Discussione:
Manuale di storia della musica per un principiante
(troppo vecchio per rispondere)
Lupetto
2004-05-30 19:46:00 UTC
Permalink
Ciao a tutti,
Vorrei colmare i miei vuoti di storia della musica e quindi acquistare un
buon libro, economico e abbastanza completo, con un linguaggio non tecnico
e accessibile (non sono uno specialista in maniera tanto meno nell'aspetto
tecnico) insomma un libro stile manuale scolastico di letteratura in cui ci
sono anche i riferimenti sociali culturali etc.
Leggendo qui e la ho trovato su internet
che consigliate
Breve storia della musica di Mila, ed Einaudi,
ne parlate bene, ma ho trovato anche questi testi, che mi ha indicato un
amico,
Mario BARONI - Enrico FUBINI - Paolo PETAZZI (e a.), Storia della musica,
Torino, Einaudi, 1988 e 1995.
Mario CARROZZO - Cristina CIMAGALLI, Storia della musica, 3 voll., Roma,
Armando, 1999.
Elvidio SURIAN, Manuale di storia della musica, 4 voll., Milano, Rugginenti,
1995

Sapete indicarmi tra questi qual'è quello più valido? o altri?
grazie!
Franek
2004-05-30 20:19:58 UTC
Permalink
Il Sun, 30 May 2004 19:46:00 GMT, "Lupetto"
Post by Lupetto
che consigliate
Breve storia della musica di Mila, ed Einaudi,
Questo senz'altro. Ci ho preparato peraltro l'esame di Storia della
Musica, in 12 giorni. :-)

Ciao
Franek
Doctor MC
2004-05-31 08:47:15 UTC
Permalink
Post by Franek
Il Sun, 30 May 2004 19:46:00 GMT, "Lupetto"
Post by Lupetto
che consigliate
Breve storia della musica di Mila, ed Einaudi,
Questo senz'altro. Ci ho preparato peraltro l'esame di Storia della
Musica, in 12 giorni. :-)
Si...si, il classico "tascabile" adatto ad un veloce ripasso ;-)
Non ci credo che non conoscevi la storia della musica e che l'hai studiata
per la prima volta in 12 giorni.
--
Ciao
M.

"Doctor? Can you hear me, Doctor? Can you hear me?"
"Io stesso muto nell'istante in cui dico che le cose mutano" (Eraclito)
Franek
2004-05-31 23:07:43 UTC
Permalink
Post by Doctor MC
Non ci credo che non conoscevi la storia della musica e che l'hai studiata
per la prima volta in 12 giorni.
No, certo. Alcune tesi, Bach per esempio, non ho neanche avuto bisogno
di studiarle. Alla fine non avevo una preparazione molto approfondita,
ma il programma lo sapevo tutto. Il resto e' stato tutta faccia di
bronzo. :-)

Ciao
Franek
EquinoXe
2004-05-31 09:51:13 UTC
Permalink
Post by Franek
Il Sun, 30 May 2004 19:46:00 GMT, "Lupetto"
Post by Lupetto
che consigliate
Breve storia della musica di Mila, ed Einaudi,
Questo senz'altro. Ci ho preparato peraltro l'esame di Storia della
Musica, in 12 giorni. :-)
Ma il manualone di storia della musica di Riccardo Allorto non piace
proprio?
Io lo trovo didatticamente assai più utile.

A.
tribaltech
2004-05-31 10:43:28 UTC
Permalink
"EquinoXe" ha scritto nel messaggio
Post by EquinoXe
Ma il manualone di storia della musica di Riccardo Allorto non piace
proprio?
Io lo trovo didatticamente assai più utile.
Sicuramente è ben organizzato e ti dà una mano
nella divisione delle tesi per l'esame,
ma su certe cose è poco esauriente!!

