 2001
con una forte contrapposizione politica dalla quale l'Italia (figurarsi
questo newsgroup) non è ancora uscita, e l'attentato del 9/11 con la sua
coda di polemiche.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Giampaolo Lomi
2007-12-03 16:39:58 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Molto dannosi a questo newsgroup sono stati la campagna elettorale 2001
con una forte contrapposizione politica dalla quale l'Italia (figurarsi
questo newsgroup) non è ancora uscita, e l'attentato del 9/11 con la sua
coda di polemiche.
Dannosi perchè? Anzi. Forse grazie a questi episodi e ad altri, non
solo di natura politica, vennero alla luce ed emersero chiaramente gli
orientamenti etici, morali, politici e intellettuali dei frequentatori
del gruppo e i partecipanti cominciarono a capirsi meglio fra loro, a
individuare le diverse formazioni culturali e sorsero i primi
distinguo che durano tutt'ora.
All'inizio il gruppo, un po' per l'inesperienza di questo nuovo mezzo
di comunicazione e un po' per il fascino della novità funzionò a tutta
birra dentro lo schema del "volemose bene".
Le crapule ne sono la testimonianza più lampante. Alla prima crapula,
quella sotto palazzo Pitti (dove mi pare te non c'eri) fu una vera
festa. Ognuno era meravigliato di vedere in carne e ossa più chi erano
quelli che scrivevano, di come fossero fatti "dentro". Già alla
seconda, e poi alla terza (dove ci fu la scissione con una parte che
andò a Vico), i personaggi si erano distinti e catalogati.
A Milano dove spuntò Marcelli per la prima volta, si passò una
splendida giornata, malgrado il De Merulis giacesse con febbre a 40
nel letto di Schillogeno. Mi ricordo di Dedo, ottimo pianista, che poi
abbandonò il gruppo, di un certo Farinato (chi lo ricorda?) sotto la
protezione di Peres e della comparsa di Armando Ariostini che ci cantò
una canzone. E lo scherzo tipicamente alla Buffalmacco della nona di
Marcelli fece storia !
Son passati tanti, sono andati via in tanti e in tanti son ritornati
dopo alterne vicende. Purtroppo uno dei migliori ci ha lasciati per
sempre.
Tutto sommato non direi che sia meglio o peggio oggi di allora. Direi
piuttosto che tutto è cambiato e cambia molto velocemente. Ciò che non
è ancora cambiato invece è il modo di affrontare e vivere la realtà di
ogni giorno, man mano che si presenta. Direi che la libertà è una
grande virtù e una realtà di questo gruppo, al contrario di quello che
succede in rec.music.opera, tanto per citare lo stesso forum che hai
rammentato te. E non è solo la libertà, ma la personalizzazione che
distingue IAMC, dove, malgrado i nomignoli, malgrado le trollate, la
gente ha una sua precisa identità che alla fine è nota a tutti.
Rec.music opera, come tutte le cose americane, è spersonalizzato. Ed è
questa la ragione che forse spinge anche chi non scrive a leggere gli
articoli di questo gruppo.
Certo ci siamo sempre lamentati. Tutti abbiamo scagliato anatemi (io
non ho ancora digerito la strage iconoclasta dei Budda distrutti dai
talebani) in mezzo alla quasi indifferenza di chi hai ben indovinato!
Ma poi le cose sono andate avanti. Dopo più di 10 anni tutto sommato
il mostro partorito dalla folle fantasia di Vinix, vive ancora bene e
non ha nessuna voglia di sparire per dar spazio alle moderazioni.
Almeno lo spero.

Giampaolo
enziotempo
2007-12-03 18:51:28 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
Post by Luca Logi
Molto dannosi a questo newsgroup sono stati la campagna elettorale 2001
con una forte contrapposizione politica dalla quale l'Italia (figurarsi
questo newsgroup) non è ancora uscita, e l'attentato del 9/11 con la sua
coda di polemiche.
Dannosi perchè? Anzi. Forse grazie a questi episodi e ad altri, non
solo di natura politica, vennero alla luce ed emersero chiaramente gli
orientamenti etici, morali, politici e intellettuali dei frequentatori
del gruppo e i partecipanti cominciarono a capirsi meglio fra loro, a
individuare le diverse formazioni culturali e sorsero i primi
distinguo che durano tutt'ora.
Concordo con GPLomi, anche se io sono qui solo da 11mesi. Quel che mi
chiedo è se i nostri discorsi hanno una funzione sociale (ovviamente
non mi riferisco solo a segnalazioni di concerti, trasmissioni e
letture). Se sì, vanno bene anche le polemiche più scatenate, almeno
esce tutto il marcio che da altre parti non viene buttato in piazza
per questioni di pudore, qualunquismo, opportunismo, interessi
economici... Basti pensare ai giornali dove la critica vera e propria
è stata per lo più sostituita dall'imbonimento.

ET
Marco Marcelli
2007-12-03 19:51:59 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Concordo con GPLomi, anche se io sono qui solo da 11mesi. Quel che mi
chiedo è se i nostri discorsi hanno una funzione sociale (ovviamente
non mi riferisco solo a segnalazioni di concerti, trasmissioni e
letture).
Qualcuni defni' a suo tempo questo NG come "AL BAR IAMC", sottolineando
come certi discorsi ormai fossero affrontati con la logica del bar, in
cui tutti si lamentano........ ma dove poi tutti tornano! :-)

Si tratta di un bar virtuale, dove il denominatore comune e' la passione
per la Musica, ma poi ci si DEVE poter confrontare anche su altro.
--
========================
Marco Marcelli - Genova
========================
enziotempo
2007-12-04 23:28:24 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Si tratta di un bar virtuale, dove il denominatore comune e' la passione
per la Musica, ma poi ci si DEVE poter confrontare anche su altro.
Dentro ad un bar ci sta un gruppetto di persone che discute per tot
tempo, dopodiché tutto tace e nulla rimane. Qui siamo tanti e quel che
scriviamo appare in chiaro sul web e ci rimane. Potenzialmente lo
scritto è a disposizine di milioni di persone.

Ho provato a fare una ricerca su google con "fenomenologia
celibidache" e il risultato porta a numerose pagine del presente NG.
Ho provato anche con "requiem mozart wolff" e siamo sempre ai primi
posti. Non va invece con "benigni dante": se ci siamo, siamo oltre la
decima pagina...

ET
ranapo
2007-12-04 23:37:38 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Ho provato a fare una ricerca su google con "fenomenologia
celibidache" e il risultato porta a numerose pagine del presente NG.
ET
:-)

RN
enziotempo
2007-12-05 18:23:00 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Ho provato a fare una ricerca su google con "fenomenologia
celibidache" e il risultato porta a numerose pagine del presente NG.
ET
:-)
RN
A parte stimolare il sorrisetto del ranapogongolo, volevo far notare
che se parliamo del Benigni ci battono sul tempo, e sui contenuti,
centinaia di altre conversazioni reperibili sul web; mentre invece di
musica non parla quasi nessuno. Quindi questo NG andrebbe difeso coi
denti perché spesso risulta essere l'unico spazio in Italia dove s'è
scritto qualcosa, con piglio critico e non promozionale, su questo o
quell'avvenimento.

ET
Meister Jakob
2007-12-04 12:53:01 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
A Milano dove spuntò Marcelli per la prima volta, si passò una
splendida giornata, malgrado il De Merulis giacesse con febbre a 40
nel letto di Schillogeno. Mi ricordo di Dedo, ottimo pianista, che poi
abbandonò il gruppo, di un certo Farinato (chi lo ricorda?) sotto la
protezione di Peres e della comparsa di Armando Ariostini che ci cantò
una canzone.
C'era anche Simonetti con Signora, Diego Innocenti, forse Giamberduca, Bruno
Benvenuri con la moglie violoncellista da Pisa che improvvisò un trio di
flauti con me e mia moglie ....
E sul ng scrivevano persone in gamba: Arcidiacono, Fabio Capuano, Gimpaolo
Bellavite, Jean Paul=G. Zucca, Riccardo Domenichini, Enrico Ariemma, Andrea
Finotello, Giovanni Christen da Zurigo....
La cosa triste è che la maggior parte di loro se n'è andata proprio per
l'eccesso di OT.
Post by Giampaolo Lomi
Dopo più di 10 anni tutto sommato
il mostro partorito dalla folle fantasia di Vinix, vive ancora bene
Se lo dici tu... Pensa a quanti eccellenti interlocutori ci sarebbero se si
decidesse una buona volta di piantarla con la politica.
Non diciamo che così si crea una bella atmosfera da bar sport: il risultato
è stato solo quello di inasprire gli animi, di mettere in mostra il peggio
che c'è in noi, di far scappare persone che non amano le volgarità gratuite.
Nei primi anni ci si devertiva molto e gli OT di Schillogeno o di Vinix
meriterebbero di essere raccolti in un libro. Ora ci si ricopre di insulti
sanguinosi dopo i quali mi riesce difficile pensare che si possa continuare
come se niente fosse a parlare dimusica.
Vedo che anche l'amico Klaus ha da tempo abbandonato il ng...
Post by Giampaolo Lomi
e non ha nessuna voglia di sparire per dar spazio alle moderazioni.
Almeno lo spero.
Ci mancherebbe che intervenisse la censura!

Ciao
Giacomo
Giuseppe Sottotetti
2007-12-05 07:45:58 UTC
Permalink
In data Tue, 04 Dec 2007 13:53:01 +0100, Meister Jakob <Meister
Post by Meister Jakob
Pensa a quanti eccellenti interlocutori ci sarebbero se si
decidesse una buona volta di piantarla con la politica.
Ho cominciato a scrivere qui nel marzo del '97. Anche allora c'erano
thread assurdi (ricordo uno su "Ricchi e Poveri" che durò un'eternità) e
queste lamentele le conosco ormai alla perfezione. Non credo dunque che
sia il caso di fare a tutti i costi il laudator temporis acti anche se
abbiamo perso - e continuiamo a perdere, apparentemente nell'indifferenza
generale - persone di vaglia.

Questo gruppo è sempre stato così. Posso ricordare che una delle prime
volte che scrissi mi presi una dura reprimenda pubblica da Lomi perchè lo
avevo quotato male. Se invece di ammettere che avevo torto avessi fatto il
solito flame adesso probabilmente non starei qui a scrivere. Ed è inutile
invocare netiquette (di cui continuo a non capire niente), bastano
educazione e buon senso. Ma ne troviamo così tanta in giro nella nostra
quotidiana Italia da stupirci se ce n'è poca su IAMC?
--
Giuseppe Sottotetti
***@alice.it
http://SottotettiGiuseppe.ilcannocchiale.it
cinghio
2007-12-05 07:52:20 UTC
Permalink
Post by Giuseppe Sottotetti
Questo gruppo è sempre stato così. Posso ricordare che una delle prime
volte che scrissi mi presi una dura reprimenda pubblica da Lomi perchè
lo avevo quotato male.
Lo "impara a quotare" è un classico! quasi un "benvenuto su IAMC" per
quasi tutti i nuovi arrivati :-)

c
--
I cinghiali non li caga mai nessuno, lontani dalla polenta........
Giannib
2007-12-05 08:00:13 UTC
Permalink
Post by cinghio
Lo "impara a quotare" è un classico! quasi un "benvenuto su IAMC" per
quasi tutti i nuovi arrivati :-)
RE:Non solo su IAMC:

Per non parlare dell'HTML e i bei tempi del "stai consumando banda
preziosa".
Ciao
Gianni
cap
2007-12-05 08:03:06 UTC
Permalink
Lo "impara a quotare" e' un classico!
Purtroppo sì. Fra gli innumerevoli anglismi che contribuiscono a rendere
più povera e soprattutto meno piacevole la nostra lingua, forse "quotare"
non è il peggiore, ma di certo è alquanto brutto e francamente
insopportabile.

c.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
cinghio
2007-12-05 08:06:56 UTC
Permalink
Post by cap
Lo "impara a quotare" e' un classico!
Purtroppo sì. Fra gli innumerevoli anglismi che contribuiscono a rendere
più povera e soprattutto meno piacevole la nostra lingua, forse
"quotare" non è il peggiore, ma di certo è alquanto brutto e francamente
insopportabile.
c.
QUOTO!!!!!

