Discussione:
OT - Europa e Clandestini -
(troppo vecchio per rispondere)
Kairaddin
2005-04-17 13:33:12 UTC
Permalink
Il Parlamento Europeo, su indicazione della sinistra italiana, ha
condannato i rimpatri delle migliaia di clandestini sbarcati sulle
nostre coste.

In Libia e in tutto il Nord Africa diversi milioni di persone sono in
attesa che i negrieri del XXI secolo li imbarchino con destinazione
Italia.

Adesso che la sinistra e' a un pelo dall'andare al Governo, penso che
a " bussare alla nostre porte " saranno non piu' a centinaia alla
volta ma decine di migliaia..

E' scandaloso chiedere - sommessamente - come l'illuminata casta
delle" Livieturco & Co" intende affrontare il problemino, quando Lor
Signori torneranno finalmente a governarvi ?

Perlo per voi perche' io, politicamente (e tra poco anche
anagraficamente) sono un pochino morto.

Accoglieranno tutti a braccia ( eque e solidali ) aperte ?

No, giusto per sapere.


Cesare Simonetti
Marco Marcelli
2005-04-17 13:41:53 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Accoglieranno tutti a braccia ( eque e solidali ) aperte ?
No, giusto per sapere.
Per me e' una grandissima spina nel fianco.
La destra, che avrebbe potuto arginare davvero il processo, e
magari invertirlo, non ha fatto nulla.
La sinistra spalanchera' le porte.

Voglio andare in Islanda..............!
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Emanuele P
2005-04-17 14:01:20 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Voglio andare in Islanda..............!
Ciao, va' pure.
Salutami i merluzzi.

E
Kairaddin
2005-04-17 15:06:56 UTC
Permalink
Il Sun, 17 Apr 2005 13:41:53 GMT, Marco Marcelli
Post by Marco Marcelli
La destra, che avrebbe potuto arginare davvero il processo, e
magari invertirlo, non ha fatto nulla.
Ecchellala' la prima palla, tanto per mantenerti in forma.

La destra ha tanto fatto ( reimpatri forzati e immediati ) da
meritarsi per l'appunto la condanna del Parlanento UE, Tana de Zulueta
in testa, ca va sans dire.

Quindi, amico mio, vedi di non tentare arrampicate sugli specchi : e'
faticoso per tutti, per te potrebbe essere fatale.


Kairaddin
Marco Marcelli
2005-04-17 18:40:39 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Ecchellala' la prima palla, tanto per mantenerti in forma.
Va bene, stavolta ti concedo che sono stato un po' provocatorio.
La destra - in questo specifico caso - ha fatto certamente meglio
di quanto ha fatto e fara' la sinistra.

E Pisanu e' stato un ottimo ministro degli interni: poche parole
e molti fatti.

Anziche' dire "non ha fatto nulla" avrei dovuto pero' dire
"avrebbe dovuto fare molto di piu'". E' un po' che non sali sui
mezzi pubblici, vero? Altrimenti quest'affermazione non ti
sembrerebbe tanto strana..........
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Emanuele P
2005-04-17 20:13:23 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Va bene, stavolta ti concedo che sono stato un po' provocatorio.
La destra - in questo specifico caso - ha fatto certamente meglio di
quanto ha fatto e fara' la sinistra.
E Pisanu e' stato un ottimo ministro degli interni: poche parole e molti
fatti.
Minchia, Marco.
Hai perso tutti i punti che avevi come fotografo e appassionato di
classica.....

E
Marco Marcelli
2005-04-17 21:06:11 UTC
Permalink
Post by Emanuele P
Minchia, Marco.
Hai perso tutti i punti che avevi come fotografo e appassionato di
classica.....
Cosa devo fare: mi suicido direttamente stasera o aspetto la tua
approvazione anche per questo?
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Emanuele P
2005-04-17 22:15:57 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Cosa devo fare: mi suicido direttamente stasera o aspetto la tua
approvazione anche per questo?
Libera scelta.
Ma mi basta un po' di penitenza., non voglio spargimenti di sangue. :-)

E
Kairaddin
2005-04-17 20:41:01 UTC
Permalink
Il Sun, 17 Apr 2005 18:40:39 GMT, Marco Marcelli
Post by Marco Marcelli
. E' un po' che non sali sui
mezzi pubblici, vero? Altrimenti quest'affermazione non ti
sembrerebbe tanto strana..........
No, ma vivo in centrostorico................
Marco Marcelli
2005-04-18 09:01:45 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
No, ma vivo in centrostorico................
Dammi retta, non e' piu' significativo come qualche tempo fa.

M

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Roberto Mastrosimone
2005-04-17 17:50:11 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Post by Kairaddin
Accoglieranno tutti a braccia ( eque e solidali ) aperte ?
No, giusto per sapere.
Per me e' una grandissima spina nel fianco.
La destra, che avrebbe potuto arginare davvero il processo, e
magari invertirlo, non ha fatto nulla.
La sinistra spalanchera' le porte.
Voglio andare in Islanda..............!
Bravo! però devi sperare che ti spalanchino le porte, ti aprano le
braccia ecc., altrimenti... :-)
Io sono già migrato all'interno dell'Italia, la mia famiglia pare sia
giunta in Italia secoli fa dalla Spagna, molti miei parenti agli inizi
del Novecento emigrarono negli USA. Nel primo caso motivi di lavoro di
mio Padre, nel secondo persecuzioni, nel terzo necessità economiche.
Meno male che le braccia erano più o meno aperte in tutti i tre casi.
Ciao
Roberto
Marco Marcelli
2005-04-17 18:20:56 UTC
Permalink
Post by Roberto Mastrosimone
Io sono già migrato all'interno dell'Italia, la mia famiglia pare sia
giunta in Italia secoli fa dalla Spagna, molti miei parenti agli inizi
del Novecento emigrarono negli USA
Non eravate ne' clandestini, ne' siete arrivati a pacchetti di
migliaia a botta, ogni giorno......
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Giuseppe
2005-04-17 20:33:56 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Post by Roberto Mastrosimone
Io sono già migrato all'interno dell'Italia, la mia famiglia pare sia
giunta in Italia secoli fa dalla Spagna, molti miei parenti agli inizi
del Novecento emigrarono negli USA
Non eravate ne' clandestini, ne' siete arrivati a pacchetti di
migliaia a botta, ogni giorno......
Negli USA agli inizi del '900 ed anche dopo, arrivavano a "
bastimenti".....altro che pacchetti:-))
migliaia a " botta"....
G.
Marco Marcelli
2005-04-17 21:24:30 UTC
Permalink
Post by Giuseppe
Negli USA agli inizi del '900 ed anche dopo, arrivavano a "
bastimenti".....altro che pacchetti:-))
migliaia a " botta"....
Verissimo.
Ma gli USA dell'epoca era una nazione "in fieri", che dipendeva
proprio dall'arrivo da fuori per sopravvivere e per migliorare,
anzi, per FORMARE una nazione.

L'Italia invece e' una nazione gia' logora, in molti sensi:
istituzionalmente in primis, socialmente e culturalmente poi.
E' una nazione in cui i lavori si inventano per poter tirare
avanti, in cui la cultura che sta prendendo piede e' quella
dell'illegalita', anche come modo di superare certe pastoie
burocratiche, e' il luogo dove mafia e camorra comandano buona
parte del territorio, e' il luogo dove la densita' di popolazione
nelle aree effettivamente vivibili e' spaventosa, e' il luogo
dove l'economia ristagna e il lavoro ormai e' un lusso..........

In un tessuto cosi' debole e lacerato, come fai ad inserire a
botte di migliaia delle persone che, tra l'altro, per loro
convinzioni sociali e religiose NON si vogliono amalgamare con
gli altri?

Io personalmente NON ce l'ho certo con lo straniero, ma ho sempre
avvertito l'impossibilita' di sostenere un urto di queste dimensioni.
Se anziche' maghrebini, cinesi e indiani si trattasse di
tedeschi, canadesi e finlandesi, il concetto non si sposterebbe
di una vitgola !!
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Roberto Mastrosimone
2005-04-18 06:52:57 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Post by Giuseppe
Negli USA agli inizi del '900 ed anche dopo, arrivavano a "
bastimenti".....altro che pacchetti:-))
migliaia a " botta"....
Verissimo.
Ma gli USA dell'epoca era una nazione "in fieri", che dipendeva
proprio dall'arrivo da fuori per sopravvivere e per migliorare,
anzi, per FORMARE una nazione.
Insomma, se gli emigrati siamo noi: tutto ok.
Ti consiglio la lettura (qualora non l'avessi fatta) di: G.A.Stella:
"L'orda - Quando gli albanesi eravamo noi" edito da Rizzoli, adesso in
edizione anche economica. L'autore (non di sinistra) lo dedica a suo
nonno che "mangiò pane e disprezzo e sarebbe schifato dagli smemorati
che sputano oggi su quelli come lui".
Post by Marco Marcelli
istituzionalmente in primis, socialmente e culturalmente poi.
E' una nazione in cui i lavori si inventano per poter tirare
avanti, in cui la cultura che sta prendendo piede e' quella
dell'illegalita', anche come modo di superare certe pastoie
burocratiche, e' il luogo dove mafia e camorra comandano buona
parte del territorio, e' il luogo dove la densita' di popolazione
nelle aree effettivamente vivibili e' spaventosa, e' il luogo
dove l'economia ristagna e il lavoro ormai e' un lusso..........
Minchia! ma non siamo uno dei paesi più ricchi del mondo?
Post by Marco Marcelli
In un tessuto cosi' debole e lacerato, come fai ad inserire a
botte di migliaia delle persone che, tra l'altro, per loro
convinzioni sociali e religiose NON si vogliono amalgamare con
gli altri?
Sono certo che il Cavaliere ti proporrà la ricetta miracolosa prima
delle prossime elezioni.
Più di trent'anni fa si levarono voci (che rimasero inascoltate) che
avvertivano i popoli ricchi dell'invasione del Sud del mondo: era
inevitabile; ci siamo, anzi è solo l'inizio.
Post by Marco Marcelli
Io personalmente NON ce l'ho certo con lo straniero, ma ho sempre
avvertito l'impossibilita' di sostenere un urto di queste dimensioni.
Se anziche' maghrebini, cinesi e indiani si trattasse di
tedeschi, canadesi e finlandesi, il concetto non si sposterebbe
di una vitgola !!
Gli xenofobi concludono sempre così, garantendo di non aver nulla di
personale contro gli stranieri. A dar "fastidio" sono sempre quelli
"brutti, sporchi e cattivi", il fatto è che sono e saranno sempre loro
ad emigrare.
Ciao
Roberto
Achting
2005-04-18 08:07:28 UTC
Permalink
Post by Roberto Mastrosimone
Post by Marco Marcelli
Post by Giuseppe
Negli USA agli inizi del '900 ed anche dopo, arrivavano a "
bastimenti".....altro che pacchetti:-))
migliaia a " botta"....
Verissimo.
Ma gli USA dell'epoca era una nazione "in fieri", che dipendeva
proprio dall'arrivo da fuori per sopravvivere e per migliorare,
anzi, per FORMARE una nazione.
Insomma, se gli emigrati siamo noi: tutto ok
Gli Usa, in quelgi anni, avevano necessità di immigrazione essendo una
nanzione vastissa, poco abitata e in forte cresita economica.