Ciazz'
Daniele Zini
2004-05-31 15:31:55 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Ma il manualone di storia della musica di Riccardo Allorto non piace
proprio?
Io lo trovo didatticamente assai più utile.
Didatticamente a livello seconda elementare,forse. Secondo mè è buono per un
tavolo che balla.
Daniele
EquinoXe
2004-05-31 15:50:03 UTC
Permalink
Post by Daniele Zini
Didatticamente a livello seconda elementare,forse.
Beh, ma il richiedente chiedeva un qualcosa di semplice.
Post by Daniele Zini
Secondo mè è buono per un tavolo che balla.
A parte alcuni punti in cui traballa tra il semplicistico e lo scorretto,
IMO su di quello ci si può arrabbattare abbastanza (e poi lo si trova
ovunque usato ^_^).

A.
Daniele Zini
2004-05-31 17:45:48 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Post by Daniele Zini
Didatticamente a livello seconda elementare,forse.
Beh, ma il richiedente chiedeva un qualcosa di semplice.
Vero,hai ragione.
Post by EquinoXe
Post by Daniele Zini
Secondo mè è buono per un tavolo che balla.
A parte alcuni punti in cui traballa tra il semplicistico e lo scorretto,
IMO su di quello ci si può arrabbattare abbastanza (e poi lo si trova
ovunque usato ^_^).
A me l'hanno regalato ;-)
Daniele
EquinoXe
2004-05-31 18:19:01 UTC
Permalink
Post by Daniele Zini
Post by EquinoXe
Post by Daniele Zini
Didatticamente a livello seconda elementare,forse.
Beh, ma il richiedente chiedeva un qualcosa di semplice.
Vero,hai ragione.
Alla fine però dipende da cosa ci devi fare.
A me è stato utile per rendere "sistematiche" conoscenze che già avevo per i
fatti miei. In realtà in genere non sento la necessità di studiare su un
manuale troppo sintetico stile bigino. :P Non ci riesco
proprio. Noi umanisti siamo logorroici. Già se vedi i
miei appunti sono tutti lineari, non usano mai frecce, schemini,
triangolini, pennarellate di ogni genere et ispecie, ecc.. Mi rendo però
conto che molta gente ama un approccio dell'altro tipo, con riquadri,
corsivi, grassetti, e secondo me quel testo lì è più immediato. Poi non
so. :P
Post by Daniele Zini
A me l'hanno regalato ;-)
Sei più scroccone della Zazie!
Roba da non credersi! :-O

A.
Métro-boulot-dodo
2004-05-31 18:32:35 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Sei più scroccone della Zazie!
capirai.
per ora non sono ancora riuscita a scroccare un bel nulla.
non che non abbia tentato, eh
Z.
EquinoXe
2004-05-31 20:01:18 UTC
Permalink
Post by Métro-boulot-dodo
capirai.
per ora non sono ancora riuscita a scroccare un bel nulla.
non che non abbia tentato, eh
Come la mettiamo con un certo alla genovese?


Equinozio impiccione.
Métro-boulot-dodo
2004-05-31 20:03:22 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Post by Métro-boulot-dodo
capirai.
per ora non sono ancora riuscita a scroccare un bel nulla.
non che non abbia tentato, eh
Come la mettiamo con un certo alla genovese?
quello NON è scroccare.
quello è equo scambio fra "braccine corte"
Post by EquinoXe
Equinozio impiccione.
dilettante!
MBD
EquinoXe
2004-05-31 20:08:27 UTC
Permalink
Post by Métro-boulot-dodo
quello NON è scroccare.
Ah.
Post by Métro-boulot-dodo
quello è equo scambio fra "braccine corte"
Commercio equo e solidale.
Post by Métro-boulot-dodo
Post by EquinoXe
Equinozio impiccione.
dilettante!
Tsk.

A.
Métro-boulot-dodo
2004-05-31 20:07:01 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Post by Métro-boulot-dodo
quello NON è scroccare.
Ah.
Post by Métro-boulot-dodo
quello è equo scambio fra "braccine corte"
Commercio equo e solidale.
Post by Métro-boulot-dodo
Post by EquinoXe
Equinozio impiccione.
dilettante!
Tsk.
che chat, ragazzi!
MBD
EquinoXe
2004-05-31 20:19:02 UTC
Permalink
Post by Métro-boulot-dodo
che chat, ragazzi!
Non so, vuoi il mio numero ICQ? :P

A.
EquinoXe
2004-05-31 20:07:14 UTC
Permalink
Post by Métro-boulot-dodo
capirai.
per ora non sono ancora riuscita a scroccare un bel nulla.
non che non abbia tentato, eh
Come la mettiamo con un certo pesto alla genovese?