.....(scusa, non ho resistito).....

c
--
I cinghiali non li caga mai nessuno, lontani dalla polenta........
cap
2007-12-05 08:20:45 UTC
Permalink
Post by cinghio
QUOTO!!!!!
......(scusa, non ho resistito).....
Eh, sì, era un must.

c. :|
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Giampaolo Lomi
2007-12-05 16:36:11 UTC
Permalink
Post by cap
Purtroppo sì. Fra gli innumerevoli anglismi che contribuiscono a rendere
più povera e soprattutto meno piacevole la nostra lingua, forse "quotare"
non è il peggiore, ma di certo è alquanto brutto e francamente
insopportabile.
c.
Scusami, ma vorrei far notare che il termine "quotare" è un termine
che fa parte del lessico italiano da sempre. Deriva dal termine
"quota" che è italianissimo e significa "parte". Ad esempio : "la
quota di una somma di denaro spettante a...." e via dicendo.
L'etimo è forse francese "Cote" da cui "coter" in italiano "quotare".
Questa volta gli inglesi non sono colpevoli di nulla se non di una
semplice assonanza. In inglese il termine che esprime l'italiano
"quota, contributo, rata etc." si scrive esattamente "quota" e si
pronuncia "kwouta".
Al contrario l'italiano "citazione, citare, fare riferimento a..." si
scrive "quote" e il verbo è "to quote" e si pronuncia " kwout".
In Internet, dove tutto fa brodo, il termine inglese "to quote" è
stato tradotto con l'italiano "quotare" che ha tutt'altro significato
da quello di "citare" o "riportare una parte di un discorso" etc.
Quotare in italiano significa semplicemente fissare una quota,
stabilire una quota, fissare i prezzo o il valore di merci, di
immobili, di valute etc.
Perciò l'errore consiste nel confondere il termine quotazione con
citazione. La quasi similarità del termine inglese "quote" e "quota"
ha fatto il resto.
Oggi, come risultato, ci ritroviamo di conseguenza a usare un termine
corretto (quote) pensando di commettere un errore.
Vista la svista??

GP
Marco Marcelli
2007-12-05 18:43:07 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
Questa volta gli inglesi non sono colpevoli di nulla se non di una
semplice assonanza.
Non e' un'assonanza: "quota -ae" e' latino, e gli anglosassoni, si sa,
quando vogliono gasarsi, parlano in latino! :-)
Post by Giampaolo Lomi
Oggi, come risultato, ci ritroviamo di conseguenza a usare un termine
corretto (quote) pensando di commettere un errore.
Vista la svista??
Non e' la prima volta che ESPORTIAMO termini che poi REIMPORTIAMO con
pronuncia inglese: che dire, ad esempio, di "sport", di "specimen" o di
"sponsor" ? :-))
--
========================
Marco Marcelli - Genova
========================
Giampaolo Lomi
2007-12-06 01:25:00 UTC
Permalink
Il Wed, 05 Dec 2007 19:43:07 +0100, Marco Marcelli
Post by Marco Marcelli
Non e' un'assonanza: "quota -ae" e' latino, e gli anglosassoni, si sa,
quando vogliono gasarsi, parlano in latino! :-)
Marco, scusa forse non mi sono spiegato bene, ma non fa nulla. In
latino la parola "quota" non esiste. Per indicare quota i latini
usavano il termine "pars - partis " oppure "portio- portionis".
Non fidarti mai di Wikipedia. In generale è fatta in modo molto
approssimativo e certe volte (come in questa) prende brutte cantonate.
Avrai bene un vocabolario itaiano/latino in casa, magari fra i vecchi
libri. Consultalo (anche il semplice Vianello da pochi Euro, edito
dalla casa editrice Dante Alighieri) riporta la voce.

ciao

GP
Zadok (MdG)
2007-12-05 19:52:19 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
Oggi, come risultato, ci ritroviamo di conseguenza a usare un termine
corretto (quote) pensando di commettere un errore.
Vista la svista??
Ma perché è corretto usare un termine inglese come verbo italiano? Non
ho capito bene la conclusione allora...

Io uso il verbo "quotare", pensando effettivamente al verbo inglese "to
quote", ma so di commettere un errore per l'Accademia della Crusca.. o
sbaglio?


Ciao

Zadok
Giampaolo Lomi
2007-12-06 01:55:00 UTC
Permalink
Post by Zadok (MdG)
Io uso il verbo "quotare", pensando effettivamente al verbo inglese "to
quote", ma so di commettere un errore per l'Accademia della Crusca.. o
sbaglio?
Ciao
Zadok
Si è un errore anche senza ricorrere all'accademia della crusca.
Quotare (italianissimo) deriva da "quota" e cioè sta ad indicare la
parte di un qualcosa. Esempio : La quota delle tue azioni (spero
molte :-))) oppure : Fissare la quota dovuta...oppure quotare il
prezzo di un quadro o di un altro oggetto...la quota del
terreno...quotazione del terreno della casa etc.
Il verbo inglese "to quote" tradotto in italiano significa
"citare"..."riportare una citazione" etc... Non può però essere
tradotto col termine "quotare" ma con "Citare" perchè come chiaramente
si rileva, sono due cose diverse.
Nel caso specifico, se usi l'inglese in internet puoi benissimo fare
un "quote" anche in un testo non inglese, purchè tu metta la parola
"quote" fra virgolette e magari, come fanno gli anglosassoni quando
fanno citazioni parlando, si aiutano esemplificando con le mani le
virgolette.
In italiano corretto quindi, non si fa una quotazione ma una
citazione. Quindi il verbo quotare non può essere usato al posto di
citare. Ma bada bene, come dicevo sopra a Marcelli, non è un
inglesismo, bensì un francesismo che deriva dal verbo "coter".
Quando gli inglesi vogliono usare correttamente il termine italiano
"quota" non lo traducono e usano la stessa identica parola,
pronunciandola ovviamente "kouwota" . Per esempio : "Immigration
quota", frase inglese correttissima.

ciao

GP

GP
Zadok (MdG)
2007-12-06 08:03:13 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
Nel caso specifico, se usi l'inglese in internet puoi benissimo fare
un "quote" anche in un testo non inglese, purchè tu metta la parola
"quote" fra virgolette e magari, come fanno gli anglosassoni quando
fanno citazioni parlando, si aiutano esemplificando con le mani le
virgolette.
OK chiaro.. ma che tristezza quando gli anglosassoni si aiutano
esemplificando con le mani le virgolette, o meglio, è triste quando noi
li imitiamo. Hai presente in TV? Proprio non lo sopporto..

Zadok
Giampaolo Lomi
2007-12-06 10:21:09 UTC
Permalink
Post by Zadok (MdG)
OK chiaro.. ma che tristezza quando gli anglosassoni si aiutano
esemplificando con le mani le virgolette, o meglio, è triste quando noi
li imitiamo. Hai presente in TV? Proprio non lo sopporto..
Zadok
Hai ragione ! Mi irrita terribilmente . Una volta a Berlino ascoltavo
una "lecture" di Thomas Hampson che stava cantando in quei giorni il
Germont di Traviata. La " lecture" era nella sala conferenze dell'
Hotel Adlon. Ebbene dopo una mezz'oretta me ne sono andato anche se
quello che diceva era interessante, perchè ogni 5 minuti faceva quel
gesto di "virgolette" con le due mani (che fra l'altro io non son
capace di imitare) e che mi aveva irritato oltre il "point of no
return..."

Ciao

GP
cap
2007-12-05 21:08:46 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
Scusami, ma vorrei far notare che il termine "quotare"
è un termine che fa parte del lessico italiano da sempre.
[cut]

In un certo senso hai ragione: infatti, a rigore, anziché di anglismo
avrei dovuto parlare di calco semantico -- a mia difesa dirò tuttavia che
alcuni linguisti sono propensi a definire anglismi (o anglicismi che dir
si voglia) anche le forme complesse.

Il vocabolo italiano quota e derivati (compreso quoziente) hanno tutti
origine nel latino quot (= quanti) e sono stati acquisiti dalla nostra
lingua in epoca medievale per il tramite dell'occitanico cote, generatosi
dal latino quota (sottinteso pars).
Invece to quote proviene dall'antico inglese cwethan = dire, del quale
rimane qualche traccia nell'inglese aulico (Quoth the Raven, "Nevermore!":
Edgar A. Poe).
Come vedi nemmeno etimologicamente è possibile riscontrare attinenze fra
quota e to quote, perciò è perfettamente lecito definire calco semantico
-- e anche anglismo, insomma! ;) -- l'uso di quotare nel significato di
citare.

Sono numerosissimi i casi consimili. Per esempio, qualità è parola
italianissima (latino qualitatem, da qualis), ma la locuzione "in qualità
di" è un brutto gallicismo (o francesismo che dir si voglia).