Il tuo paragone con l'Itala e l'Europa non sta in piedi.
Post by Roberto Mastrosimone
"L'orda - Quando gli albanesi eravamo noi" edito da Rizzoli, adesso in
edizione anche economica. L'autore (non di sinistra) lo dedica a suo
nonno che "mangiò pane e disprezzo e sarebbe schifato dagli smemorati
che sputano oggi su quelli come lui".
Se per quello mio nonno venne dalla Germania, rovinato dalla crollo del '29
del dollaro e del marco tedesco. Si trovò, dall'oggi al domani,
banconete che erano carta straccia e doveva pagare i suoi dipendenti.
Venne in Italia, lavorando sodo e rispettando le regole dell'Italia fece
nuovamente fortuna lavorando sodo e non bivaccando per strada. Tutto avvene
regolarmente e nel massimo rispetto delle tradizioni locali.
Marco Marcelli
2005-04-18 08:58:20 UTC
Permalink
Post by Roberto Mastrosimone
Gli xenofobi concludono sempre così, garantendo di non aver nulla di
personale contro gli stranieri. A dar "fastidio" sono sempre quelli
"brutti, sporchi e cattivi", il fatto è che sono e saranno sempre loro
ad emigrare.
Mi stupisci, francamente.
Non avrei detto che tu potessi essere cosi' cieco di fronte ad un problema
che, comunque lo si voglia vedere, problema E' e RIMANE.

E anche il tuo sarcasmo non me l'aspettavo: e' difficile discutere con chi
eleva un muro.
Questo atteggiamento, ripeto, lo conosco in tanti, ma da te e' una sorpresa.
Negativa.

M

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Kairaddin
2005-04-18 09:16:47 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
hi
eleva un muro.
Questo atteggiamento, ripeto, lo conosco in tanti, ma da te e' una sorpresa.
Negativa.
Nessuna sorpresa : si chiama buonismo.

Affezione talvolta fatale, ma guaribile .

Per guarire un buonista immigratorio e' sufficente una apparecvchio
radio e tre ecuadoregni.

Dopo 97 ore di radio a tutto volume suona nell'appartamento accanto,
il buonista puo' anche prendere una Bberetta Cal.9 bifilare e
scaricarla tutta in faccia ai sudamericani..

CI sono stati pero' casi di buonisti con machete che hanno velocemnte
emulato i tagliagole islamici....

Basta provare, Marco, basta provare.

Diglielo tu. che io quel buonista li' manco lo conosco.


Kairaddin
Roberto Mastrosimone
2005-04-18 10:50:47 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Post by Roberto Mastrosimone
Gli xenofobi concludono sempre così, garantendo di non aver nulla di
personale contro gli stranieri. A dar "fastidio" sono sempre quelli
"brutti, sporchi e cattivi", il fatto è che sono e saranno sempre loro
ad emigrare.
Mi stupisci, francamente.
Non avrei detto che tu potessi essere cosi' cieco di fronte ad un problema
che, comunque lo si voglia vedere, problema E' e RIMANE.
E anche il tuo sarcasmo non me l'aspettavo: e' difficile discutere con chi
eleva un muro.
Questo atteggiamento, ripeto, lo conosco in tanti, ma da te e' una sorpresa.
Negativa.
Guarda, l'errore da parte mia (lo riconosco) è quello di essere
intervenuto in un thread OT che non meriterebbe nessuna attenzione.
Ultimamente però gli unici thread musicali fanno quasi tutti capo a un
Papero e non mi sembra che valga la pena parteciparvi.
Non interverrò più in diatribe inutili e fuori luogo: lo assicuro.
Se per caso ti avessi involontariamente offeso, me ne scuso; non era mia
intenzione. Volevo solo affermare che avendo vissuto in prima persona le
difficoltà dei movimenti migratori, non mi va di ascoltare o leggere
argomentazioni ostili contro chi vive i drammi dell'emigrazione. Sarà
negativo tutto ciò? probabile, ma ognuno di noi sente e pensa anche in
base all'esperienza e storia personale.
Ciao
Roberto
Kermit
2005-04-18 07:46:02 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
persone che, tra l'altro, per loro
convinzioni sociali e religiose NON si vogliono amalgamare con
gli altri?
Io personalmente NON ce l'ho certo con lo straniero
Questo lo dicono anche leghisti, razzisti e compagnia bella.

Mi permetto di suggerirti qualche altra bella frase, cosí se ti serve per i
prossimi post (forse le consosci già)

Non ci sono più le mezze stagioni.
Si stava meglio quando si stava peggio.
Non ci sono più le donne di una volta.
I politici sono tutti ladri.

Se vuoi ne ho anche un campionario in tema con gli immigrati.
Marco Marcelli
2005-04-18 09:16:57 UTC
Permalink
Post by Kermit
Mi permetto di suggerirti qualche altra bella frase, cosí se ti serve per i
prossimi post (forse le consosci già)
No, non suggerire.
Non sai neppure di cosa parli.

M

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Achting
2005-04-18 08:39:16 UTC
Permalink
Post by Giuseppe
Post by Marco Marcelli
Post by Roberto Mastrosimone
Io sono già migrato all'interno dell'Italia, la mia famiglia pare
sia giunta in Italia secoli fa dalla Spagna, molti miei parenti agli
inizi
del Novecento emigrarono negli USA
Non eravate ne' clandestini, ne' siete arrivati a pacchetti di
migliaia a botta, ogni giorno......
Negli USA agli inizi del '900 ed anche dopo, arrivavano a "
bastimenti".....altro che pacchetti:-))
migliaia a " botta"....
Caro Giuseppe, gli Usa sono una nazione molto vasta. All'epoca poco
abitata (lo è tutt'ora, se consideriamo i KMq x abitante) con reale
necessità di immigrati essendo in forte crescita economica.

Ma voglio portare un altro argomento a sfavore della fregnacce che dicono
gli ipocriti buonisti: quello fiscale. Anche a non voler utilizzare le
ragioni ed i pericoli di una integrazione selvaggia, come la perdita di
identità ed i rischi di una crescente diffusione degli atti criminali
(più del 70% dei reati sono commessi da immigrati)

Sotto il profilo fiscale l’incidenza dell’immigrazione sulle
economie UE comincia ad essere esasperata secondo un rapporto
del Secit. Nel rapporto è scritto che "è dubbio che i costi indotti
dall’immigrazione possano essere coperti dalle prospettive delle entrate
fiscali".
Alla stessa conclusione arriva il "Bulletin financier", un
periodico di Ing bank Belgio, in cui si legge che "in linea generale
si può dire che i nuovi venuti dipendono per lo più dai sussidi di
disoccupazione e beneficiano in più larga misura dell’assistenza sociale
riservata alle famiglie numerose".


I vantaggi, caro Giuseppe, di una immigrazione selvaggia in Europa sono
solo per gli industriali amici di Prodi, per i sindacati e la sinistra.

In parole povere, tutti coloro che hanno tutti gli interessi
di veder crescere a dismisura le liste dei disoccupati.
Giuseppe
2005-04-18 10:58:00 UTC
Permalink
( cut)


caro Achting, era un pò di tempo che non intervenivo piu' sul NG perchè
non ho piu' tanta voglia di farlo e tanto meno di discutere di certi
argomenti che, vista l'attuale situazione politica, penso andranno per
la maggiore per un pò di tempo.
Sono intervenuto in questa discussione solo per dire la mia e poi me ne
sono pure pentito di averlo fatto.
Certi discorsi io preferisco farli faccia a faccia, sapendo, quanto
meno, chi è il mio interlocutore.
Quindi, scusami se non ti rispondo.
Ciao
Giuseppe


P.S.: ma come ti chiami?
Roberto Mastrosimone
2005-04-18 06:24:41 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Post by Roberto Mastrosimone
Io sono già migrato all'interno dell'Italia, la mia famiglia pare sia
giunta in Italia secoli fa dalla Spagna, molti miei parenti agli inizi
del Novecento emigrarono negli USA
Non eravate ne' clandestini, ne' siete arrivati a pacchetti di
migliaia a botta, ogni giorno......
Quanto alla clandestinità, nel primo e terzo caso sicuramente no, nel
secondo ho qualche dubbio.
Quanto ai numeri, Torino (solo per citare un esempio, il mio) quasi
raddoppiò il numero di abitanti per effetto della immigrazione, i comuni
della sua conurbazione la quintuplicarono. Per quel che riguarda
l'emigrazione agli inizi del Novecento, furono 8 milioni gli italiani
che abbandonarono l'Italia: solo nel 1913 furono 900 mila, cifre
"epocali" (per usar un aggettivo tanto caro al centrodestra prima di
quest'ultima sconfitta elettorale) soprattutto considerata la
popolazione di allora. Per quel che riguarda l'esodo dalla Spagna alla
fine del Quattrocento, be' solo nel 1492 i Re Cattolici ordinarono a 200
mila ebrei di abbandonar la Spagna entro il 1 luglio, pena la morte; in
seguito nel corso del Cinquecento in nome della *limpieza de sangre*
anche i conversos furono costretti a lasciar la Spagna, le cifre: boh,
cmq enormi per l'epoca.