Equinozio impiccione.
Daniele Zini
2004-06-01 21:33:37 UTC
Permalink
Post by Métro-boulot-dodo
capirai.
per ora non sono ancora riuscita a scroccare un bel nulla.
non che non abbia tentato, eh
Eppoi non è uno scrocco l'Allorto,ho dovuto addirittura aggiungere un
post-it con lo schema dei modi ritmici di Notre Dame,manco c'erano...
Daniele
Daniele Zini
2004-05-31 21:07:16 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Alla fine però dipende da cosa ci devi fare.
A me è stato utile per rendere "sistematiche" conoscenze che già avevo per i
fatti miei. In realtà in genere non sento la necessità di studiare su un
manuale troppo sintetico stile bigino. :P Non ci riesco
proprio.
Per una ripassata veloce va benissimo allora anche il Braga. Non credo che
sia utile,tantomeno ad un neofita,un testo eccessivamente schematico e
semplicistico. La qualità espositiva è la base per un testo "storico"; non
si può constesualizzare uno stile od un compositore citandone semplicemente
le date di nascita e morte,assurda pratica purtoppo assai diffusa nei testi
scolastici anche per i movimenti o gli stili,ma è necessaria
un'argomentazione non troppo sintetica per delinearne seppur sommariamente
le caratteristiche salienti.
Post by EquinoXe
Post by Daniele Zini
A me l'hanno regalato ;-)
Sei più scroccone della Zazie!
Roba da non credersi! :-O
La CULtura non si misura coi danari!
;-)
Daniele
Mario Buonafede
2004-06-01 19:49:42 UTC
Permalink
Post by Daniele Zini
Per una ripassata veloce va benissimo allora anche il Braga.
Naaaaah! Adesso mi dovete spiegare com'è arrivato il testo di Braga a
Nord del Garigliano! Stiamo parlando di quello con la forma "fonetica"
dei nomi stranieri? (memorabili Scian Sciac Russò, Federico Sciopen e
Riccardo Vaghner)...
Tra l'altro, il professor Antonio Braga, che ha concluso la carriera
all'Università di Cassino, è una persona squisita. Fu allievo a Parigi
di Darius Milhaud, e poi addetto culturale di varie sedi consolari,
tra Il Cairo e Los Angeles... Quando spronato a raccontare aneddoti e
facezie si spalanca lo scrigno del tesoro di esperienze che ha tratto,
beato lui, vivendo in prima persona la storia che - su altri testi -
leggiamo e studiamo.
Tra l'altro, è una persona di rara e sincera autoironia; se ho
occasione di incontrarlo - ma temo si sia stabilito definitivamente a
Santo Domingo - nuovamente gli dirò che si è accennato al suo
librucolo (di cui è lui il primo detrattore) ben oltre i risicati
confini del Conservatorio di Napoli cui era destinato. Si divertirà un
mondo.

Un saluto a tutti,

mario b.
Daniele Zini
2004-06-01 21:31:55 UTC
Permalink
Post by Mario Buonafede
Naaaaah! Adesso mi dovete spiegare com'è arrivato il testo di Braga a
Nord del Garigliano!
E' edito dalla Curci di Milano!
Post by Mario Buonafede
Stiamo parlando di quello con la forma "fonetica"
dei nomi stranieri? (memorabili Scian Sciac Russò, Federico Sciopen e
Riccardo Vaghner)...
E' lui,è lui (scialba citazione del Gianni Schicchi)
Post by Mario Buonafede
Tra l'altro, è una persona di rara e sincera autoironia; se ho
occasione di incontrarlo - ma temo si sia stabilito definitivamente a
Santo Domingo - nuovamente gli dirò che si è accennato al suo
librucolo (di cui è lui il primo detrattore) ben oltre i risicati
confini del Conservatorio di Napoli cui era destinato. Si divertirà un
mondo.
Salutamelo! E ringrazialo da parte mia: non sapevo di suonare uno strumento
a "corde soffregate"!
Ciao,
Daniele
Mario Buonafede
2004-06-07 21:28:51 UTC
Permalink
Post by Daniele Zini
Salutamelo! E ringrazialo da parte mia: non sapevo di suonare uno strumento
a "corde soffregate"!
ROTFL ROTFL ROTFL!