Ciao!
c.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Giampaolo Lomi
2007-12-06 02:23:46 UTC
Permalink
Post by cap
In un certo senso hai ragione: infatti, a rigore, anziché di anglismo
avrei dovuto parlare di calco semantico -- a mia difesa dirò tuttavia che
alcuni linguisti sono propensi a definire anglismi (o anglicismi che dir
si voglia) anche le forme complesse.
Penso che non ci si trovi proprio di fronte a un calco semantico,
perchè i due termini indicano effetti comunque diversi. Hai detto bene
definendo il termine quotazione o quota, un gallicismo perchè tale è
considerato dai vocabolari più seri tipo Treccani.
Post by cap
Il vocabolo italiano quota e derivati (compreso quoziente) hanno tutti
origine nel latino quot (= quanti) e sono stati acquisiti dalla nostra
lingua in epoca medievale per il tramite dell'occitanico cote, generatosi
dal latino quota (sottinteso pars).
Il "quot" latino (quanti) è indeclinabile e non componibile. Nel tardo
latino chiesastico fu introdotta la formula "totie-quotie" alterando
l'uso del quot per significare il godimento di una indulgenza "ogni
qualvolta" si facesse una determinata azione liturgica.
Nel latino classico il termine "quota" a se stante non esiste. Se,
come fai notare anche tu vuoi dargli un diritto ad esistere, devi
aggiungere il termine pars. "Quota pars" sempre di tardo uso
altomedioevale usato più che altro nelle divisioni di terreni et
similia, ma mai reperibile in testi classici dell'epoca aurea.
Post by cap
Invece to quote proviene dall'antico inglese cwethan = dire, del quale
Edgar A. Poe).
Come vedi nemmeno etimologicamente è possibile riscontrare attinenze fra
quota e to quote, perciò è perfettamente lecito definire calco semantico
-- e anche anglismo, insomma! ;) -- l'uso di quotare nel significato di
citare.
Mi rimane difficile credere che una elucubrazione di un termine
inglese che si perde in chi sa quale origine possa soppiantare la
chiara origine francese del verbo quotare (Coter).
Resto del parere che l'uso del verbo quotare non può in italiano
(almeno fino ad oggi) essere interpretato come "citare",
Quotare significa stabilire in quale ordine debba essere collocato un
oggetto appartenente a una serie, e collocarlo in quell'ordine o
apporvi la sigla numerica o alfabetica corrispondente.
Oppure : Fissare la quota per la partecipazione a particolari attività
o diritti. Oppure : Valutare, determinare il valore o il prezzo di un
oggetto et similia.
Mai comunque è accettato o usato per introdurre una "citazione" o
riferire un discorso o uno scritto altrui.

Ciao

Giampaolo
Veronica Medina
2007-12-05 09:25:06 UTC
Permalink
Post by Giuseppe Sottotetti
In data Tue, 04 Dec 2007 13:53:01 +0100, Meister Jakob <Meister
Post by Meister Jakob
Pensa a quanti eccellenti interlocutori ci sarebbero se si
decidesse una buona volta di piantarla con la politica.
Ho cominciato a scrivere qui nel marzo del '97. Anche allora c'erano
thread assurdi (ricordo uno su "Ricchi e Poveri" che durò un'eternità) e
queste lamentele le conosco ormai alla perfezione. Non credo dunque che
sia il caso di fare a tutti i costi il laudator temporis acti anche se
abbiamo perso - e continuiamo a perdere, apparentemente nell'indifferenza
generale - persone di vaglia.
Questo gruppo è sempre stato così. Posso ricordare che una delle prime
volte che scrissi mi presi una dura reprimenda pubblica da Lomi perchè lo
avevo quotato male. Se invece di ammettere che avevo torto avessi fatto il
solito flame adesso probabilmente non starei qui a scrivere. Ed è inutile
invocare netiquette (di cui continuo a non capire niente), bastano
educazione e buon senso. Ma ne troviamo così tanta in giro nella nostra
quotidiana Italia da stupirci se ce n'è poca su IAMC?
Standing ovation.
Io scrivo dal 2001 circa e forse i tempi erano gia' "cambiati" perche' la
cosa non mi sembrava tanto diversa. Ci sono periodi fertili altri meno
fertili come in tutto.
Onestamente non darei tanto la colpa agli OT, nemmeno a quelli di politica
perche' mi risulta che ci si scanna ed insulta spesso e volentieri anche
parlando di musica, altrocche', anzi, se ci mettessimo a contare le volte
che qualcuno si scalda con un semplice "non mi piace l'interpretazione
di......" o "io so tutto e tu sei un coglione" oppure "se non ti piace come
suona X e' perche' non capisci niente" ecc, ecc, a volte con le metafore a
volte addirittura con qualche insulto in piu' chissa come sarebbero i
risultati.
I geni incompresi che escono sbattendo la porta ci sono sempre stati e ci
sarano ancora, altri invece prendono il meglio che c'e' e poi capiscono che
quando c'e' qualcosa che non piace basta passare ad altro o piu'
semplicemente ancora si spegne il computer, magari fosse cosi' facile al
bar.
A quanti vorrei trovare un pulsantino per spegnerli un'attimo veramente :)

ciao
V.
Benedetto Zaccaria
2007-12-05 12:43:31 UTC
Permalink
Il Wed, 5 Dec 2007 10:25:06 +0100, "Veronica Medina"
Post by Veronica Medina
I geni incompresi che escono sbattendo la porta ci sono sempre stati
Anche scemi, grassi, magri, volitivi, stitici : tornano tutti.

(vediamo chi aggiunge purtroppo..)

.





Benedetto Zaccaria
Schillogeno
2007-12-05 23:36:34 UTC
Permalink
On Wed, 05 Dec 2007 08:45:58 +0100, "Giuseppe Sottotetti"
Post by Giuseppe Sottotetti
Ed è inutile
invocare netiquette (di cui continuo a non capire niente), bastano
educazione e buon senso. Ma ne troviamo così tanta in giro nella nostra
quotidiana Italia da stupirci se ce n'è poca su IAMC?
Sante parole.


"Scrivere di musica è come ballare di architettura."

Frank Zappa, 1940-1993
Marco Marcelli
2007-12-05 08:08:24 UTC
Permalink
Post by Meister Jakob
Ciao
Giacomo
Io sono sempre in debito con te, Giacomo..........
--
========================
Marco Marcelli - Genova
========================
enziotempo
2007-12-05 18:32:35 UTC
Permalink
Post by Meister Jakob
La cosa triste è che la maggior parte di loro se n'è andata proprio per
l'eccesso di OT.
Non ci credo. Perché non scrivono sul gruppo moderato allora?

ET
Marco Marcelli
2007-12-05 18:44:13 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Non ci credo. Perché non scrivono sul gruppo moderato allora?
Perche' scrivere ed avere il maestro (=moderatore) che ti corregge il
compitino non e' sempre piacevole.....
--
========================
Marco Marcelli - Genova
========================
Meister Jakob
2007-12-05 19:08:48 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Post by enziotempo
Non ci credo. Perché non scrivono sul gruppo moderato allora?
Perche' scrivere ed avere il maestro (=moderatore) che ti corregge il
compitino non e' sempre piacevole.....
Non solo: il fatto è che le stesse persone che magari mi facevano
innervosire per gli OT, erano poi ottimi interlocutori se si passava alla
musica.
Il moderato mi dava l'impressione di una Germania est dei vecchi tempi.

ciao
Giacomo
Archeopteryx
2007-12-05 19:25:41 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Perche' scrivere ed avere il maestro (=moderatore) che
ti corregge il compitino non e' sempre piacevole.....
Veramente i moderatori si attengo al manifesto - eppoi
Meister, noi ci conosciamo: ti paio un tipo da "Germania
Est"?

La sensazione di sentirsi
censurato/corretto/quel-che-vuoi è un po' troppo spesso il
nome che si dà alla parte malsana del proprio orgoglio
(parlo in generale, non di te che non ti conosco) che si
sente al di sopra e al di là delle regole di convivenza.
Una per tutte: hai notato quanto è pesante certo misquoting?
Un post anche lungo ripetuto intero per scrivere sotto (o,
peggio, all'inizio) cose come "quoto" "sono d'accordo".
Ormai la connessione veloce l'hanno tutti, non è questione
di intasamento del download, è banalmente questione di
leggibilità.

Ho cercato di dire questo con termini più soft nel post
più sopra ma visto che così parliamo, mi adeguo :)

ciao ciao

Apx.
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
Luca Logi
2007-12-05 20:40:57 UTC
Permalink
Post by Archeopteryx
Post by Marco Marcelli
Perche' scrivere ed avere il maestro (=moderatore) che
ti corregge il compitino non e' sempre piacevole.....
Veramente i moderatori si attengo al manifesto - eppoi
Meister, noi ci conosciamo: ti paio un tipo da "Germania
Est"?
I moderatori attuali hanno ereditato una situazione probabilmente
disperata, e non credo che possano farci nulla. Ho piuttosto
l'impressione che il Peres - fondatore e primo moderatore di iamcm -
abbia sbagliato inizialmente la politica con alcuni interventi
azzardati, e che perciò il newsgroup moderato non sia realmente mai
decollato.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Archeopteryx
2007-12-05 20:47:23 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
I moderatori attuali hanno ereditato una situazione
probabilmente disperata, e non credo che possano farci
nulla. Ho piuttosto l'impressione che il Peres -
fondatore e primo moderatore di iamcm - abbia sbagliato
inizialmente la politica con alcuni interventi
azzardati, e che perciò il newsgroup moderato non sia
realmente mai decollato.
Penso che sia un po' come dici ed è difficile scrollarsi
da una partenza cattiva. Però, se come ipotizzavi, non lo
chiudono vorrà dire che starà sempre lì aperto e pronto ad
adempiere il suo scopo. Si sperava che fosse uno strumento
utile anche ai neofiti intimoriti, e credo ce ne siano
parecchi che lurkano senza "osare" uscire qui. Mi
rimanderai forse al post in cui raccontavi la tua prima
uscita, ma tu sei un caso particolare. La musica è il tuo
lavoro e non credo che uno che volesse prenderti di punta
farebbe la scelta migliore puntando te. Altri, magari
ignoranti, compensano con un po' di menefreghismo (è il
mio caso, ad esempio) e altri ancora hanno il loro mix di
motivazioni e "armi" per sostenere i confronti. Beh,
vedremo che succede :)

ciao!

Apx.
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
enziotempo
2007-12-06 02:58:57 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
I moderatori attuali hanno ereditato una situazione probabilmente
disperata, e non credo che possano farci nulla. Ho piuttosto
l'impressione che il Peres - fondatore e primo moderatore di iamcm -
abbia sbagliato inizialmente la politica con alcuni interventi
azzardati, e che perciò il newsgroup moderato non sia realmente mai
decollato.
Ma oltre al nostro amico AQ che ogni tanto leggo sul Manifesto e che
ascolto su radio3 la notte del sabato/domenica, c'è stata (o c'è e si
nasconde) altra gente nota nel campo della critica che abbia scritto,
qui o di là, nel corso degli anni? Tempo fa facendo una ricerchina mi
ritrovai con una discussione intorno all'operato di un noto critico
del corriere; ad un certo punto sembrava che questi fosse intervenuto
direttamente con nome e cognome...