Ciao
Roberto
Achting
2005-04-18 07:48:17 UTC
Permalink
Post by Roberto Mastrosimone
Quanto alla clandestinità, nel primo e terzo caso sicuramente no, nel
secondo ho qualche dubbio.
Quanto ai numeri, Torino (solo per citare un esempio, il mio) quasi
raddoppiò il numero di abitanti per effetto della immigrazione, i comuni
della sua conurbazione la quintuplicarono. Per quel che riguarda
l'emigrazione agli inizi del Novecento, furono 8 milioni gli italiani
che abbandonarono l'Italia: solo nel 1913 furono 900 mila, cifre
"epocali" (per usar un aggettivo tanto caro al centrodestra prima di
quest'ultima sconfitta elettorale) soprattutto considerata la
popolazione di allora.
Visto che sei così buono a parole, ti chiedo sei disponibile ad affittare
un tuo ipotetico appartamento a una famiglia di extracomunitari irregolari
o a degli zingari? Magari che confina con con il tuo.


Facci sapere.
Kermit
2005-04-18 07:30:52 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Voglio andare in Islanda..............!
E perché gli islandesi ti dovrebbero permettere di andare da loro? Perché tu
ti senti in diritto di decidere dove andare?
Emanuele P
2005-04-17 14:00:50 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Accoglieranno tutti a braccia ( eque e solidali ) aperte ?
Il tuo culo accoglierà allegramente a sfintere aperto qualsivoglia oggetto
originale africano, di originale animale, vegetale o minerale. Scegli tu.
Tanto godi lo stesso.

Cosa vuoi fare, ricostruire i forni crematori per buttarci dentro i
poveracci che vengono qua e che da decenni guardano all'Italia come ad un
paradiso?? Non credi che sia colpa tua prima che loro? Lacrime (e lamenti)
da coccodrillo....

E
Kairaddin
2005-04-17 15:03:30 UTC
Permalink
Il Sun, 17 Apr 2005 14:00:50 GMT, "Emanuele P"
Post by Emanuele P
Cosa vuoi fare, ricostruire i forni crematori per buttarci dentro i
poveracci che vengono qua e che da decenni guardano all'Italia come ad un
paradiso?? Non credi che sia colpa tua prima che loro? Lacrime (e lamenti)
da coccodrillo....
Quando guardavo l'oceano non pensavo che l'imbecillita' umana potesse
superarne l'immensita.


Kairaddin
Emanuele P
2005-04-17 15:38:41 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Quando guardavo l'oceano non pensavo che l'imbecillita' umana potesse
superarne l'immensita.
Sicuro che non ti stessi guardando allo specchio, invece ?

E
Kairaddin
2005-04-17 16:36:03 UTC
Permalink
Il Sun, 17 Apr 2005 15:38:41 GMT, "Emanuele P"
Post by Emanuele P
Sicuro che non ti stessi guardando allo specchio, invece ?
No, ragazzino, di oceani ne ho traversati un paio, uno piu' volte.

Ma l'imbecillita' e' SEMPRE piu' grande.

Dimmi ragazzino : sai quanti sono i desperados che vogliono approdare
da noi ?

Centinaia di milioni.

Forse miliardi.

Hai la piu' pallida di dove metterli ?

MI cascano le braccia pensando che tu magari hai diritto di voto, che
sai leggere e scrivere, che credi di pensare.

Lo so lo so non sei solo, siete in tanti, ma mi cascano le braccia lo
stesso : tu abusi del tuo diritto di essere stupido.


Kairaddin
Emanuele P
2005-04-17 17:17:14 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
No, ragazzino, di oceani ne ho traversati un paio, uno piu' volte.
1. Ragazzino lo dici a tuo nipote.
2. Credi di aver viaggiato solo tu, nonnetto?
3. Credi di avere solo tu in mano la verità del mondo?
4. Scendi dal piedistallo che ti se costruito e guarda il mondo dal basso,
scoprirai un sacco di merda, che è quella che hai cagato tu e tanti altri
senza vedere dove andava...

Ora scendi e pulisci tutto per bene, o almeno dai una mano a farlo visto che
la merda è anche tua.

E
Marco Marcelli
2005-04-17 18:24:32 UTC
Permalink
Post by Emanuele P
Ora scendi e pulisci tutto per bene, o almeno dai una mano a farlo visto che
la merda è anche tua.
Non hai risposto.
Non si tratta di accogliere qualche straniero, o qualche migliaio
di stranieri, qui si tratta di SAPERE dove mettere CENTINAIA DI
MIGLIAIA DI DISPERATI, pronti a tutto e potenziale strumento mafioso.

E qui, delle due, l'una: o si sa dove metterli, E ALLORA
QUALCUNO PER FAVORE CE LO DICA, o si tratta di follia, sostenuta
dal vuoto pensiero senza applicazione pratica.
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Emanuele P
2005-04-17 20:17:35 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Non hai risposto.
Non si tratta di accogliere qualche straniero, o qualche migliaio di
stranieri, qui si tratta di SAPERE dove mettere CENTINAIA DI MIGLIAIA DI
DISPERATI, pronti a tutto e potenziale strumento mafioso.
Il problema nasce alla fonte, caro il mio bel Marco.
Dobbiamo solo smetterla di far luccicare il nostro paese, perchè la merda
non brilla di suo. E vedrai quanti smetteranno di venire qui.
E poi non mi venire a dire che non possiamo accogliere gli immigrati, perchè
questa è un balla colossale. Dimmi quante aziende del nord-est riuscirebbero
a sopravvivere senza la manodopera straniera. E non venirmi a dire che
milioni di veneti vogliono fare gli operai di bassa quaifica e gli immigrati
rubano loro il lavoro.

La verità è che l'egoismo di stampo leghista è più diffuso di quanto si
creda.

E
Kairaddin
2005-04-17 20:53:52 UTC
Permalink
Il Sun, 17 Apr 2005 20:17:35 GMT, "Emanuele P"
Post by Emanuele P
Il problema nasce alla fonte, caro il mio bel Marco.
Il problema e' a monte, si dice, coglione.
.
Post by Emanuele P
E poi non mi venire a dire che non possiamo accogliere gli immigrati, perchè
questa è un balla colossale.
Hai la piu' pallida idea della densita' per kq ( zone montuose escluse
) degli abitanti in Italia ?

Hai idea, la piu' pallida idea, dei problemi che l'inmmigrazione
comporta ?

Mai stato in un Ospedale, ad esempio, a farti un giretto ?

Ed e' solo un esempio.

Lo sai che ci sono case dove - tu che parli tanto di merda - la merda,
quella vera, fuorisce dai gabinetti dei terzi e quarti e quinti piani
per il sovraffollamento di extracomunitari ?

Mai sentito parlare, che so, di lebbra ?

Vai al S. Martino di Genova che impari qualcosa.

Mai letto Immigrazione e Criminalita' in Italia di Marzio Barbagli (
sociologo all'Universita' di Bologna e uonmo culturalemnet di sinistra
) ?

Per carita' di Dio, tutte cazzate....tu sei il classico piccolo
esempio della incultura ( altro che leghisti, ! ) dei presuntuosi
petulanti paciaioli di sinistra.

Uno dei tanti imbecilli che scorrazzano dappertutto.

Il classico COGLIONE.

Stammi bene ragazzino.


Kairaddin
Emanuele P
2005-04-17 22:20:01 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Il problema e' a monte, si dice, coglione.
Coglione sei tu e la famiglia che ti ha generato.
Post by Kairaddin
Mai stato in un Ospedale, ad esempio, a farti un giretto ?
Ci lavoro da 7 anni in ospedale, le cose le vedo ogni giorno. E ci sono
centinaia di infermieri immigrati che lavorano 100000 volte mglio degli
italiani.
Taci.
Post by Kairaddin
Per carita' di Dio, tutte cazzate....tu sei il classico piccolo
esempio della incultura ( altro che leghisti, ! ) dei presuntuosi
petulanti paciaioli di sinistra.
Ok, allora da buon sovietico di sinistra di infilo un bel gulag e ti faccio
tacere. Testa di cazzo di destra che non sei altro. Prima di sputare merda
dallo sfintere che hai al posto della bocca, trasforma la faccia di culo che
hai (e la testa di cazzo che hai attaccata) in un organo pensante e non
soltanto defecante.

Che bel livello di dialogo che stiamo costruendo. Minchia.

E
Achting
2005-04-18 07:30:26 UTC
Permalink
Post by Emanuele P
Post by Kairaddin
Il problema e' a monte, si dice, coglione.
Coglione sei tu e la famiglia che ti ha generato.
Non oso immaginare se l'Unione dei diversi andrà al governo
(al potere ci è già), cosa succederà a chi oserà dissentire con questi
cafoni di sinistra.
Post by Emanuele P
Post by Kairaddin
Mai stato in un Ospedale, ad esempio, a farti un giretto ?
Ci lavoro da 7 anni in ospedale, le cose le vedo ogni giorno. E ci
sono centinaia di infermieri immigrati che lavorano 100000 volte mglio
degli italiani.
Taci.
Bell'insulto agli infermieri napoletani e del sud che vengono a lavorare al
nord. Spero che l'Unione sappia che ha certi sostenotiri nella propri
afila.

E fortuna che sarebbe Bossi il razzista...
Marco Marcelli
2005-04-17 21:09:05 UTC
Permalink
Post by Emanuele P
E poi non mi venire a dire che non possiamo accogliere gli immigrati, perchè
questa è un balla colossale.
Continui a non rispondere.
DOVE LI METTIAMO ??????
--
=========================================
Marco Marcelli - Genova
=========================================
"Ci sono solo due cose infinite: l'Universo
e la stupidita' umana. Ma sul primo non ne
sono completamente sicuro" (A.Einstein)
Emanuele P
2005-04-17 22:20:32 UTC
Permalink
Post by Marco Marcelli
Continui a non rispondere.
DOVE LI METTIAMO ??????
Un po' a casa tua.
Gli altri altrove.

E
Zazie-la-peste
2005-04-17 16:00:36 UTC
Permalink
Post by Emanuele P
che da decenni guardano all'Italia come ad un
paradiso??
qualcuno dovrebbe dirgli che è un cesso, non un paradiso.
sai che disillusione quando arrivano...
Z
Emanuele P
2005-04-17 17:19:18 UTC
Permalink
Post by Zazie-la-peste
qualcuno dovrebbe dirgli che è un cesso, non un paradiso.
sai che disillusione quando arrivano...
Appunto.
Dillo allora ai tanti Costanzo, De Filippi, Vespa, Ricci, ecc...
(aggiungendoci anche il nostro buon amato presidente nano pelato e chi gli
sta intorno). La TV è il primo mezzo per eccelenza per creare illusioni.
Tutti lo sanno e tutti la usano, ovviamente, perchè è redditizio farlo.