Magari ci riuscissi, mi piacerebbe rivedere il vecchio maestro...
Comunque, a sua parziale discolpa, il manuale va inquadrato nel
contesto dell'utenza cui era riservato. Roba da (esame di storia della
musica, conservatorio di Salerno): "Monteverdi era un abile
cavallerizzo, perché andava a cavallo tra il '500 e il '600".

Stesso conservatorio, teoria e solfeggio: "il semitono può essere
diabolico e acrobatico"...

Ciao, a presto.

Mario


P.S: un esame di ottavo di pianoforte si concluse con il terzo tempo
di una Patetica in do minore (alla mano destra) e maggiore alla
sinistra. Altro che Bartok...
Franek
2004-05-31 23:07:44 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Ma il manualone di storia della musica di Riccardo Allorto non piace
proprio?
Io lo trovo didatticamente assai più utile.
Me ne hanno prestato un'edizione un po' vecchiotta, e lo trovo
orrendo. E' utile dargli un'occhiata per confrontarlo con le tesi, ma
a questo punto e' molto piu' completa la Garzantina. La parte di
acustica poi e' piena di sciocchezze: per esempio confonde la
risonanza col riverbero.

Ciao
Franek
Lupetto
2004-06-01 07:39:42 UTC
Permalink
Gulp confusione mentale!!!peggio di una composizione
contemporanea..sperimentale!!
Allora qual'è il testo valido..tra tutti che avete citato e che va per la
maggiore?
Post by Franek
Post by EquinoXe
Ma il manualone di storia della musica di Riccardo Allorto non piace
proprio?
Io lo trovo didatticamente assai più utile.
Me ne hanno prestato un'edizione un po' vecchiotta, e lo trovo
orrendo. E' utile dargli un'occhiata per confrontarlo con le tesi, ma
a questo punto e' molto piu' completa la Garzantina. La parte di
acustica poi e' piena di sciocchezze: per esempio confonde la
risonanza col riverbero.
Ciao
Franek
Daniele Zini
2004-06-01 07:59:52 UTC
Permalink
Post by Lupetto
Gulp confusione mentale!!!peggio di una composizione
contemporanea..sperimentale!!
Allora qual'è il testo valido..tra tutti che avete citato e che va per la
maggiore?
Vai col Mila.
Daniele
Mario Buonafede
2004-06-01 20:10:28 UTC
Permalink
Post by Lupetto
Gulp confusione mentale!!!peggio di una composizione
contemporanea..sperimentale!!
Allora qual'è il testo valido..tra tutti che avete citato e che va per la
maggiore?
Per una letturina scorrevole e piacevole, nessuno ha suggerito la
"Breve storia della musica" di Alfred Einstein? Yesss, si tratta
proprio del "cugino meno famoso", ma è tutto relativo ed è stato un
grandissimo musicologo. Famosissima è la sua monografia su Schubert,
tra le altre pubblicazioni. Costa poco, così non rimpiangerai di
vedere sprecate le pagine di esempi musicali che sono alla fine del
testo (sempre che non te le faccia suonare da qualcuno...). Se è
ancora in catalogo, lo becchi nella Bur.
Lo stesso analogo titolo che ha dato Mila al suo testo è un omaggio
alla breve, brevissima storia raccontata da Einstein. Poi c'è un dato
commovente che mi rende il libretto di Einstein molto caro: fu scritto
per riempire il tempo di inedia mentre era in fuga dalla Germania
nazista, senza avere a disposizione uno straccio di biblioteca,
analogamente alla stesura della Storia d'Europa di Pirenne, la
Letteratura tedesca di Mittner, o ad alcuni saggi di Antonio
Gramsci...