ET
Luca Logi
2007-12-06 06:49:47 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Ma oltre al nostro amico AQ che ogni tanto leggo sul Manifesto e che
ascolto su radio3 la notte del sabato/domenica, c'è stata (o c'è e si
nasconde) altra gente nota nel campo della critica che abbia scritto,
qui o di là, nel corso degli anni? Tempo fa facendo una ricerchina mi
ritrovai con una discussione intorno all'operato di un noto critico
del corriere; ad un certo punto sembrava che questi fosse intervenuto
direttamente con nome e cognome...
Per quello che mi ricordo, PI (che oltretutto disprezza la modernità)
non dovrebbe essere mai intervenuto. Fra i giornalisti, ricordo nei
primi tempi Fabio Isman del Messaggero.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
enziotempo
2007-12-06 20:13:23 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Per quello che mi ricordo, PI (che oltretutto disprezza la modernità)
non dovrebbe essere mai intervenuto. Fra i giornalisti, ricordo nei
primi tempi Fabio Isman del Messaggero.
Se non lo sapete voi che c'eravate... :-) io so che facendo delle
ricerche su "critica e musica", circa un anno fa, trovai questo
messaggio. E non cercai nel database del gruppo ma su google.
-----------------------------------------------------------------
Newsgroup: it.arti.musica.classica
Da: "Paolo Isotta" <***@rcs.it>
Data: Tue, 20 Feb 2001 21:43:28 GMT
Locale: Mar 20 Feb 2001 22:43
Oggetto: Re: Paolo Isotta: che ne pensate?
-----------------------------------------------------------------
Luca Logi
2007-12-06 20:34:43 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Post by Luca Logi
Per quello che mi ricordo, PI (che oltretutto disprezza la modernità)
non dovrebbe essere mai intervenuto. Fra i giornalisti, ricordo nei
primi tempi Fabio Isman del Messaggero.
Se non lo sapete voi che c'eravate... :-) io so che facendo delle
ricerche su "critica e musica", circa un anno fa, trovai questo
messaggio. E non cercai nel database del gruppo ma su google.
se è per questo abbiamo avuto anche insigni compositori nel newsgroup,
per esempio:

http://groups.google.it/group/it.arti.musica.classica/msg/461714a2538348
ae
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
enziotempo
2007-12-06 20:44:54 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
se è per questo abbiamo avuto anche insigni compositori nel newsgroup,
Ah ah ah... però dai, l'altro, pur nel dubbio che mi colse, sembrava
vero.

ET
Luca Logi
2007-12-06 21:06:37 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Ah ah ah... però dai, l'altro, pur nel dubbio che mi colse, sembrava
vero.
naaaaaa
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Giovanni Lavena
2007-12-06 22:33:08 UTC
Permalink
Post by enziotempo
Ma oltre al nostro amico AQ che ogni tanto leggo sul Manifesto e che
ascolto su radio3 la notte del sabato/domenica, c'è stata (o c'è e si
nasconde) altra gente nota nel campo della critica che abbia scritto,
qui o di là, nel corso degli anni?
Alcune volte è intervenuto Alessandro Zignani e per diverso tempo ha scritto
qui Gianni Morelenbaum Gualberto.

Giovanni

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Schillogeno
2007-12-06 23:08:03 UTC
Permalink
Post by Giovanni Lavena
Post by enziotempo
Ma oltre al nostro amico AQ che ogni tanto leggo sul Manifesto e che
ascolto su radio3 la notte del sabato/domenica, c'è stata (o c'è e si
nasconde) altra gente nota nel campo della critica che abbia scritto,
qui o di là, nel corso degli anni?
Alcune volte è intervenuto Alessandro Zignani e per diverso tempo ha scritto
qui Gianni Morelenbaum Gualberto.
Secondo me ci scrive tuttora, anche se occasionelmente e/o con altro
nickname.


"Scrivere di musica è come ballare di architettura."

Frank Zappa, 1940-1993
Giuseppe Sottotetti
2007-12-05 22:03:53 UTC
Permalink
In data Wed, 05 Dec 2007 20:25:41 +0100, Archeopteryx
Post by Archeopteryx
La sensazione di sentirsi
censurato/corretto/quel-che-vuoi è un po' troppo spesso il
nome che si dà alla parte malsana del proprio orgoglio
Ho l'abitudine di citare un fatto cui ho assistito ad un semaforo a
Lugano: un vigile multa un ciclista. A parte che da noi è già difficile
far osservare il codice della strada agli automobilisti... la cosa che più
stupisce l'italiano che osserva una simile scena è la tranquillità del
ciclista elvetico: è stato colto in fallo; gli è andata male; non fa i
salti di gioia ma accetta la cosa. Da noi invece il poliziotto sarebbe
stato investito da insulti - se non anche peggio - per il semplice fatto
di aver fatto il proprio dovere. E' che noi non vogliamo arbitri (se non
perché bastonino gli altri) e se proprio ci debbono essere è per definirli
cornuti.
Se inizio un thread io lo posto anche sul gruppo moderato e talvolta mi
capita anche di postare su altri gruppi moderati, ma francamente se non è
il newsreader a dirmelo neanche mi accorgo che la moderazione esiste e non
è certo la risposta del robomoderatore a infastidirmi. E' che purtroppo
siamo allergici alle regole.
--
Giuseppe Sottotetti
***@alice.it
http://SottotettiGiuseppe.ilcannocchiale.it
Meister Jakob
2007-12-06 07:28:52 UTC
Permalink
"Giuseppe Sottotetti" <***@alice.it> ha scritto

. Da noi invece il poliziotto sarebbe
Post by Giuseppe Sottotetti
stato investito da insulti - se non anche peggio - per il semplice fatto
di aver fatto il proprio dovere.
Non so dove vivi, ma dalle mie parti una cosa del genere non l'ho mai vista.
Come non ho mai sentito scartare caramelle o trillare telefonini ai concerti
come lamentavano in molti tempo fa.
Ma per tornare a noi, cosa si è ottenuto dall'edificante scambio tra Lomi e
Zazie?
Pensi che si potranno sedere amichevolmente a tavola in una delle prossime
crapule?
Intanto Zazie si è eclissata...
Ben venganole discussioni, ancorchè accanite, su temi musicali.
Quando si va sul personale, con insulti pesanti, per me i danni sono
irrimediabili.
ciao
Giacomo
Archeopteryx
2007-12-06 07:33:26 UTC
Permalink
Post by Meister Jakob
Quando si va sul personale, con insulti pesanti, per me
i danni sono irrimediabili.
Ho da poco tempo avuto modo di constatarlo pure io, con
mio dispiacere ma pazienza... sarebbe stato peggio con
rapporti personali già in piedi.

ciao!

C.

PS - salutami le donne di casa e gli strumenti :)
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
Giampaolo Lomi
2007-12-06 10:29:55 UTC
Permalink
Il Thu, 6 Dec 2007 08:28:52 +0100, "Meister Jakob" <Meister
Post by Meister Jakob
Ma per tornare a noi, cosa si è ottenuto dall'edificante scambio tra Lomi e
Zazie?
Pensi che si potranno sedere amichevolmente a tavola in una delle prossime
crapule?
Intanto Zazie si è eclissata...
Per quanto mi riguarda non ho mai avuto niente contro Zazie o contro
chiunque altro col quale (diciamo) abbia dato vita, o sopportato un
"flame".
Nel caso specifico mi sono risentito non per problemi musicali. Come
ricorderai eravamo OT. Ma non permetto a nessuno sentirmi chiamare
"ehi...vecchio fascista..." e sentirmi rimproverare (in quanto
italiano) di aver "votato" per Mussolini quando anche i gatti sanno
che fu il Re a dargli l'incarico di formare il governo dopo la marcia
su Roma. Se questo accade, perdo il cosiddetto lume degli occhi.
E' chiaro che le reazioni, a mente fredda, appaiono esagerate e uno
forse anche se ne pente. Ma chi può controllare le reazioni nel
momento in cui i fatti accadono? Se questo fosse possibile vivremmo
veramente nel migliore dei mondi possibili vagheggiato da Candide, ma
ahimè la natura umana non è così, anche se ci saranno delle eccezioni,
ma nè io nè Zazie ne facciamo parte.

GP
enrico
2007-12-06 13:11:34 UTC
Permalink
Post by Giampaolo Lomi
Il Thu, 6 Dec 2007 08:28:52 +0100, "Meister Jakob" <Meister
Post by Meister Jakob
Ma per tornare a noi, cosa si è ottenuto dall'edificante scambio tra Lomi e
Zazie?
Pensi che si potranno sedere amichevolmente a tavola in una delle prossime
crapule?
Intanto Zazie si è eclissata...
Per quanto mi riguarda non ho mai avuto niente contro Zazie o contro
chiunque altro col quale (diciamo) abbia dato vita, o sopportato un
"flame".
Nel caso specifico mi sono risentito non per problemi musicali. Come
ricorderai eravamo OT. Ma non permetto a nessuno sentirmi chiamare
"ehi...vecchio fascista..." e sentirmi rimproverare (in quanto
italiano) di aver "votato" per Mussolini quando anche i gatti sanno
che fu il Re a dargli l'incarico di formare il governo dopo la marcia
su Roma. Se questo accade, perdo il cosiddetto lume degli occhi.
E' chiaro che le reazioni, a mente fredda, appaiono esagerate e uno
forse anche se ne pente. Ma chi può controllare le reazioni nel
momento in cui i fatti accadono? Se questo fosse possibile vivremmo
veramente nel migliore dei mondi possibili vagheggiato da Candide, ma
ahimè la natura umana non è così, anche se ci saranno delle eccezioni,
ma nè io nè Zazie ne facciamo parte.
GP
"Ad rivum eundem..."

E.
Giuseppe Sottotetti
2007-12-06 16:25:19 UTC
Permalink
In data Thu, 06 Dec 2007 11:29:55 +0100, Giampaolo Lomi
Post by Giampaolo Lomi
E' chiaro che le reazioni, a mente fredda, appaiono esagerate e uno
forse anche se ne pente.
E se levassimo quel "forse"?

Per altro non sta a me giudicare chicchessia perché ho da guardare in
faccia a me stesso. Posso giudicare il mio comportamento immacolato?
Davidino subito rimproverò la nostra vigliaccheria con queste parole:
"E mi fa particolarmente specie che, non tanto le persone che non stimo
per niente, quanto amici di provata intelligenza e sensibilità, che
pure ho visto intervenire stamattina, non si siano spesi per dire una
parola."
E' vero che allora pensavo che la "mouflette" avrebbe risposto di par suo
senza bisogno di un avvocato delle cause perse come me, ma il suo silenzio
mi fa credere retrospettivamente di essermi sbagliato. Di fronte a un post
francamente eccessivo nel tono, che avrebbe ferito e offeso la
destinataria più di quanto potesse meritare mi sono dedicato all'onanismo
purcelliano. O se preferisci, ho preferito "interessarmi" a Purcell per
vedere in questo modo di sedare una situazione insostenibile, come quando
si cambia conversazione bruscamente per evitare che si noti una gaffe.
Se Zazie ha dunque scelto di lasciare il gruppo a causa del tuo intervento
- ciò di cui mi dispiacerei non poco - la colpa non è dunque, purtroppo,
esclusivamente tua.
--
Giuseppe Sottotetti
***@alice.it
http://SottotettiGiuseppe.ilcannocchiale.it
Archeopteryx
2007-12-06 17:02:55 UTC
Permalink
Post by Giuseppe Sottotetti
Se Zazie ha dunque scelto di lasciare il gruppo a causa
del tuo intervento - ciò di cui mi dispiacerei non poco
- la colpa non è dunque, purtroppo, esclusivamente tua.
Mica l'ha lasciato, scrive ma sotto pseudonimo :) Spero però
che torni come "zazie" e che torni anche pace e pene...
ehm... volevo dire "bene".
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
Moosbrugger
2007-12-06 23:13:22 UTC
Permalink
Post by Giuseppe Sottotetti
E se levassimo quel "forse"?
Per altro non sta a me giudicare chicchessia perché ho da guardare in
faccia a me stesso. Posso giudicare il mio comportamento immacolato?
"E mi fa particolarmente specie che, non tanto le persone che non stimo
per niente, quanto amici di provata intelligenza e sensibilità, che
pure ho visto intervenire stamattina, non si siano spesi per dire una
parola."
E' vero che allora pensavo che la "mouflette" avrebbe risposto di par
suo senza bisogno di un avvocato delle cause perse come me, ma il suo
silenzio mi fa credere retrospettivamente di essermi sbagliato. Di
fronte a un post francamente eccessivo nel tono, che avrebbe ferito e
offeso la destinataria più di quanto potesse meritare mi sono dedicato
all'onanismo purcelliano. O se preferisci, ho preferito "interessarmi"
a Purcell per vedere in questo modo di sedare una situazione
insostenibile, come quando si cambia conversazione bruscamente per
evitare che si noti una gaffe.
Se Zazie ha dunque scelto di lasciare il gruppo a causa del tuo
intervento - ciò di cui mi dispiacerei non poco - la colpa non è
dunque, purtroppo, esclusivamente tua.
Io invece ho avuto subito la netta impressione che Zazie non
avrebbe risposto a quel post. E mi è parso subito chiaro che si
poteva rispondere a quel post come meritava, dando inizio ad un
flame epocale che probabilmente avrebbe fatto più male che bene
alla diretta interessata, o fare a quel post meno pubblicità
possibile.