E
Zazie-la-peste
2005-04-17 18:16:34 UTC
Permalink
Post by Emanuele P
Post by Zazie-la-peste
qualcuno dovrebbe dirgli che è un cesso, non un paradiso.
sai che disillusione quando arrivano...
Appunto.
Dillo allora ai tanti Costanzo, De Filippi, Vespa, Ricci, ecc...
(aggiungendoci anche il nostro buon amato presidente nano pelato e chi gli
sta intorno). La TV è il primo mezzo per eccelenza per creare illusioni.
Tutti lo sanno e tutti la usano, ovviamente, perchè è redditizio farlo.
eh, purtroppo è così.
C'è anche una questione legale che è molto difficile da risolvere.
In Italia è più facile entrare che in altri paesi, però poi sei merda allo
stato puro.
Non hai nulla, non sei nulla, ti trattano come uno schiavo, sei un
clandestino, non puoi nemmeno farti curare se ti ammali.
Avere una possibilità di entrare e rimanere legalmente è difficilissimo.
Si è visto con la questione della regolamentazione, quando questo Governo ha
voluto (giustamente, imho) che fossero messe in regola un sacco di persone
che lavoravano in Italia.
A quel punto, tutti gli italiani che avevano i filippini che gli pulivano i
cessi, gli egiziani e albanesi che gli costruivano le case, e le ucraine che
badavano alle vecchie mamme, sono scomparsi nel nulla, per il terrore di
dover pagare mille euro al Governo.
Gli stessi che ringhiano contro i clandestini.
A questi fa comodo mantenerli in stato di schiavitù.
Sai, poi, quando gli devono pagare i contributi, che casino.
A quel punto di legalità non parla più nessuno, di colpo diventan tutti
degli illegalisti convinti (roba già vista).
In altri paesi entrare (legalmente) è più difficile, ma non vieni messo in
campi profughi e ti si danno i mezzi per vivere come un essere umano e non
come un animale.
E costringono il tuo datore di lavoro a pagarti i contributi.
Francamente, preferisco la seconda opzione.
Z
Luca Logi
2005-04-17 20:11:27 UTC
Permalink
Post by Zazie-la-peste
eh, purtroppo è così.
C'è anche una questione legale che è molto difficile da risolvere.
In Italia è più facile entrare che in altri paesi, però poi sei merda allo
stato puro.
Non hai nulla, non sei nulla, ti trattano come uno schiavo, sei un
clandestino, non puoi nemmeno farti curare se ti ammali.
Aggiungi una cosa scandalosa: se sei un immigrato regolare, con
residenza, lavoro e contributi regolarmente pagati, ogni anno devi
rinnovare il permesso di soggiorno. Ma la procedura occupa, nelle grandi
città, circa 11 mesi - in pratica quando il permesso di soggiorno è
rinnovato, è già in scadenza. Durante questo periodo è abbastanza
difficile tornare a fare una visita al paese d'origine perchè rischi di
non poter rientrare. Senza naturalmente contare le code da fare di notte
e simili piacevolezze.

Una maniera di rompere i coglioni anche agli immigrati regolari, che
fanno un lavoro utile. Complimenti al genio che ha escogitato questo
sistema.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
v i n i x ©
2005-04-17 21:20:08 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Aggiungi una cosa scandalosa: se sei un immigrato regolare, con
residenza, lavoro e contributi regolarmente pagati, ogni anno devi
rinnovare il permesso di soggiorno. Ma la procedura occupa, nelle grandi
città, circa 11 mesi - in pratica quando il permesso di soggiorno è
rinnovato, è già in scadenza. Durante questo periodo è abbastanza
difficile tornare a fare una visita al paese d'origine perchè rischi di
non poter rientrare. Senza naturalmente contare le code da fare di notte
e simili piacevolezze.
Questa poi ...
Funzionerà così a Firenze, non generalizziamo.
Mia madre ha regolarizzato una badante senza alcun problema. Ha fatto
tutto il suo commercialista in un paio di settimane spedendo quello
che doveva spedire per posta.

ciao
Luca Logi
2005-04-17 21:31:20 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Questa poi ...
Funzionerà così a Firenze, non generalizziamo.
Mia madre ha regolarizzato una badante senza alcun problema. Ha fatto
tutto il suo commercialista in un paio di settimane spedendo quello
che doveva spedire per posta.
Mia suocera ha una badante a Milano. Iniziato le pratiche per il rinnovo
del permesso di soggiorno (regolarissimo) a ottobre 2004, finiranno a
settembre 2005.

Milano, ho detto. La cosiddetta capitale economica e morale.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
v i n i x ©
2005-04-17 21:52:57 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Mia suocera ha una badante a Milano. Iniziato le pratiche per il rinnovo
del permesso di soggiorno (regolarissimo) a ottobre 2004, finiranno a
settembre 2005.
Sarà un problema di Milano.
Luca Logi
2005-04-18 06:40:37 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Post by Luca Logi
Mia suocera ha una badante a Milano. Iniziato le pratiche per il rinnovo
del permesso di soggiorno (regolarissimo) a ottobre 2004, finiranno a
settembre 2005.
Sarà un problema di Milano.
E di Roma. E delle grandi città. E con questo abbiamo fatto una bella
quota di permessi. A Roma, fra l'altro, la pratica può essere più lunga
di 12 mesi, quindi quando il permesso è rinnovato, in realtà è già
scaduto.

Ricordo che per legge la polizia dovrebbe fare la pratica in 20 giorni
al massimo. Ma alla polizia gli importa una semplice, della legge.

Si è parlato di fare il rinnovo in comune anzichè in questura, ma i
signori leghisti sono contrari (i comuni sono troppo buonisti, ci vuole
la polizia). Vuol dire che manderemo i signori leghisti a fare i
badanti. Ammesso che sappia che cosa vuol dire lavorare.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Achting
2005-04-18 07:43:32 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Si è parlato di fare il rinnovo in comune anzichè in questura, ma i
signori leghisti sono contrari (i comuni sono troppo buonisti, ci
vuole la polizia). Vuol dire che manderemo i signori leghisti a fare i
badanti. Ammesso che sappia che cosa vuol dire lavorare.
Sei ridicolo come al solito.

I clandestini, come noto, sono stati fatti entrare a
frotte dai governi dell'Ulivo. Spesso disperati, spesso delinquenti e
terroristi. Se le nostre città sono degradate e insicure lo dobbiamo
ai governi di sinistra.

E poi tutti hanno visto in tv le immagini del teppista Casarini che tratta
i negri extracomunitari a calci nel sedere.

Questo prova che la sinistra e i comunisti vedono nell'immigrazione
selvaggia un'opportunità per prendere voti.
daniel pennac
2005-04-18 09:16:01 UTC
Permalink
Post by Achting
Post by Luca Logi
Si è parlato di fare il rinnovo in comune anzichè in questura, ma i
signori leghisti sono contrari (i comuni sono troppo buonisti, ci
vuole la polizia). Vuol dire che manderemo i signori leghisti a fare i
badanti. Ammesso che sappia che cosa vuol dire lavorare.
Sei ridicolo come al solito.
I clandestini, come noto, sono stati fatti entrare a
frotte dai governi dell'Ulivo. Spesso disperati, spesso delinquenti e
terroristi.
??????????????????????
Post by Achting
Se le nostre città sono degradate e insicure lo dobbiamo
ai governi di sinistra.
?????????????????????????????????
Post by Achting
E poi tutti hanno visto in tv le immagini del teppista Casarini che tratta
i negri extracomunitari a calci nel sedere.
???????????????????????????????
Post by Achting
Questo prova che la sinistra e i comunisti vedono nell'immigrazione
selvaggia un'opportunità per prendere voti.
???????????????????????????????
Chiara & Emanuele & Jocker
Achting
2005-04-18 09:30:24 UTC
Permalink
Post by daniel pennac
Post by Achting
Post by Luca Logi
Si è parlato di fare il rinnovo in comune anzichè in questura, ma i
signori leghisti sono contrari (i comuni sono troppo buonisti, ci
vuole la polizia). Vuol dire che manderemo i signori leghisti a fare
i badanti. Ammesso che sappia che cosa vuol dire lavorare.
Sei ridicolo come al solito.
I clandestini, come noto, sono stati fatti entrare a
frotte dai governi dell'Ulivo. Spesso disperati, spesso delinquenti e
terroristi.
??????????????????????
Post by Achting
Se le nostre città sono degradate e insicure lo dobbiamo
ai governi di sinistra.
?????????????????????????????????
Post by Achting
E poi tutti hanno visto in tv le immagini del teppista Casarini che
tratta i negri extracomunitari a calci nel sedere.
???????????????????????????????
Post by Achting
Questo prova che la sinistra e i comunisti vedono nell'immigrazione
selvaggia un'opportunità per prendere voti.
???????????????????????????????
Caro daniel pennac, in questo, ma soprattutto in altri post, a cui ha
replicato dottamente e in modo non provocatorio con dei punti
interrogativi, ho portato vari argomenti. Anche a non voler entrare nel
merito dell'aumento del numero di atti criminali e malattie (come la
tubercolosi) dovuti all'immigrazione selvaggia di extracomunitari
consentita soprattutto durante i governi dell'Ulivo. Ho sollevato pure un
argomento fiscale che sfata un mito caro alla sinistra e a parte della
destra.

Non hai proprio nulla da dire su tutto questo con parole tue?