Per me vale comunque la pena dedicare un pomeriggio a questa lettura,
non fosse altro che per rendere omaggio allo sforzo di rimanere
liberi.

Ciao, e buon inizio.

Mario b.


P.S.: A proposito di scrittura in stato di cattività, ma qualcuno ha
notizie di un pianista argentino, mi pare si chiamasse Miquel
Estrella? Ha speso parte della sua carriera andando suonando in
villaggi montani di minatori e piantatori poverissimi e, quando
imprigionato durante il regime militare, si mise a trascrivere a mente
tutta la musica che costituiva il suo repertorio (disegnando persino i
pentagrammi sulla carta che gli fu concesso adoperare). QUando
liberato, non so se si tratti di leggenda, riprese a suonare
rigorosamente sulla base di quelle revisioni stese a memoria, errori
di trascrizione compresi. Incise anche un disco con l'orchestra
diretta da Leonard Bernstein con i proventi destinati ad Amnesty
International... Da allora non ne sento parlare e manco so se sia
ancora vivo.
Métro-boulot-dodo
2004-06-01 21:02:06 UTC
Permalink
Post by Mario Buonafede
P.S.: A proposito di scrittura in stato di cattività, ma qualcuno ha
notizie di un pianista argentino, mi pare si chiamasse Miquel
Estrella? Ha speso parte della sua carriera andando suonando in
villaggi montani di minatori e piantatori poverissimi e, quando
imprigionato durante il regime militare, si mise a trascrivere a mente
tutta la musica che costituiva il suo repertorio (disegnando persino i
pentagrammi sulla carta che gli fu concesso adoperare). QUando
liberato, non so se si tratti di leggenda, riprese a suonare
rigorosamente sulla base di quelle revisioni stese a memoria, errori
di trascrizione compresi. Incise anche un disco con l'orchestra
diretta da Leonard Bernstein con i proventi destinati ad Amnesty
International... Da allora non ne sento parlare e manco so se sia
ancora vivo.
l'ho sentito nominare.
non so se esite ancora...
MBD
EquinoXe
2004-06-01 09:54:25 UTC
Permalink
Post by Franek
Me ne hanno prestato un'edizione un po' vecchiotta, e lo trovo
orrendo. E' utile dargli un'occhiata per confrontarlo con le tesi, ma
a questo punto e' molto piu' completa la Garzantina. La parte di
acustica poi e' piena di sciocchezze: per esempio confonde la
risonanza col riverbero.
Che edizione hai?

A.
Franek
2004-06-09 18:06:40 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Che edizione hai?
E' un po' che non lo vedo piu', credo che sia degli anni Ottanta.
Tito Ceccherini
2004-06-01 10:22:51 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Ma il manualone di storia della musica di Riccardo Allorto non piace
proprio?
Io lo trovo didatticamente assai più utile.
cosa intendi "didatticamente"?
a me sembra un simbolo di inutilità

T
EquinoXe
2004-06-01 12:29:44 UTC
Permalink
Post by Tito Ceccherini
cosa intendi "didatticamente"?
Intendo ciò che ho detto sopra.
Non è certo un libro per chi studia per il conservatorio, ma chi non sa come
contestualizzare le proprie conoscenze direi che non è malaccio.
Post by Tito Ceccherini
a me sembra un simbolo di inutilità
Guarda che non ho detto che è un capolavoro. :)

Beh, allora vada per il Mila (anche se non mi vedo in sintonia su alcuni
punti).
Il massimo sarebbe allora la collana della EDT. Però mi sa che è un po'
impegnativa. :)

A.
Daniele Zini
2004-06-01 15:28:39 UTC
Permalink
Post by EquinoXe
Intendo ciò che ho detto sopra.
Non è certo un libro per chi studia per il conservatorio, ma chi non sa come
contestualizzare le proprie conoscenze direi che non è malaccio.
La maggior parte degli studenti di Conservatorio non sa nemmeno leggerne
l'indice,dell'Allorto.
Daniele
Continua a leggere su narkive:
Loading...