M.
Zadok (MdG)
2007-12-07 00:02:30 UTC
Permalink
Io invece ho avuto subito la netta impressione che Zazie non avrebbe
risposto a quel post.
Quoto
E mi è parso subito chiaro che si poteva
rispondere a quel post come meritava, dando inizio ad un flame epocale
che probabilmente avrebbe fatto più male che bene alla diretta
interessata, o fare a quel post meno pubblicità possibile.
M.
Purtroppo è successa la prima delle due cose.

Ma credo che ormai la frittata sia stata fatta... difficilmente tornerà
a meno di qualche miracolo. Piuttosto le conseguenze della cosa potrebbe
essere dannose per l'esistenza stessa di questo gruppo... mmmmh

Zadok
Kermit
2007-12-07 10:57:52 UTC
Permalink
Post by Zadok (MdG)
Ma credo che ormai la frittata sia stata fatta... difficilmente tornerà
a meno di qualche miracolo. Piuttosto le conseguenze della cosa potrebbe
essere dannose per l'esistenza stessa di questo gruppo... mmmmh
Ahoo!!!, ma piantatela con questo piagnisteo. Non mi pare che la nostra
amata zazie si sia mai tirata indietro quando c'era da offendere qualcuno.
Se ha accusato il colpo, cosa che non credo, problema suo. Se ha altro da
fare, come credo, meglio per lei. Ma vi pare che possa essersi spaventata
per cosí poco?
E il gruppo va avanti lo stesso: mi pare che gli OT non manchino anche senza
la presenza della nostra, e neppure i flames. :-)
K>
mario r.p.
2007-12-07 11:35:01 UTC
Permalink
Post by Kermit
Ahoo!!!, ma piantatela con questo piagnisteo. Non mi pare che la nostra
amata zazie si sia mai tirata indietro quando c'era da offendere qualcuno.
Se ha accusato il colpo, cosa che non credo, problema suo. Se ha altro da
fare, come credo, meglio per lei.
Giusto!
Diamoci un taglio... credetemi, è meglio!

ma MOLTO meglio ;-)

m.
dimitri
2007-12-09 08:03:30 UTC
Permalink
Oh, gente, avete letto cosa ha scritto Kermit?
Post by Kermit
Post by Zadok (MdG)
Ma credo che ormai la frittata sia stata fatta... difficilmente
tornerà a meno di qualche miracolo. Piuttosto le conseguenze della
cosa potrebbe essere dannose per l'esistenza stessa di questo
gruppo... mmmmh
Ahoo!!!, ma piantatela con questo piagnisteo. Non mi pare che la
nostra amata zazie si sia mai tirata indietro quando c'era da
offendere qualcuno.
decisamente... è il suo sport preferito!!! ;-)
non sono mai riuscito a fare una conversazione tranquilla e ragionata con
lei perchè ogni volta che io la pensavo diversamente lei inziava ad
insultare... penso sia un difetto della socializzazione peraltro piuttosto
comune, nulla di grave... un po' fastidioso al limite...
Se ha accusato il colpo, cosa che non credo,
Post by Kermit
problema suo. Se ha altro da fare, come credo, meglio per lei. Ma vi
pare che possa essersi spaventata per cosí poco?
no, decisamente no....
Post by Kermit
E il gruppo va avanti lo stesso: mi pare che gli OT non manchino
anche senza la presenza della nostra, e neppure i flames. :-)
infatti... tan'è che anche il mio tentativo di immettere una coversazione un
po' più alta sul gradimento della classica in Italia ha avuto un seguito
minimale...
D.

davidino
2007-12-07 00:06:06 UTC
Permalink
Post by Giuseppe Sottotetti
In data Thu, 06 Dec 2007 11:29:55 +0100, Giampaolo Lomi
Post by Giampaolo Lomi
E' chiaro che le reazioni, a mente fredda, appaiono esagerate e uno
forse anche se ne pente.
E se levassimo quel "forse"?
Per altro non sta a me giudicare chicchessia perché ho da guardare in
faccia a me stesso. Posso giudicare il mio comportamento immacolato?
"E mi fa particolarmente specie che, non tanto le persone che non stimo
per niente, quanto amici di provata intelligenza e sensibilità, che
pure ho visto intervenire stamattina, non si siano spesi per dire una
parola."
E' vero che allora pensavo che la "mouflette" avrebbe risposto di par suo
senza bisogno di un avvocato delle cause perse come me, ma il suo silenzio
mi fa credere retrospettivamente di essermi sbagliato. Di fronte a un post
francamente eccessivo nel tono, che avrebbe ferito e offeso la
destinataria più di quanto potesse meritare mi sono dedicato all'onanismo
purcelliano. O se preferisci, ho preferito "interessarmi" a Purcell per
vedere in questo modo di sedare una situazione insostenibile, come quando
si cambia conversazione bruscamente per evitare che si noti una gaffe.
Se Zazie ha dunque scelto di lasciare il gruppo a causa del tuo intervento
- ciò di cui mi dispiacerei non poco - la colpa non è dunque, purtroppo,
esclusivamente tua.
Tu confermi, anche se nn c'è proprio bisogno che lo sottolinei io, di
essere proprio una brava persona.

davide
Giuseppe Sottotetti
2007-12-07 07:20:51 UTC
Permalink
Post by davidino
Tu confermi, anche se nn c'è proprio bisogno che lo sottolinei io, di
essere proprio una brava persona.
Ti assicuro che quando mi incavolo so essere insopportabile.
--
Giuseppe Sottotetti
***@alice.it
http://SottotettiGiuseppe.ilcannocchiale.it
davidino
2007-12-07 08:23:22 UTC
Permalink
Post by Giuseppe Sottotetti
Post by davidino
Tu confermi, anche se nn c'è proprio bisogno che lo sottolinei io, di
essere proprio una brava persona.
Ti assicuro che quando mi incavolo so essere insopportabile.
Eh, ma hai presente con chi stai parlando?
Lo dici proprio a me??

:-)))

d

ps: in due post di due righe ho scritto "proprio" 3 volte. Con questa
4. alle volte sarà il caso di rileggere prima di... vabbè...
cinghio
2007-12-06 12:28:59 UTC
Permalink
Post by Meister Jakob
Intanto Zazie si è eclissata...
Spero che, semplicemente, abbia qualcosa di più divertente o produttivo
da fare.

c
--
I cinghiali non li caga mai nessuno, lontani dalla polenta........
enziotempo
2007-12-06 20:27:21 UTC
Permalink
Post by Meister Jakob
Ma per tornare a noi, cosa si è ottenuto dall'edificante scambio tra Lomi e
Zazie?
C'era tensione e ora c'è rilassamento. Comunque se vuoi "cambiare le
cose", o semplicemente fare chiarezza in mezzo ad una bolgia, devi
urlare e talvolta usare metodi non propriamente eleganti. In un mondo
psichicamente meno collassato su sè stesso potremme tutti fare a meno
di metodi violenti.

Non dico che questa debba essera la prassi, dico solo che talvolta
occorre perdere la ragione pur mantenendola. La discussione
verbalmente violenta e sempre meglio della violenza fisica. Anzi, è
vivamente consigliata quando si ha voglia di strozzare qualcuno.

ET
Meister Jakob
2007-12-05 22:15:48 UTC
Permalink
"Archeopteryx" <***@libero_NOMAIL_.it> ha scritto

Veramente i moderatori si attengo al manifesto - eppoi
Meister, noi ci conosciamo: ti paio un tipo da "Germania
Est"?

No certo!
Ma era l'atmosfera che si respirava lì dentro dopo la scissione.
ciao
Giacomo
Schillogeno
2007-12-05 23:35:40 UTC
Permalink
On Tue, 4 Dec 2007 13:53:01 +0100, "Meister Jakob" <Meister
***@yahoo.it> wrote:

Caro Giacomo, mi fa piacere leggerti-
Post by Meister Jakob
Se lo dici tu... Pensa a quanti eccellenti interlocutori ci sarebbero se si
decidesse una buona volta di piantarla con la politica.
Basterbbe che lo facessero con molto humor, secondo me.
Post by Meister Jakob
Non diciamo che così si crea una bella atmosfera da bar sport: il risultato
è stato solo quello di inasprire gli animi, di mettere in mostra il peggio
che c'è in noi, di far scappare persone che non amano le volgarità gratuite.
Nei primi anni ci si devertiva molto e gli OT di Schillogeno o di Vinix
meriterebbero di essere raccolti in un libro.
Io sprizzo tuttora ironia da tutti i pori.

E' Vinix che è invecchiato. Una sorte comune a molti toscani entrati
nel tunnel delle Libertà : gli diventa la tetsa a Pera.
Post by Meister Jakob
Vedo che anche l'amico Klaus ha da tempo abbandonato il ng...
Anche questa è una perdita grave. Come peraltro molte di quelle da te
citate. A partire da te.

Ciao.


"Scrivere di musica è come ballare di architettura."