Approfitto per chiederti: tu affiteresti a cuor leggero un tuo ipotetico
appartamento a una famiglia di extracomunitari? Magari che confina con il
tuo?
daniel pennac
2005-04-18 09:46:26 UTC
Permalink
Post by Achting
CUT
Approfitto per chiederti: tu affiteresti a cuor leggero un tuo ipotetico
appartamento a una famiglia di extracomunitari? Magari che confina con il
tuo?
Sì, senza alcun problema, come in ogni caso della vita, tendo a
valutare le persone. Tieni anche presente che molti immigrati sono
irregolari anche perchè non tutti i datori di lavoro tendono a
regolarizzarli, ci son situazioni che rasentano la schiavitù, e ti
assicuro che lo so per certo.
Mi ricordo che quando feci l'erasmus in Belgio, essendo italiana, la
gente si meravigliava che fossi lì per studiare e che mi è capitato
che, mentre parlavo in italiano con un emigrante di vecchia data in
treno, un gruppetto di ragazzini ci prendessero in giro proprio in
quanto italiani facendoci il verso dietro, non ho di certo pensato che
fossero personcine intelligenti ed avessero ragione!
Chiara & Emanuele & Jocker
Achting
2005-04-18 10:01:20 UTC
Permalink
Post by daniel pennac
Post by Achting
CUT
Approfitto per chiederti: tu affiteresti a cuor leggero un tuo
ipotetico appartamento a una famiglia di extracomunitari? Magari che
confina con il tuo?
Sì, senza alcun problema, come in ogni caso della vita, tendo a
valutare le persone. Tieni anche presente che molti immigrati sono
irregolari anche perchè non tutti i datori di lavoro tendono a
regolarizzarli, ci son situazioni che rasentano la schiavitù, e ti
assicuro che lo so per certo.
Mi ricordo che quando feci l'erasmus in Belgio, essendo italiana, la
gente si meravigliava che fossi lì per studiare e che mi è capitato
che, mentre parlavo in italiano con un emigrante di vecchia data in
treno, un gruppetto di ragazzini ci prendessero in giro proprio in
quanto italiani facendoci il verso dietro, non ho di certo pensato che
fossero personcine intelligenti ed avessero ragione!
Chiara & Emanuele & Jocker
I cinesi che lavorano in iItalia sono i più sfruttai, in nero, dai loro
stesso connazionali.

lasciamo stare tristissimi recenti fatti di cronaca di cinesi ridotti in
schiavitù d aconnazionali, ma sei mei andata in diversi ristoranti cinesi
ad esempio?


Quanto all'Erasmus sei stato fortunata: se finivi in Libia o a Cuba,
forse non ti facevano neanche entrare e al primo sgarro non te la
saresti cavata con delle risatine di dileggio.
daniel pennac
2005-04-18 10:11:34 UTC
Permalink
Post by Achting
CUT
Quanto all'Erasmus sei stato fortunata: se finivi in Libia o a Cuba,
forse non ti facevano neanche entrare e al primo sgarro non te la
saresti cavata con delle risatine di dileggio.
Io non ho mica sgarrato, ho semplicemnte parlato nella mia lingua
madre con un connazionale!
Chiara & Emanuele & Jocker
Achting
2005-04-18 10:19:52 UTC
Permalink
Post by daniel pennac
Io non ho mica sgarrato, ho semplicemnte parlato nella mia lingua
madre con un connazionale!
Tu forse no. Ma altri italiani all'estero certamente sì.
Moosbrugger
2005-04-18 10:06:13 UTC
Permalink
Post by daniel pennac
Post by Achting
CUT
Approfitto per chiederti: tu affiteresti a cuor leggero un tuo ipotetico
appartamento a una famiglia di extracomunitari? Magari che confina con il
tuo?
Sì, senza alcun problema, come in ogni caso della vita, tendo a
valutare le persone. Tieni anche presente che molti immigrati sono
irregolari anche perchè non tutti i datori di lavoro tendono a
regolarizzarli, ci son situazioni che rasentano la schiavitù, e ti
assicuro che lo so per certo.
Quoto. Approfitto pure per ricordare un episodio personale : quando mia
moglie ( che di origine è extracomunitaria ) studiava a Osimo
condivideva l'appartamento con due ragazze extracomunitarie, una
marocchina e una russa. I proprietari mi confessarono che dopo una forte
riluttanza iniziale *preferivano* affittare a ragazze extracomunitarie
in quanto generalmente più educate e corrette rispetto alle nostre
connazionali.

Ciao

Moos
Achting
2005-04-18 10:17:56 UTC
Permalink
Post by Moosbrugger
Post by daniel pennac
Post by Achting
CUT
Approfitto per chiederti: tu affiteresti a cuor leggero un tuo
ipotetico appartamento a una famiglia di extracomunitari? Magari che
confina con il tuo?
Sì, senza alcun problema, come in ogni caso della vita, tendo a
valutare le persone. Tieni anche presente che molti immigrati sono
irregolari anche perchè non tutti i datori di lavoro tendono a
regolarizzarli, ci son situazioni che rasentano la schiavitù, e ti
assicuro che lo so per certo.
Quoto. Approfitto pure per ricordare un episodio personale : quando
mia moglie ( che di origine è extracomunitaria ) studiava a Osimo
condivideva l'appartamento con due ragazze extracomunitarie, una
marocchina e una russa. I proprietari mi confessarono che dopo una
forte riluttanza iniziale *preferivano* affittare a ragazze
extracomunitarie in quanto generalmente più educate e corrette
rispetto alle nostre connazionali.
Io chiedeva di una famiglia di extracomunitari, magari irregolari,

Non di studenti, che magari non firmano i contratti di 4 + 4 anni.
Davide Cabassi
2005-04-18 13:47:36 UTC
Permalink
Achting wrote in message <***@x-privat.org>...
.
Post by Achting
Io chiedeva di una famiglia di extracomunitari, magari irregolari,
Non di studenti, che magari non firmano i contratti di 4 + 4 anni.
L'appartamento sopra il mio è affittato a un gruppo di albanesi da qualche
anno. Non mi permetto di dire ma non giurerei sulla loro regolarità. Non
solo non hanno mai detto una parola sul fatto che smarrono da mattina a sera
col piano, ma alcune volte mi hanno fermato per chiedermi cosa stavo
studiando, che gli piaceva, se potevo far loro una cassetta. Al contario di
certe sciure milanesi a cui disturbo la visione di Amici.

d
Zazie-la-peste
2005-04-18 10:31:17 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Post by Luca Logi
Mia suocera ha una badante a Milano. Iniziato le pratiche per il rinnovo
del permesso di soggiorno (regolarissimo) a ottobre 2004, finiranno a
settembre 2005.
Sarà un problema di Milano.
sì, ma sai quanti immigrati ci sono a Milano?
Una valanga
Z
Luca Logi
2005-04-18 11:23:02 UTC
Permalink
Post by Zazie-la-peste
Post by v i n i x ©
Sarà un problema di Milano.
sì, ma sai quanti immigrati ci sono a Milano?
Una valanga
in effetti il mondo non finisce a pistoia
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Achting
2005-04-18 07:54:53 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Post by v i n i x ©
Questa poi ...
Funzionerà così a Firenze, non generalizziamo.
Mia madre ha regolarizzato una badante senza alcun problema. Ha fatto
tutto il suo commercialista in un paio di settimane spedendo quello
che doveva spedire per posta.
Mia suocera ha una badante a Milano. Iniziato le pratiche per il rinnovo
del permesso di soggiorno (regolarissimo) a ottobre 2004, finiranno a
settembre 2005.
Milano, ho detto. La cosiddetta capitale economica e morale.
Milano è la città che ospita e dà lavoro al maggior numero
di lavoratori extracomunitari di tutta Italia.
Più di città come Roma e Torino.

Evidentemnte Logi, accecato come al solito da una sinistra faziosità, su
certi temi parla a ruota libera perdendo il senso del ridicolo.
Zazie-la-peste
2005-04-18 10:31:16 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Questa poi ...
Funzionerà così a Firenze, non generalizziamo.
Mia madre ha regolarizzato una badante senza alcun problema. Ha fatto
tutto il suo commercialista in un paio di settimane spedendo quello
che doveva spedire per posta.
vinix, dipende da caso a caso.
E' vero quello che dice Luca: per molte persone il rinnovo del permesso dura
molto, soprattutto nelle grandi città.
Rimangono bloccati in Italia senza possibilità di tornare a fare visita alla
famiglia di origine.
Nei centri più piccoli immagino le pratiche siano molto più veloci.
Z
v i n i x ©
2005-04-18 19:14:32 UTC
Permalink
On Mon, 18 Apr 2005 10:31:16 GMT, "Zazie-la-peste"
Post by Zazie-la-peste
Nei centri più piccoli immagino le pratiche siano molto più veloci.
Infatti non contestavo Luca, dicevo che il problema semmai è di
Milano. Siccome devo andare dal commercialista per la dichiarazione
dei redditi di mia madre, mi farò spiegare bene cosa ha dovuto fare.
Questo lo dico perché non sarebbe la prima volta che si buttano li le
cose in modo un po' approssimativo.

ciao
Kairaddin
2005-04-17 21:26:23 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Aggiungi una cosa scandalosa: se sei un immigrato regolare, con
residenza, lavoro e contributi regolarmente pagati, ogni anno devi
rinnovare il permesso di soggiorno. Ma la procedura occupa, nelle grandi
città, circa 11 mesi - in pratica quando il permesso di soggiorno è
rinnovato, è già in scadenza.
Questa non e' la regola, non e' esatto quanto affermi.
Post by Luca Logi
Una maniera di rompere i coglioni anche agli immigrati regolari, che
fanno un lavoro utile. Complimenti al genio che ha escogitato questo
sistema.
Un conto e' ritoccare la legge Bossi Fini ( che in grandissima parte
ricalca la Turco-Napolitano ) e' altro conto e' lasciare che si
rversino migliaia e migliaia di clandestini sulle nostre coste.

Ci sono o non sono milioni di aspiranti clandestini in attesa di
sbarcare da noi ?

Rispondi per favore.

Milioni con dietro altri milioni che incalzano da ogni dove, tra
l'altro un business mafioso che alza piu' soldi della droga.

Pisanu li sta respingendo : le tane de zulueta che impestano
Bruxelles, dietro le quali sta il vecchio Bertinotti, i Verdi, frange
di sprovevduti cattolici e l'intera sinistra DS, hanno ottenuto la
condanna dell'Italia.

Che vogliamo fare quando tra poco la sinistra andra' al Governo ?

Lasciamo entrare tutti, aboliamo i centri di prima accoglienza (
chiamati lager ) eliminiano l'espulsione, che vogliamo, volete fare ?

Riprendere le espulsioni cartacee con le quali la sinistra ipocrita e'
andata avanti per anni accumulando centinaia di migliaia di
clandestini tra i quali c'e di tutto ?

Lanciare una bella campagna antirazzista in nome del volemose bene ?

Tra l'altro la sinistra e' oggettivamente complice sia della mafia
che sfrutta il nuovo business sia dello sfruttamento che tanti
imprenditori trovano cosi' attraente : mano d'opera a costo semizero,
lavoro in nero, caporaloato a gogo.