Frank Zappa, 1940-1993
Roberto Mastrosimone
2007-12-03 09:16:45 UTC
Permalink
Post by francesco
Post by Gruppo Coordinamento NEWS-IT
Questo newsgroup è rivolto a coloro che desiderano discutere di musica
no come quotati musicisti o
Post by francesco
persone di cultura, pertanto qualificabili come potenziali fonti di
arricchimento.
Confesso di essere rimasto spesso disgustato, non perchè sia un moralista
bigotto ma perchè si arriva a decine e centinaia di messaggi scambiati tra
pochi che si accapigliano su sofismi o inezie al solo scopo di segnal> >
classica e lirica all'interno di uno spazio appositamente creato.
Post by francesco
Post by Gruppo Coordinamento NEWS-IT
. Utilizziamo 'Subject: ' chiari ed esplicativi evitando,
nei reply, che il tema degeneri. I nostri interventi saranno così ad "alta
leggibilità" e le discussioni piacevoli.
COSI HO LETTO CON PIACERE, e lo stesso avevo letto un mese fa appena venuto
a conoscenza di questo spazio dal titolo cosi interessante.
(cut)
Post by francesco
Ma che vita è se per parlare
di musica ci si scanna verbalmente cosi?
Scusate la lunghezza e grazie a chi ha avuto la pazienza di arrivare fino a
questa riga.
Fra tre giorni saranno 7 (sette) anni che frequento attivamente questo Ng
e sono sette anni che quanto scrivi sopra viene spesso lamentato da alcuni
che poi rassegnati se ne vanno....
Io sono rimasto. D'altronde qui ho fatto amicizie preziose con persone che
altrimenti non avrei mai conosciuto e questo mi compensa abbondantemente
dell'eventuale [ma relativo (basta non leggere alcuni thread ed evitare
alcune "firme")] disagio di dover censurare gran parte dei post. In fondo
anche nella vita di tutti i giorni evitiamo persone e situazioni che
giudichiamo non adeguate a noi: insomma l'allenamento non dovrebbe
mancarci....
Resta, abbi pazienza e forse sarai ripagato.
Ciao
Roberto
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Andrea Solari
2007-12-03 12:00:06 UTC
Permalink
Io invece faccio parte del gruppetto di alcuni che se ne sono andati. Leggo
molto saltuariamente, senza quasi mai intervenire, e il più delle volte
quello che vedo mi dice che ho fatto bene a lasciar perdere. Ma ognuno vede
le cose a modo suo...


Andrea
Post by Roberto Mastrosimone
Fra tre giorni saranno 7 (sette) anni che frequento attivamente questo Ng
e sono sette anni che quanto scrivi sopra viene spesso lamentato da alcuni
che poi rassegnati se ne vanno....
Io sono rimasto. D'altronde qui ho fatto amicizie preziose con persone che
altrimenti non avrei mai conosciuto e questo mi compensa abbondantemente
dell'eventuale [ma relativo (basta non leggere alcuni thread ed evitare
alcune "firme")] disagio di dover censurare gran parte dei post. In fondo
anche nella vita di tutti i giorni evitiamo persone e situazioni che
giudichiamo non adeguate a noi: insomma l'allenamento non dovrebbe
mancarci....
Resta, abbi pazienza e forse sarai ripagato.
Ciao
Roberto
Giampaolo Lomi
2007-12-03 13:30:36 UTC
Permalink
Il Mon, 3 Dec 2007 13:00:06 +0100, "Andrea Solari"
Post by Andrea Solari
Io invece faccio parte del gruppetto di alcuni che se ne sono andati. Leggo
molto saltuariamente, senza quasi mai intervenire, e il più delle volte
quello che vedo mi dice che ho fatto bene a lasciar perdere. Ma ognuno vede
le cose a modo suo...
Andrea
E' come "Grand Hotel"...Gente che va, gente che viene....tutto senza
scopo....

Grande Edmund Goulding ! Forse Vinix si ispirò a lui nel lontano 1996

GP
Giuseppe Sottotetti
2007-12-03 16:57:12 UTC
Permalink
In data Mon, 03 Dec 2007 13:00:06 +0100, Andrea Solari
Leggo molto saltuariamente, senza quasi mai intervenire
E' un peccato (che tu intervenga di rado). I pochi interventi targati .ch
che trovo sul gruppo mi sembrano molto buoni. E del resto, ammesso e non
concesso che io predichi bene non è che razzoli poi in modo tanto egregio
perché mi rendo conto di contribuire anche io alla fluffa che circola qui.
Ma fatevi vivi un po' più spesso, almeno uno che drizza l'antennina quando
vede i vostri nomi c'è.
--
Giuseppe Sottotetti
***@alice.it
http://SottotettiGiuseppe.ilcannocchiale.it
Giovanni Lavena
2007-12-03 17:53:23 UTC
Permalink
Post by Roberto Mastrosimone
Fra tre giorni saranno 7 (sette) anni che frequento attivamente questo Ng
e sono sette anni che quanto scrivi sopra viene spesso lamentato da alcuni
che poi rassegnati se ne vanno....
Io sono rimasto. D'altronde qui ho fatto amicizie preziose con persone che
altrimenti non avrei mai conosciuto e questo mi compensa abbondantemente
dell'eventuale [ma relativo (basta non leggere alcuni thread ed evitare
alcune "firme")] disagio di dover censurare gran parte dei post. In fondo
anche nella vita di tutti i giorni evitiamo persone e situazioni che
giudichiamo non adeguate a noi: insomma l'allenamento non dovrebbe
mancarci....
Resta, abbi pazienza e forse sarai ripagato.
D'accordo più o meno su tutto (la mia frequentazione è un po' più breve e le
amicizie non ci sono, ma su questo incide assai, credo, la mia situazione
geografica).

Ciao
Giovanni

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Giannib
2007-12-03 10:41:41 UTC
Permalink
Il 03/12/2007, francesco ha detto :

Ma con gran fatica nel cercare di discernere le cose per
Post by francesco
cui valesse la pena di frequentare questa news, che in verità ho pure
trovato, in un mare di rissosità, arroganza, permalosità.... a cui purtroppo
cedono anche persone i cui curricula qualificano come quotati musicisti o
persone di cultura, pertanto qualificabili come potenziali fonti di
arricchimento.
RE:Beh,non e' detto che il professionista della musica disponga di una
cultura umanistica e di una educazione superiore.
Non volendo offendere nessuno,basti pensare a molti grandi
professionisti del Rock che come opinion maker e maestri di bon ton non
valgono niente:-)
Nella mia vita ho conosciuti eccellenti strumentisti,ballerini ecc.
che,al di fuori del loro settore,erano persone assolutamente primitive
e volgari.
Ciao
Gianni
Moosbrugger
2007-12-03 10:52:38 UTC
Permalink
Post by Giannib
RE:Beh,non e' detto che il professionista della musica disponga di una
cultura umanistica e di una educazione superiore.
Non volendo offendere nessuno,basti pensare a molti grandi
professionisti del Rock che come opinion maker e maestri di bon ton non
valgono niente:-)
Perchè, tu credi che la grande maggioranza dei musicisti
classici (compresa la quasi totalità dei direttori, che invece
passano misteriosamente per intellettuali) possieda cultura
umanistica ed educazione superiore ? Come "opinion maker"
strictu sensu poi non c'è confronto fra i grandi del rock e i
grandi interpreti classici, ovviamente a favore dei primi. Poi
sulla qualità delle "opinions" potremo discutere quanto vuoi.
Post by Giannib
Nella mia vita ho conosciuti eccellenti strumentisti,ballerini ecc.
che,al di fuori del loro settore,erano persone assolutamente primitive e
volgari.
Infatti, dai professionisti è lecito aspettarsi opinioni
autorevoli per quanto riguarda strettamente il campo di loro
competenza, tutto il resto è optional.

M.
Giannib
2007-12-03 11:21:22 UTC
Permalink
Infatti, dai professionisti è lecito aspettarsi opinioni autorevoli per
quanto riguarda strettamente il campo di loro competenza, tutto il resto è
optional.
RE:Beh,a volte manco nel loro campo:-)
Un mio amico critico,probabilmente in un impeto di difesa
corporativa,diceva che gli artisti in generale hanno una spropositata
autoestima,ed uno scarsissimo senso autocritico.Il tutto,unito ad un
forte egocentrismo,li rende del tutto inattendibili soprattutto quando
parlano della propria arte e degli altri artisti:-)
Probabilmente il mio amico cadeva nello stesso errore che rimproverava
agli altri:-)
Personalmente,pero',ho potuto constatare che i ballerini classici sono
dei pessimi critici di balletto.Si profondono sempre in sperticate lodi
nei confronti di coloro che danno meno ombra,meglio se
defunti,accusando regolarmente di stupidita' ed ignoranza critica e
pubblico:-)
Ciao
Gianni
Moosbrugger
2007-12-03 12:45:06 UTC
Permalink
Post by Giannib
RE:Beh,a volte manco nel loro campo:-)
Un mio amico critico,probabilmente in un impeto di difesa
corporativa,diceva che gli artisti in generale hanno una spropositata
autoestima,ed uno scarsissimo senso autocritico.Il tutto,unito ad un
forte egocentrismo,li rende del tutto inattendibili soprattutto quando
parlano della propria arte e degli altri artisti:-)
Il tuo amico esagerava, ma non aveva tutti i torti. In
particolare, l'egocentrismo di alcuni grandi direttori è tale
che li porta a circondarsi abitualmente di coglioni adoranti.

M.
mauro@yahoo.it
2007-12-03 12:57:21 UTC
Permalink
Post by francesco
Post by Gruppo Coordinamento NEWS-IT
Questo newsgroup è rivolto a coloro che desiderano discutere di musica
classica e lirica all'interno di uno spazio appositamente creato.
. Utilizziamo 'Subject: ' chiari ed esplicativi evitando,
nei reply, che il tema degeneri. I nostri interventi saranno così ad "alta
leggibilità" e le discussioni piacevoli.
COSI HO LETTO CON PIACERE, e lo stesso avevo letto un mese fa appena venuto
a conoscenza di questo spazio dal titolo cosi interessante.
All'inizio mi ero lamentato di una eccessiva animosità al limite della
violenza verbale a cui spesso arrivano gli interventi di qui.
Mi è stato consigliato di pazientare per conoscere meglio, e cosi ho fatto
per oltre un mese. Ma con gran fatica nel cercare di discernere le cose per
cui valesse la pena di frequentare questa news, che in verità ho pure
trovato, in un mare di rissosità, arroganza, permalosità.... a cui purtroppo
cedono anche persone i cui curricula qualificano come quotati musicisti o
persone di cultura, pertanto qualificabili come potenziali fonti di
arricchimento.
Confesso di essere rimasto spesso disgustato, non perchè sia un moralista
bigotto ma perchè si arriva a decine e centinaia di messaggi scambiati tra
pochi che si accapigliano su sofismi o inezie al solo scopo di segnalare chi
è il più bravo a zittire l'altro con artifizi verbali.
Come se questo spazio, anzichè libero a tutti per lo scopo dichiarato, fosse
una arena privata o un ring per pugili, ancor più che un bar.
Ritengo pertanto utile invitare anche i "vecchi" della new a rileggersi il
messaggio su richiamato e a farne tesoro.
Assicuro, da appassionato di musica seppur dotato di minor conoscenza
rispetto ad altri che qui scrivono, che ne verrà accresciuta la
considerazione di chi avendo da dire cose serie sulla musica lo dirà con
toni appropriati, per spiegare e convincere anzichè prevaricare, ricordando
che comunque lo scopo di questi luoghi di dibattito dovrebbe rimanere il
reciproco arricchimento conoscitivo e culturale, sia che ci si informi
banalmente su un titolo,sia che si affronti l'analisi formale o storica di
un autore o di un'opera.
Io e altri come me che possiamo essere secondi in conoscenza musicale, ma
non necessariamente secondi nell'esperienza globale del vivere tra le
persone, eviteremmo il dilemma di decidere se continuare o no a leggere
certi post di persone rissose o permalose, col rischio di perderci le
eventuali perle di sapere musicale che vi sono sparse qua e la e che
potrebbero arricchirci.
I presunti o reali esperti, in cambio, eviterebbero di essere sgradevoli, il
che non guasta affatto per chi ritenesse di avere qualcosa da insegnare.
Mi piacerebbe sapere se anche stavolta sono fuori tema, magari anche da chi
poco scrive. Potrebbe anche venir fuori che non sono il solo a pensare
queste cose e, forse,con la buona volontà di tutti i VERI amanti della
musica, rendere più gradevole questi scambi di conoscenze.
Qualcuno che qui cita giustamente Nietzsche, e io pur conoscendo poco questo
filosofo per esprimere un giudizio globale sul suo pensiero, tuttavia
condivido che la vita senza musica è un errore. Ma che vita è se per parlare
di musica ci si scanna verbalmente cosi?
Scusate la lunghezza e grazie a chi ha avuto la pazienza di arrivare fino a
questa riga.
Francesco Merli
Anch'io ho constatato ciò che dici: la litigiosità talvolta
disgustosetta, unita a una spiacevole tendenza - mi pare - a far
conventicole o gruppuscoli che parlano di non si sa bene cosa in un
codice vagamente ermetico. Un po' di bla bla, di pettegolezzo, di
colore locale è pure divertente, ma se diventa la norma sarebbe meglio
usare altri canali, più privati.
Il problema principale è separare il grano dal loglio. Diverse volte
ho trovato quasi per caso interventi molto interessanti nell'ambito di
discussioni parassitarie.
Comunque, ho anche quasi sempre trovato risposta alle mie più o meno
puerili domande, per cui non posso lamentarmi. Anche utilizzando il
gruppo come archivio, si trova una discreta mole di informazioni.
Sicuramente ho avuto più di quando abbia dato, se vogliamo metterla
così.
D'altronde, non sono certo un assiduo frequentatore. Insomma, uno,
quando vuole e ha tempo, visita l'agorà virtuale, e qualche persona
sensata la trova sempre (almeno finora). Sperare di più non credo sia
realistico: in fondo il gruppo rispecchia la realtà (a parte i
bruckneriani, immacolati, angelici per natura - vedi Hitler...). Poi,
pur con i miei non trascurabili accessi misantropici, mi sarebbe
piaciuto fare conoscenze anche per cose tipo viaggi a carattere
cultural-musicale, scambio dischi o libri ecc., ma, vista anche la mia
posizione periferica, finora non è stato possibile.

Saluti,

Mauro
Archeopteryx
2007-12-03 15:29:51 UTC
Permalink
Post by francesco
Scusate la lunghezza e grazie a chi ha avuto la
pazienza di arrivare fino a questa riga.
Quel che auspichi è impossibile :) Lo dicevo in un altro
post che non riesco a trovare il cui succo è grossomodo
quanto segue: il livello culturale medio di un NG di
questo tipo è abbastanza alto. Si va da persone di grande
cultura a persone che per quanto non troppo profonde
possiedono comunque una serie di armi affilate quali
dialettica, capacità di esprimersi, erudizione e così via.
Quando queste armi sono usate saggiamente (possono mai
esserlo? Boh...) è un conto, ma quando sono utilizzate
mosse dall'orgoglio e dall'attaccamento alle proprie
convinzioni di cui in qualche misura tutti soffriamo, et
voila, siore e siori, ecco qui IAMC.

S'intende che sto parlando di una relativa minoranza. Ma
si sa, se una minoranza è abbastanza incazzosa tende a
voler dettare le regole per tutti. E forse manco di
minoranza si tratta. La persona di cultura appena un po'
media non tollera di essere giudicata, anche se in senso
lato, da chicchessia: la versione moderata di questo NG è
praticamente deserta e verosimilmente sarà chiusa
d'ufficio per mancanza di traffico. Se la maggioranza
fosse infastidita dalla minoranza (taglio un po' con
l'accetta per spiegarmi), avrebbe le porte aperte
sull'altro NG ma chi sa come mai non ci posta quasi
nessuno. La mia idea è che in realtà gli OT politici e il
forte rumore di fondo non siano un fastidio per quasi
nessuno e se di fastidio si tratta è considerato meno
fastidioso di dover sottoporre le proprie opinioni a
qualcuno; si noti, non verrebbero giudicati i contenuti ma
si verificherebbero solo la conformità al manifesto e un
quoting rispettoso di chi legge. Va benissimo, ma questo -
non è il tuo caso - mi rende assai poco credibili coloro
che si lamentano per l'andazzo di questo NG quando ce n'è
uno parallelo in cui il rumore di fondo verrebbe filtrato
quanto possibile.

Nota che uno dei punti che si volle a suo tempo
enfatizzare su IAMCM fu il fatto di poter dare spazio ai
newbies senza timore che costoro potessero sentirsi
assaliti o inibiti da chicchessia. A quanto pare, non
molti desiderano uno spazio con queste caratteristiche.

ciao ciao

Apx.
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
Luca Logi
2007-12-03 16:16:16 UTC
Permalink
Post by Archeopteryx
la versione moderata di questo NG è
praticamente deserta e verosimilmente sarà chiusa
d'ufficio per mancanza di traffico.
Mi permetto di avanzare una previsione: nessun newsgroup italiano sarà
mai più chiuso per mancanza di traffico.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Archeopteryx
2007-12-03 16:21:01 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Mi permetto di avanzare una previsione: nessun
newsgroup italiano sarà mai più chiuso per mancanza di
traffico.
Spiega, sono curioso :)
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
Luca Logi
2007-12-03 16:36:23 UTC
Permalink
Post by Archeopteryx
Post by Luca Logi
Mi permetto di avanzare una previsione: nessun
newsgroup italiano sarà mai più chiuso per mancanza di
traffico.
Spiega, sono curioso :)
Ho la forte impressione che per vari motivi si voglia tenere aperto un
newsgroup quasi senza traffico; e questo significa che per tenere aperto
quel particolare newsgroup senza traffico bisogna tenerli aperti tutti.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Archeopteryx
2007-12-03 16:39:47 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Ho la forte impressione che per vari motivi si voglia
tenere aperto un newsgroup quasi senza traffico; e
questo significa che per tenere aperto quel particolare
newsgroup senza traffico bisogna tenerli aperti tutti.
hihhii capito... :D
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
Marco Marcelli
2007-12-03 19:59:23 UTC
Permalink
Post by Archeopteryx
hihhii capito... :D
Sigh..... io no.....
--
========================
Marco Marcelli - Genova
========================
Archeopteryx
2007-12-04 19:50:43 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Sigh..... io no.....
se ti riferisci al NG specifico manco io, sebbene in NG
moderati siano davvero pochi e si potrebbe cercare di
capire a quale Luca si riferisce. Ma io mi riferivo al
"more italico" di fare quel genere di operazioni cui
accennava Luca.
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
francesco
2007-12-04 20:37:27 UTC
Permalink
No mi aspettavo, col mio intervento sul "MANIFESTO e chi lo legge", di
avviare un dibattito così articolato e interessante. Forse pensavo solo a
uno sfogo prima di lasciare.
Riconosco di aver cambiato opinione su questa NG, che tra l'altro è l'unica
che seguo, a parte la mailing list del Forum La Tromba per via dello
stumento che vorrei imparare a suonare. Quest'ultimo è giustamente centrato
sullo strumento specifico e mi mancava un luogo dove si affronta in generale
la musica classica.
Che tante persone si siano coinvolte su un tema "da neofita" invece di
lascar perdere, è rassicurante e allo stesso tempo segnala che esiste ed
esisteva il problema problema, che questo non è ignorato anche se forse non
si trova modo di risolverlo con facilità.
Non volevo fare il moralista e questa reazione è più di quanto desiderassi
sentire.
Ovviamente leggerò con interesse il resto.
Grazie per la vostra attenzione.

Francesco Merli
Archeopteryx
2007-12-04 20:43:02 UTC
Permalink
Post by francesco
No mi aspettavo, col mio intervento sul "MANIFESTO e
chi lo legge", di avviare un dibattito così articolato
e interessante. Forse pensavo solo a uno sfogo prima di
lasciare.
Ma che lasciare :D Questo NG mal che vada è un ottimo
eserciziario di dialettica ed eristica e nel fare
esercizio si trovano delle vere perle: ho conosciuto 4-5
persone di grande valore e questo posso dirlo di ciascuno
dei NG che frequento. In questo senso, con pazienza, si
tratta di investimenti che si ripagano di un fattore
venti. Oltretutto, piano piano si inizia a capire chi è
ciascuno e si fa presto a fare una selezione dei post che
ci possono interessare per affinità erettive (apropos, ti
avevano detto che qui si organizzano orge? No? Ahhahah).

Ops, mi accorgo di aver scritto un post un po' ebefrenico.

ciao ciao

Apx.
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
francesco
2007-12-04 20:59:45 UTC
Permalink
Va bene, ho capito lo spirito e lo stile. Anche se a prima vista uno pensa
che che da una firma tipo mostro volante del pliocene non possa venire che
rozzezza, a seconda vista si ricrede e cosi va meglio.
Affinità erettive e orge? no grazie, non ho più l'età (beati voi...)

Francesco Merli
Post by francesco
No mi aspettavo, col mio intervento sul "MANIFESTO e
chi lo legge", di avviare un dibattito così articolato
e interessante. Forse pensavo solo a uno sfogo prima di
lasciare.
Ma che lasciare :D Questo NG mal che vada è un ottimo
eserciziario di dialettica ed eristica e nel fare
esercizio si trovano delle vere perle: ho conosciuto 4-5
persone di grande valore e questo posso dirlo di ciascuno
dei NG che frequento. In questo senso, con pazienza, si
tratta di investimenti che si ripagano di un fattore
venti. Oltretutto, piano piano si inizia a capire chi è
ciascuno e si fa presto a fare una selezione dei post che
ci possono interessare per affinità erettive (apropos, ti
avevano detto che qui si organizzano orge? No? Ahhahah).

Ops, mi accorgo di aver scritto un post un po' ebefrenico.

ciao ciao

Apx.
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
mario r.p.
2007-12-07 09:53:27 UTC
Permalink
Post by francesco
che seguo, a parte la mailing list del Forum La Tromba per via dello
stumento che vorrei imparare a suonare.
Anche io vorrei imparare a suonarla, ne ho 2 o meglio una tromba e un
flicorno soprano che preferisco.
Com'è l'altro ng della tromba?

ciao
m.
francesco
2007-12-07 14:53:06 UTC
Permalink
http://www.latromba.it/

il sito contiene molte informazioni sullo strumento, dalla meccanica alla
manutenzione alle tecniche musicali.
Qui trovi le indicazioni per iscriverti a 2 mailing list collegate al sito,
una su Yahoo e l'altra su Google. Quella su Yahoo è di gran lunga la più
frequentata. Ci scrivono neofiti che chiedono da che parte si soffia e
validi trombettisti che discutono di interpreti e interpretazioni,
ovviamenti divisi fra classicisti, jazzisti, ecc. Puoi chidere aiuto sul
tipo di strumento adatto e su come studiare.
Sono molto gentili e premurosi coi nuovi arrivati.
Auguri.--
Francesco Merli
Post by francesco
che seguo, a parte la mailing list del Forum La Tromba per via dello
stumento che vorrei imparare a suonare.
<Anche io vorrei imparare a suonarla, ne ho 2 o meglio una tromba e un
<flicorno soprano che preferisco.
<Com'è l'altro ng della tromba?