Luca mio, laa realta' e' una brutta bestia, e puo' fare aa pugni con
le buone intenzioni.

Delle quali, come sai bene, e' lastricata la via dell'Inferno.

Onesta' intellettuiale vo' cercando ch'e' si cara.....



Kairaddin
Luca Logi
2005-04-17 21:31:20 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Luca mio, laa realta' e' una brutta bestia, e puo' fare aa pugni con
le buone intenzioni.
Delle quali, come sai bene, e' lastricata la via dell'Inferno.
Onesta' intellettuiale vo' cercando ch'e' si cara.....
troppo tardi per rispondere, lo farò domani o martedi
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Meyer Lansky
2005-04-17 22:39:57 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Onesta' intellettuiale vo' cercando ch'e' si
cara.....
Kairaddin
Sai quanto gliene frega ai compagni e ai post-compagni
dell'onesta', particolarmente quella intellettuale
--
Postato da Virgilio Newsgroup http://newsgroup.virgilio.it
Completo come il newsreader, ma senza il newsreader
Luca Logi
2005-04-18 06:40:37 UTC
Permalink
Post by Meyer Lansky
Sai quanto gliene frega ai compagni e ai post-compagni
dell'onesta', particolarmente quella intellettuale
avranno imparato da berlusconi, specchiato esempio di onestà :-)
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Luca Logi
2005-04-18 11:23:01 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Tra l'altro la sinistra e' oggettivamente complice sia della mafia
che sfrutta il nuovo business sia dello sfruttamento che tanti
imprenditori trovano cosi' attraente : mano d'opera a costo semizero,
lavoro in nero, caporaloato a gogo.
Luca mio, laa realta' e' una brutta bestia, e puo' fare aa pugni con
le buone intenzioni.
Delle quali, come sai bene, e' lastricata la via dell'Inferno.
Onesta' intellettuiale vo' cercando ch'e' si cara.....
Precisiamo subito che il lavoro nero è forse il maggiore scandalo
dell'Italia. Non tanto per lo sfruttamente, ma in quanto l'evasione
fiscale e contributiva introduce delle distorsioni nell'economia.

In particolare mi sono reso conto che una economia moderna richiede che
il "nero" sia minimizzato per quanto possibile. Pensa per esempio ad un
contratto di licenza o di franchising, per cui deve essere pagata una
quota per esempio sul fatturato. Faresti un contratto del genere ad una
ditta che assume a nero ed evade l'IVA? E' con questi sistemi che
l'economia italiana è condannata, per il futuro, al nanismo.

Per cui, prima ancora che occuparsi degli immigrati, bisognerebbe
stroncare il lavoro nero. Altro che sanatorie previdenziali.

Circa l'immigrazione: a creare il fenomeno delle carrette del mare è il
fatto che i permessi di entrata legali non esistono. Se il marocchino
potesse viaggiare in aereo con l'aria condizionata, chi glielo farebbe
fare di rischiare la vita su un gommone per entrare in Italia? E nota
bene che non si tratta di un problema unicamente italiano. Gli USA hanno
lo stesso problema con i messicani, che preferiscono rischiare di
rimetterci la pelle attraversando il deserto piuttosto che starsene al
loro paese. Hanno messo fili spinati, barriere elettriche, ogni
possibile diavoleria, e il problema continua. (Naturalmente, anche lì i
datori di lavoro sono più che contenti di avere mano d'opera illegale a
basso costo. Basta che non pretendano di avere dei diritti.)

Ora, la questione dell'immigrazione è questa: se hai di fronte un
rilevante quantitativo di persone disposte a rischiare la vita e a
spendere tutti i loro risparmi per venire nel mondo occidentale a
lavorare, come pensi di tenerli fermi? Con le bombe atomiche? Per quanto
pensi di riuscire a tenerli fermi? Un anno, dieci anni, un secolo, per
sempre?

Qui ti invito a leggerti un dossier di una rivista che, da sempre, è
l'espressione del pensiero liberale moderato. Si tratta di diversi
articoli, concatenati, sul tema dell'immigrazione:
http://www.economist.com/surveys/showsurvey.cfm?issue=20021102

I problemi che vengono sollevati non sono banali. Per esempio, pensi di
poter globalizzare il movimento delle merci e della finanza, ma non
quello delle persone? Pensi di poter mettere per sempre una barriera di
fronte a quella che è una questione di domanda e offerta di lavoro? - E
ti ricordo che la teoria classica del capitalismo è che non puoi
sconfiggere il mercato, per cui se la domanda e l'offerta sono quello
che sono farai prima ad adattarti al dettato del mercato che a
contastarlo (pena di fare la fine dell'unione sovietica).

A mia suocera piacerebbe avere una signora italiana che si prenda cura
di lei, caro C. - ma il fatto sta che le signore italiane questo lavoro
non lo vogliono più fare. Per cui la scelta di noi parenti è: o la
prendiamo a casa nostra, e lei non vuole abbandonare la sua casa, o le
mettiamo in casa una signora straniera (per la precisione,
sudamericana). E siccome il numero dei vecchietti italiani andrà ad
aumentare e quello degli italiani che lavorano va a diminuire, di
badanti straniere bisognerà importarne, e a pacchi - a meno di non voler
sopprimere i vecchietti con iniezione indolore al compimento del 75°
anno. Poi, se vuoi, queste badanti puoi tenerle in coda in questura
tutta la notte e soffocarle di carte e bolli. Ma continueranno a
venire, perchè ne abbiamo bisogno e noi e loro. Angariarle è stupido e
infantile. Sarebbe più razionale prendere atto delle necessità di tutti
ed adeguarsi. In maniera efficiente e discreta.

Carissimo C. e carissimi tutti, la lezione della storia è una ed
inequivocabile: in presenza di squilibri forti, non c'è muro di Berlino
- vallo di Adriano - grande muraglia cinese - linea Maginot che possa
tenere. E che sia io a doverlo rammentare a tanta illustre
congregazione, mi lascia sospettare che il vero liberale sia io e che i
veri sovietici siano i miei interloclutori, almeno alcuni.

----------------------

Il problema non è se sparare sui gommoni che arrivano oppure mettere il
tappeto rosso. Anche a sparare sui gommoni, è come cercare di contenere
una emorragia con un cerotto, anzichè diagnosticare la malattia che sta
alla base dell'emorragia.

E nota bene che ancora non abbiamo visto niente. Intendo dire, per
quanto le nostre città siano state trasformate dall'arrivo degli
immigrati (per dire, nel mio condomino, 6 unità abitative, ho una
signora indiana e una famiglia peruviana, che fra l'altro avendo un avo
italiano ha lo stesso cognome di mia suocera), ancora ce ne sono pochi
rispetto a quelli che verranno. La Germania, per fare un esempio, ne ha
almeno cinque volte tanti rispetto a noi. E non dire che non c'è posto,
perchè non è vero. Se tu pensi che non ci sia posto, non hai mai
viaggiato in Asia (nè quella povera di Bombay nè quella ricca di Tokyo).

Tutto quello che succede oggi si è visto anche in passato. Per esempio,
quello che oggi si dice, ed a ragione, degli islamici in Europa (non si
integrano, la mentalità è troppo differente), nel 1820 si diceva degli
irlandesi in America.

--------------------


Certo, l'Italia come la conoscevamo è destinata a sparire. Penso di
essere fra quelli che la rimpiangeranno. Ma dato che, anzichè cercare di
risolvere i problemi con lungimiranza, si gioca al gioco della caccia al
comunista e alla finanza creativa, penso che l'Italia di adesso abbia
poche speranze. Puoi mettere le portaerei del ministro Pisanu alle porte
di Lampedusa: significa durare cinque o dieci anni di più. Forse per te
bastano. Per me no.

Ci sono dei problemi per i quali l'Italia risulta del tutto impreparata.
Un problemino è che la politica dell'immigrazione viene fatta a scopo
esclusivamente elettorale. Qualche settimana fa un furgoncino della Lega
girava per Firenze appellandosi ai nostri artigiani, dicendo che
bisognava buttare fuori i cinesi che sono pericolosi concorrenti. Come
nipote di artigiano italiano, rispondo che l'artigianato italiano è
morto negli anni 70, e la speranza di buttare fuori i cinesi risibile.
Si possono addomesticare, i cinesi, ma per buttarli fuori bisogna
chiudersi in una grotta. E mandare i nostri figli, che sognano comodi
posti di segretaria e di impiegato, ai fumi tossici delle concerie e a
stasare pozzi neri. Si farà? no. E allora quello che manda il furgoncino
della lega, si confessi per quello che è: un demagogo a caccia di una
poltrona per vivacchiare cinque anni a spese della collettività.

Un problema molto meno marginale, è che la politica italiana da mezzo
secolo a questa parte è fatta per favorire i vecchi a scapito dei
giovani. I governi democristianosocialisti, che la tua generazione, caro
C., ha votato con rinnovato entusiasmo, e la mia ha fatto appena in
tempo a scorgere, hanno lavorato per distruggere la mia generazione a
favore della tua. Mandando la tua - che ha avuto condizioni di lavoro e
di abitazione che nessuna altra generazione italiana ha mai visto e mai
vedrà così favorevoli - in pensione a 45-50-55 anni, caricando i
contributi ed il debito pubblico sulla mia. Non c'è da meravigliarsi se
la mia generazione, stremata dal peso (ed anche ad una certa comodità a
cui ci hanno abituato le nostre mamme), non ce la farà a reggere
l'impatto con la concorrenza degli immigrati. Ma questa politica la
avete disegnata voi, senza distinzione di partito e di colore.

Il terzo problema è che l'Italia è un gran casotto in quanto nessuno
rispetta le regole. Hai voglia a dire all'immigrato: vieni pure, a
condizione che tu rispetti le *mie* regole. L'italiano di regole non ne
vuole avere - e la dimostrazione è questa stessa illustre compagnia, che
una settimana fa si faceva beffe degli svizzeri perchè rispettano le
regole. A queste condizioni, poco meraviglia che noi si possa attirare
gli immigrati più caciaroni e sregolati. Ma ce lo siamo voluto. Anzi: ve
lo siete voluto. Io le regole sono per rispettarle. Ma in Italia quelli
come me sono una minoranza, spesso irrisa.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Edoardo "Edoloz" Carminati
2005-04-18 13:59:28 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Precisiamo subito che il lavoro nero è forse il maggiore scandalo
dell'Italia. Non tanto per lo sfruttamente, ma in quanto l'evasione
fiscale e contributiva introduce delle distorsioni nell'economia.
Ma cosa dici! Andiamo avanti a condoni! E' così che l'economia si risolleva!
Post by Luca Logi
Ora, la questione dell'immigrazione è questa: se hai di fronte un
rilevante quantitativo di persone disposte a rischiare la vita e a
spendere tutti i loro risparmi per venire nel mondo occidentale a
lavorare, come pensi di tenerli fermi? Con le bombe atomiche? Per quanto
pensi di riuscire a tenerli fermi? Un anno, dieci anni, un secolo, per
sempre?
Quoto.
Post by Luca Logi
I problemi che vengono sollevati non sono banali. Per esempio, pensi di
poter globalizzare il movimento delle merci e della finanza, ma non
quello delle persone? Pensi di poter mettere per sempre una barriera di
fronte a quella che è una questione di domanda e offerta di lavoro? - E
ti ricordo che la teoria classica del capitalismo è che non puoi
sconfiggere il mercato, per cui se la domanda e l'offerta sono quello
che sono farai prima ad adattarti al dettato del mercato che a
contastarlo (pena di fare la fine dell'unione sovietica).
Riquoto
Post by Luca Logi
Carissimo C. e carissimi tutti, la lezione della storia è una ed
inequivocabile: in presenza di squilibri forti, non c'è muro di Berlino
- vallo di Adriano - grande muraglia cinese - linea Maginot che possa
tenere. E che sia io a doverlo rammentare a tanta illustre
congregazione, mi lascia sospettare che il vero liberale sia io e che i
veri sovietici siano i miei interloclutori, almeno alcuni.
Il problema è che molti non si sono accorti che viviamo nel 2005, che la
globalizzazione c'è eccome e o ce ne facciamo una ragione o soccombiamo.
PUNTO. Una soluzione va trovata, ma non certo illudendosi di chiudere le
frontiere o roba simile. Bisogna mettere in condizione chi vuole
lavorare di farlo e farlo in modo legale, con contributi e cazzi e mazzi
annessi e far capire anche all'UE che il problema non è solo nostro ma è
globale, di distribuzione degli immigrati tra i vari paesi, di dare la
possibilità di farsi una vita decente a queste gente. Solo così si
limiterà la criminalità e si eviterà che entrino in giri mafiosi.
A questo vanno aggiunti aiuti verso i paesi d'origine per cercare di
risollevare le loro condizioni, in modo da tamponare almeno in parte il
fenomeno di immigrazione (ho amici che senza tante parole e
nell'assoluto anonimato hanno contribuito a risollevare alcune
situazioni disastrate nella ex-jugoslavia, modo migliore per aiutare gli
altri ma anche per aiutarsi: il vecchio adagio "se ti do un pesce ti
sfamo un giorno, se ti insegno a pescare ti sfamo per tutta la vita" e
evito che tu debba emigrare aggiugo io, vale ancora...)
Illudersi che basta fare demagogia da piazza, il dire "tutti a casa,
fuori da casa nostra" sa molto di comizio elettorale, di gente che non
vuole vedere il problema e fa come lo struzzo...
Post by Luca Logi
Il problema non è se sparare sui gommoni che arrivano oppure mettere il
tappeto rosso. Anche a sparare sui gommoni, è come cercare di contenere
una emorragia con un cerotto, anzichè diagnosticare la malattia che sta
alla base dell'emorragia.
straquoto
Post by Luca Logi
Certo, l'Italia come la conoscevamo è destinata a sparire. Penso di
essere fra quelli che la rimpiangeranno.
Il fatto è che non c'è alternativa, infarcirsi la bocca di belle parole
come globalizzazzione solo quando si possono comprare le magliette "made
in Taiwan" a pochi spiccioli e non vedere l'altro lato della medaglia
quando il mondo anche culturale è destinato a evolversi.
Post by Luca Logi
Ma dato che, anzichè cercare di
risolvere i problemi con lungimiranza, si gioca al gioco della caccia al
comunista e alla finanza creativa, penso che l'Italia di adesso abbia
poche speranze. Puoi mettere le portaerei del ministro Pisanu alle porte
di Lampedusa: significa durare cinque o dieci anni di più. Forse per te
bastano. Per me no.
USA docet.
Post by Luca Logi
Mandando la tua - che ha avuto condizioni di lavoro e
di abitazione che nessuna altra generazione italiana ha mai visto e mai
vedrà così favorevoli - in pensione a 45-50-55 anni, caricando i
contributi ed il debito pubblico sulla mia. Non c'è da meravigliarsi se
la mia generazione, stremata dal peso (ed anche ad una certa comodità a
cui ci hanno abituato le nostre mamme), non ce la farà a reggere
l'impatto con la concorrenza degli immigrati. Ma questa politica la
avete disegnata voi, senza distinzione di partito e di colore.
Pensa a me che sono perfino più giovane...


Per il resto questo post avrei potuto scriverlo io, quoto completamente.



Ciao
Luca Logi
2005-04-18 16:53:56 UTC
Permalink
Post by Edoardo "Edoloz" Carminati
Il fatto è che non c'è alternativa, infarcirsi la bocca di belle parole
come globalizzazzione solo quando si possono comprare le magliette "made
in Taiwan" a pochi spiccioli e non vedere l'altro lato della medaglia
quando il mondo anche culturale è destinato a evolversi.
Qualcuno pensava che la globalizzazione fosse quella cosa che la polizia
picchia i comunisti a Genova. Il fatto che la globalizzazione volesse
dire che tutte le nostre certezze vengono rimesse in gioco per colpa di
qualcuno che abita a 10000 km. da noi, è arrivato come una sorpresa per
molti. Che devo dire, si consolino con la polizia che picchia i
comunisti...
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
Home page: http://www.angelfire.com/ar/archivarius
(musicologia pratica)
Rodolfo Canaletti
2005-04-18 19:15:19 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Il fatto che la globalizzazione volesse
dire che tutte le nostre certezze vengono rimesse in gioco per colpa di
qualcuno che abita a 10000 km. da noi, è arrivato come una sorpresa per
molti.
Che l'immigrazione, ovvero lo spostamento in masse sempre piu' grandi di
popolazioni, sia un fenomeno planetario legato a quel fenomeno che va
sotto il nome di globalizzazione, mi pare fuori dubbio.

La globalizzazione ha dato un indirizzo diverso alla storia, e quindi
alla storia dei popoli, di tutti i popoli. Una brusca virata che ha
spiazzato un po' tutti.

Non mi pare che ci sia "qualcuno" che abita a 10000 km da noi che prenda
decisioni. Bauman, secondo me lucidamente, afferma che non esistono piu'
le distanze; che i confini sono diventati categorie aleatorie, alle
quali si cerca di dare sempre un nuovo significato, senza tuttavia
ottenere, almeno per un tempo lungo, definibile come tempo storico, non
certo come tempo cronologico, una formulazione condivisa e accettabile,
e quindi una funzione reale; che in questo periodo (e chissa' ancora per
quanto) stiamo vivendo in un mondo paragonabile a un territorio di
"frontiera", con tutte le provvisiorieta' che questo termine comporta;
cioe' che siamo entrati in una fase che egli chiama la "modernita'
liquida".

Non credo che si possa discutere qui dei fenomeni che hanno determinato
la globalizzazione, e di cio' che essa comporti nella vita quotidiana di
tutti i noi. Fior di sociologi, fra i quali il Bauman se ne sono
occupati con lucidissime analisi.

Secondo queste analisi, le leggi che dovrebbero fermare o anche solo
limitare il controllo dell'immigrazione, siano esse italiane o qualsiasi
altro stato, non solo non sarebbero in grado di risolvere il problema,
ma neppure di ritardarlo. Se anche riuscissero a rinviarlo, non
comporterebbero nessun vantaggio: servirebbero solo a renderlo piu'
pesante successivamente.

Sul problema dello spostamento di masse di popolazioni, sul problema
della disoccupazione, oggi intesa piu' correttamente come esubero,
nell'ambiente planetario globalizzato, Bauman ha scritto il suo ultimo
libro "Vite di scarto", che consiglerei vivamente di leggere a chi si
occupa e preoccupa dei problemi dell' "immigrazione".

Ciao

Rudy
--
For there was never yet philosopher
That could endure the toothache patiently
(Shakespeare: Much Ado about Nothing)
Kairaddin
2005-04-18 14:08:33 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Precisiamo subito che il lavoro nero è forse il maggiore scandalo
dell'Italia. Non tanto per lo sfruttamente, ma in quanto l'evasione
fiscale e contributiva introduce delle distorsioni nell'economia.
(cut)
Post by Luca Logi
Il terzo problema è che l'Italia è un gran casotto in quanto nessuno
rispetta le regole. Hai voglia a dire all'immigrato: vieni pure, a
condizione che tu rispetti le *mie* regole. L'italiano di regole non ne
vuole avere - e la dimostrazione è questa stessa illustre compagnia, che
una settimana fa si faceva beffe degli svizzeri perchè rispettano le
regole. A queste condizioni, poco meraviglia che noi si possa attirare
gli immigrati più caciaroni e sregolati. Ma ce lo siamo voluto. Anzi: ve
lo siete voluto. Io le regole sono per rispettarle. Ma in Italia quelli
come me sono una minoranza, spesso irrisa.
Potrei anche quotare tutto il tuo post Luca, ma non hai - IMO -
centrato il punto,anzi l'hai centrato, ma non ne hai tratto le dovute
conclusioni.

Che l'Italia sia un paese incasinato - da sempre - e' un fatto, ma, a
meno di non illudersi che un qualsivoglia governo sia in grado,
pervirtu' taumaturgiche, di riportare ordine, disciplina, serieta',
organizzazione, occorre con pragmatismo, prendere atto della
situazione.

Che non consente in alcun modo l'approdo illegale di migliaia ( oggi )
o decine o centinaia di migliaia ( domani,) di clandestsini, pena
l'instaurazione di una nuova civilta' tribale basta sull'arbitrio, la
forza, lo sterminio e quel che vuoi.

Che il movimento di masse da sud del mondo sia un fatto epocale e'
vero, che non lo si possa fermare con muri o altro e' sempre vero.

Che lo si possa "rallentare " pero', e' altrettanto vero.