<ciao
<m.
Marco Marcelli
2007-12-03 19:58:50 UTC
Permalink
Post by Archeopteryx
voila, siore e siori, ecco qui IAMC.
Quoto tutto cio' che hai scritto.
--
========================
Marco Marcelli - Genova
========================
Giannib
2007-12-04 08:01:47 UTC
Permalink
Archeopteryx ha spiegato il 03/12/2007 :
il livello culturale medio di un NG di
Post by Archeopteryx
questo tipo è abbastanza alto. Si va da persone di grande
cultura a persone che per quanto non troppo profonde
possiedono comunque una serie di armi affilate quali
dialettica, capacità di esprimersi, erudizione e così via.
Quando queste armi sono usate saggiamente (possono mai
esserlo? Boh...) è un conto, ma quando sono utilizzate
mosse dall'orgoglio e dall'attaccamento alle proprie
convinzioni di cui in qualche misura tutti soffriamo, et
voila, siore e siori, ecco qui IAMC.
RE:Riassumendo,tanti piccoli Sgarbi(un nome,un programma):-)
Sembra un'analisi azzeccata!
Ciao
Gianni
Archeopteryx
2007-12-04 19:46:39 UTC
Permalink
Post by Giannib
RE:Riassumendo,tanti piccoli Sgarbi(un nome,un
programma):-) Sembra un'analisi azzeccata!
No, dai, non siamo ingiusti. Non pensavo a un simile
orrore (ne basta già uno, figurati clonarlo) ma solo ad
alcuni piccoli Sgarbi e una certa atmosfera diffusa che -
ammetterai - non è difficile cogliere :)
--
Opus Dei
qui tollis pecunia mundi
dona nobis partem
piersgio
2007-12-04 10:53:27 UTC
Permalink
Iscrittomi al NG ormai due anni fa, anch'io da parecchi mesi ho
diradato di molto le mie apparizioni, sia perchè "affaticato" dalla
lettura dei posts (non sempre è così facile la cernita tra i thread
costruttivi e quelli affetti da trollaggio o, peggio ancora, dalle
manie di protagonismo degli appartenenti a sottogruppi storici, che se
la cantano e se la suonano a loro esclusivo uso e consumo), sia perchè
allontanato da un buon grado di indifferenza riscontrato nei confronti
delle pur modeste argomentazioni da me portate avanti.
Questo "far tappezzeria" riservato ai non iniziati rimane per me il
principale ostacolo al pieno sfruttamento delle potenzialità del NG;
più che di un gruppo di moderatori nel senso letterale del termine,
IAMC avrebbe bisogno di un manipolo di volenterosi, pronti ad issare a
bordo i nuovi venuti o, più generalmente, a spondare la nascente
discussione con interventi di sostanza, utili ad irrobustirne i
contenuti e non ad alimentare l'autoreferenzialità del newsgruppisti.
Questo è quello che succede nei NG cui partecipo ancora e che
continuano a funzionare perchè c'è chi si impegna a tale scopo.
IAMC evidentemente si accontenta di essere così com'è.
Ciao, Stefano.
Luca Logi
2007-12-04 12:57:07 UTC
Permalink
Post by piersgio
Questo "far tappezzeria" riservato ai non iniziati rimane per me il
principale ostacolo al pieno sfruttamento delle potenzialità del NG;
più che di un gruppo di moderatori nel senso letterale del termine,
IAMC avrebbe bisogno di un manipolo di volenterosi, pronti ad issare a
bordo i nuovi venuti o, più generalmente, a spondare la nascente
discussione con interventi di sostanza, utili ad irrobustirne i
contenuti e non ad alimentare l'autoreferenzialità del newsgruppisti.
Guarda, non è che esista un complotto per escludere i non iniziati. Si
tratta della combinazione di due cose: alcuni discorsi possono
interessare alcuni e non altri (per esempio, il mio interesse per la
musica classica è altissimo, ma per la discografia è piuttosto scarso;
esistono alcuni per cui la musica classica è solo discografia, e con
loro interoloquirò molto di rado). La seconda cosa, alcuni discorsi sono
stati fatti mille volte, spesso a chi non sta nemmeno ad ascoltare.
Posso capire la stanchezza di chi non ha voglia di ripetersi. Per
esempio, io personalmente non ritengo di intervenire più sul Requiem di
Mozart perchè ho già scritto tutto quello che potevo scrivere, quello
che è scritto non è stato neanche capito dalle persone a cui era
indirizzato, per cui non sto a perderci ulteriore tempo. Se il tuo
interesse è il Requiem di Mozart, da capo, con me sarà difficile
interloquire. Lo stesso dicasi per alcuni argomenti che ritornano
ciclicamente.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
piersgio
2007-12-04 14:13:56 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Guarda, non è che esista un complotto per escludere i non iniziati. Si
tratta della combinazione di due cose: alcuni discorsi possono
interessare alcuni e non altri (per esempio, il mio interesse per la
musica classica è altissimo, ma per la discografia è piuttosto scarso;
esistono alcuni per cui la musica classica è solo discografia, e con
loro interoloquirò molto di rado). La seconda cosa, alcuni discorsi sono
stati fatti mille volte, spesso a chi non sta nemmeno ad ascoltare.
Posso capire la stanchezza di chi non ha voglia di ripetersi. Per
esempio, io personalmente non ritengo di intervenire più sul Requiem di
Mozart perchè ho già scritto tutto quello che potevo scrivere, quello
che è scritto non è stato neanche capito dalle persone a cui era
indirizzato, per cui non sto a perderci ulteriore tempo. Se il tuo
interesse è il Requiem di Mozart, da capo, con me sarà difficile
interloquire. Lo stesso dicasi per alcuni argomenti che ritornano
ciclicamente.
Ovviamente non ci si trova davanti ad un complotto, ma anche le tue
parole tradiscono una certa noia nei confronti del nuovo venuto,
quantomeno con quello che non si dimostra per forza originale.
Convengo sul fatto che ripetersi possa essere frastornante; lo è di
più però restare inascoltato, quando - con un po' più di buona volontà
- si potrebbe gratificare il Requiem-omane di turno con un cortese
rimando alla precedente discussione tenutasi sull'argomento.
Mi perdonerai infine se mi rifiuto di pensare che tra coloro che fanno
parte del c.d. zoccolo duro del NG non ci sia un adeguato mix tra
coloro che vogliono parlare di musica a tutto tondo e quelli che
rivolgono in prevalenza la propria attenzione alle registrazioni
discografiche (distinzione che poi - a grandi linee - è quella che
divide gli addetti ai lavori dai non); ad un Luca Logi che si "sfila",
dovrebbe poter quindi corrispondere almeno un altro cristiano disposto
a sporcarsi le mani.
S.
Luca Logi
2007-12-04 16:35:17 UTC
Permalink
Post by piersgio
Ovviamente non ci si trova davanti ad un complotto, ma anche le tue
parole tradiscono una certa noia nei confronti del nuovo venuto,
quantomeno con quello che non si dimostra per forza originale.
ti prego di notare che, a parte un gruppo ristrettissimo di fondatori,
ognuno di noi è stato a suo tempo un nuovo venuto

ieri sera, per curiosità, sono andato a ricercare il mio primo post su
iamc, dove parlo bene delle variazioni Golberg incise da Jarrett

non dico di essere stato linciato, ma di essere accolto a braccia aperte
proprio no :-)
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Giannib
2007-12-04 19:35:12 UTC
Permalink
Scriveva Luca Logi ...
Post by Luca Logi
ieri sera, per curiosità, sono andato a ricercare il mio primo post su
iamc, dove parlo bene delle variazioni Golberg incise da Jarrett
non dico di essere stato linciato, ma di essere accolto a braccia aperte
proprio no :-)
RE:Ah!Si tratta,quindi,di una simpatica tradizione la cui origine si
perde nella notte dei tempi:-)
Qualche elemento ringhioso ,comunque,c'è in tutti i NG,specialmente in
quelli ben frequentati.
Ora,come in un bar di periferia,ci sono avventori che lo conoscono da
anni,da quando era sobrio e ben disposto verso tutti,e quindi lo
sopportano.I nuovi avventori,pero',reagiscono,ma allora scatta la
pietosa solidarieta' dei vecchi amici,e l'"intruso",dopo qualche eroico
tentativo,solo contro tutti,finisce normalmente per andarsene.

Ciao
Gianni
piero
2007-12-04 13:20:05 UTC
Permalink
"piersgio" <***@libero.it> ha scritto nel messaggio

Iscrittomi al NG ormai due anni fa, anch'io da parecchi mesi ho
diradato di molto le mie apparizioni, sia perchè "affaticato" dalla
lettura dei posts (non sempre è così facile la cernita tra i thread
costruttivi e quelli affetti da trollaggio o, peggio ancora, dalle
manie di protagonismo degli appartenenti a sottogruppi storici, che se
la cantano e se la suonano a loro esclusivo uso e consumo), sia perchè
allontanato da un buon grado di indifferenza riscontrato nei confronti
delle pur modeste argomentazioni da me portate avanti.
Questo "far tappezzeria" riservato ai non iniziati rimane per me il
principale ostacolo al pieno sfruttamento delle potenzialità del NG;
più che di un gruppo di moderatori nel senso letterale del termine,
IAMC avrebbe bisogno di un manipolo di volenterosi, pronti ad issare a
bordo i nuovi venuti o, più generalmente, a spondare la nascente
discussione con interventi di sostanza, utili ad irrobustirne i
contenuti e non ad alimentare l'autoreferenzialità del newsgruppisti.
Questo è quello che succede nei NG cui partecipo ancora e che
continuano a funzionare perchè c'è chi si impegna a tale scopo.
IAMC evidentemente si accontenta di essere così com'è.
Ciao, Stefano.
----------------------

Stefano, hai perfettamente ragione. Il motivo della tua lamentela è che
curiosamente questo gruppo è frequentato da addetti ai lavori con
un tasso molto elevato, quasi patologico per Usenet

In genere gli addetti ai lavori diseratano i forum sul loro mestiere, che
non
sia il campo informatico, in quanto non hanno tempo e voglia
di parlare di lavoro nel tempo libero, al massimo usano
occasionalmente un ng per scambiarsi informazioni e risolvere
problemi.

Considera quindi che quello che per te può apparire una novità,
per gli addetti ai lavori (in qualsiasi campo) sono cose solo
dette e stradette.

Quindi credo che il prendere troppo sul serio un banale ng dagli addetti
ai lavori sia il motivo che finisce per allontanere i non addetti ai lavori.

E l'autoreferenzialità di cui parli sia anche voglia di esibirsi.

Del resto il musicista è uno che deve piacere esibirsi.

Se poi sente il bisogno di farlo anche su un ng, sono problemi suoi.
P.
2007-12-04 13:35:29 UTC
Permalink
Post by piero
un tasso molto elevato, quasi patologico per Usenet
es.: kink64, ciao kink64.

P.
Continua a leggere su narkive:
Loading...