Un conto e' l'arrivo di immigrati in qualche modo "gestito",ed altra
cosa e' il riversarsi di popolazioni sulle nostre coste, a casaccio,
a mo' di invasione.

Parli di cinque dieci anni : magari !

Occorre dare il tempo per abituarsi in qualche modo l'un l'altro, e
far si che gli stessi immigrati possano convivere tra loro piu' o
nmeno pacificamente ( ripeto : piu' o meno ).

Quel che accadrebbe ( che accadra', se la gente continua a NON CAPIRE)
e' una bella Bosnia prossima ventura in casa nostra.

Purtroppo - se quella dei leghisti da te citati e' grassa demagogia,
diimmi cos'e' quella dei " solidaristi£" a senso unico, dei "
garantisti" a un tanto al chilo che vorrebbero aprire voluminiose
pratiche per ciascun clandestino per vagliare , una ad una , la loro
posizione.

In un paese dove giacciono inevase milioni ( milioni ) di pratiche
giudiziare inevase.

Pisanu ha operato nell'unico modo possibile, con i rimpatri e i
pagamenti di "tangenti" a monte.

Nel monmento in cui una sinistra completamente impazzita opera per far
condannare l'Italia in Europa e domani lascera' che tutti
indiscriminatamente possano sbarcare tranquillamente, si apre un
dramma che fara' dimenticare qualsiasi cosa non sia la difesa della
propria vita.

Esagero ?

Non ci vorra' molto a verificarlo, e come al solito, come SEMPRE,
potremo tutti assistere alla corsa dei demagoghi a chiudere le porte
di stalle vuote da anni.

Allegria.


Kairaddin
Edoardo "Edoloz" Carminati
2005-04-18 15:30:50 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Che il movimento di masse da sud del mondo sia un fatto epocale e'
vero, che non lo si possa fermare con muri o altro e' sempre vero.
esatto
Post by Kairaddin
Che lo si possa "rallentare " pero', e' altrettanto vero.
Ma non con la contraeraa o con i rimpatrii "a frotte". Con l'aiuto ai
paesi d'origine si. Con il favorire l'immigrazione legale si. Con la
"distribuzione" del flusso migratorio in Europa si. Con il cercare di
trovargli un posto di lavoro legale si.
Post by Kairaddin
Un conto e' l'arrivo di immigrati in qualche modo "gestito",ed altra
cosa e' il riversarsi di popolazioni sulle nostre coste, a casaccio,
a mo' di invasione.
Esatto...
Post by Kairaddin
Purtroppo - se quella dei leghisti da te citati e' grassa demagogia,
diimmi cos'e' quella dei " solidaristi£" a senso unico, dei "
garantisti" a un tanto al chilo che vorrebbero aprire voluminiose
pratiche per ciascun clandestino per vagliare , una ad una , la loro
posizione.
Cosa vuoi fare? Metterli su carri bestiame e rispedirli indietro? Domani
saranno già di ritorno e sapranno meglio come muoversi per non essere
"beccati"...Sentivo l'intervista ad alcuni clandestini: arrivano in
Italia e prima che vengano scoperti e rispediti a casa hanno abbastanza
soldi per ritornare, e ovviamente ritornano...
Post by Kairaddin
In un paese dove giacciono inevase milioni ( milioni ) di pratiche
giudiziare inevase.
Il problema è a monte...servirebbe snellire le pratiche e evitare le
code notturne e tutte quelle amenità...
Post by Kairaddin
Pisanu ha operato nell'unico modo possibile, con i rimpatri e i
pagamenti di "tangenti" a monte.
'nsomma....cercare di avere più peso in EU e non solo farsi dare pacche
sulle spalle e sorrisi non guasterebbe
Post by Kairaddin
Non ci vorra' molto a verificarlo, e come al solito, come SEMPRE,
potremo tutti assistere alla corsa dei demagoghi a chiudere le porte
di stalle vuote da anni.
E' una bella patata bollente da pelare, e nessuno vuole scottarsi. Spero
che si decidano a prendere soluzioni serie e strutturate e la smettano
di accusarsi a vicenda, ma prendano la situazione in mano e cerchino di
portare i problemi in EU e premino per una soluzione.



Ciao
Samuel Goldemberg
2005-04-18 14:44:45 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Che lo si possa "rallentare " pero', e' altrettanto vero.
basta mitragliare le barcacce stracariche. Al terzo affondamento ci
penserebbero 2 volte prima di riprovare.

[[Samuel]]
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Zazie-la-peste
2005-04-18 18:05:39 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
L'italiano di regole non ne
vuole avere - e la dimostrazione è questa stessa illustre compagnia, che
una settimana fa si faceva beffe degli svizzeri perchè rispettano le
regole. A queste condizioni, poco meraviglia che noi si possa attirare
gli immigrati più caciaroni e sregolati. Ma ce lo siamo voluto. Anzi: ve
lo siete voluto. Io le regole sono per rispettarle. Ma in Italia quelli
come me sono una minoranza, spesso irrisa.
Straquoto con standing ovation
Z
v i n i x ©
2005-04-18 20:54:06 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
L'italiano di regole non ne
vuole avere - e la dimostrazione è questa stessa illustre compagnia, che
una settimana fa si faceva beffe degli svizzeri perchè rispettano le
regole.
Veramente non mi pareva fosse questo il problema. Non era questione di
farsi beffa di un paese che rispetta le regole, ma semmai di
"prendere in giro" un popolo che si crea regole assurde. Se fossi
ospite di una famiglia svizzera non cagherei dopo le 22, ma cercherei
di abbreviare al massimo il soggiorno fottendomene allegramente dei
ciclamini sul davanzale.

ciao
Veronica Medina
2005-04-19 08:10:42 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Post by Luca Logi
L'italiano di regole non ne
vuole avere - e la dimostrazione è questa stessa illustre compagnia, che
una settimana fa si faceva beffe degli svizzeri perchè rispettano le
regole.
Veramente non mi pareva fosse questo il problema. Non era questione di
farsi beffa di un paese che rispetta le regole, ma semmai di
"prendere in giro" un popolo che si crea regole assurde. Se fossi
ospite di una famiglia svizzera non cagherei dopo le 22, ma cercherei
di abbreviare al massimo il soggiorno fottendomene allegramente dei
ciclamini sul davanzale.
ciao
Super-extra-ultra standing ovation.

V.
daniel pennac
2005-04-17 21:41:41 UTC
Permalink
Post by Luca Logi
Post by Zazie-la-peste
eh, purtroppo è così.
C'è anche una questione legale che è molto difficile da risolvere.
In Italia è più facile entrare che in altri paesi, però poi sei merda allo
stato puro.
Non hai nulla, non sei nulla, ti trattano come uno schiavo, sei un
clandestino, non puoi nemmeno farti curare se ti ammali.
Aggiungi una cosa scandalosa: se sei un immigrato regolare, con
residenza, lavoro e contributi regolarmente pagati, ogni anno devi
rinnovare il permesso di soggiorno. Ma la procedura occupa, nelle grandi
città, circa 11 mesi - in pratica quando il permesso di soggiorno è
rinnovato, è già in scadenza.
Non è precisamente così il permesso ti viene rinnovato non dalla data
di scadenza del precedente ma dal momento di immissione del nuovo
permesso stesso, verò è che in alcune province (tipo Roma) ti ritrovi
per un periodo lunghissimo con il foglio che indica che hai il
permesso in fase di rinnovo e in questa fase di " interregno" non si
possono fare un sacco di cose banlisseime tipo comprare un'automobile
o qualsiasi cosa che preveda un atto notarile ed addirittura
iscriverti a scuola guida! Il permesso non si rinnova ogni anno, la
prima volta che lo richiedi ha validità di un anno la seconda volta di
due e la terza, se mi ricordo bene, di cinque
Post by Luca Logi
Durante questo periodo è abbastanza
difficile tornare a fare una visita al paese d'origine perchè rischi di
non poter rientrare. Senza naturalmente contare le code da fare di notte
e simili piacevolezze.
Si può rientrare nel paese di orgine, almeno in Europa funziona così,
solo che rischi che alle varie dogane ti chiedano un "obolo" per farti
passare, per cui rimani in Italia! Le code di notte sono una vergogna
indicibile!
Post by Luca Logi
Una maniera di rompere i coglioni anche agli immigrati regolari, che
fanno un lavoro utile. Complimenti al genio che ha escogitato questo
sistema.
Già!
Chiara & Emanuele & Jocker
v i n i x ©
2005-04-17 18:20:36 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Il Parlamento Europeo, su indicazione della sinistra italiana, ha
condannato i rimpatri delle migliaia di clandestini sbarcati sulle
nostre coste.
E' un altro degli infiniti esempi di inadeguatezza e ipocrisia
dell'Unione Europea. Non posso sperare che il referendum francese
affossi la costituzione, perché siamo talmente incapaci di fare
alcunché, di avere quantomeno qualche sussulto, che sarebbe un
disastro epocale, ma mi auguro che prima o poi qualcuno si svegli.

Per quanto riguarda la faccenda dei clandestini proporrei la loro
distribuzione nei paesi membri. Non può essere un problema solo dei
paesi che si trovano in posizioni geografiche sfavorevoli. E quando
anche la Danimarca o l'Irlanda si trovano a dover gestire qualche
migliaio di clandestini il parlamento europeo non sarà più disponibile
a dare una mano ai nostri rappresentanti per la loro sporca politica
interna.

ciao
Kairaddin
2005-04-17 21:30:48 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
E' un altro degli infiniti esempi di inadeguatezza e ipocrisia
dell'Unione Europea. Non posso sperare che il referendum francese
affossi la costituzione, perché siamo talmente incapaci di fare
alcunché, di avere quantomeno qualche sussulto, che sarebbe un
disastro epocale, ma mi auguro che prima o poi qualcuno si svegli.
E che ne so ?

Forse e' meglio cosi' : ci vorra' un po' di tempo, poi cadranno sogni
e illusioni.

Ci stiamo,liberando dall' "incubo Berlusconi" e piomberemo in un
incubo peggiore.

Tempo al tempo, vedrai.

Io non vado in Islanda, io resto proprio qui.



Kairaddin
v i n i x ©
2005-04-17 21:58:04 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Io non vado in Islanda, io resto proprio qui.
Ma figurati se andrei in Islanda. Ho come l'impressione che se tutti
quelli che si lamentano dell'Italia se ne andassero davvero in Islanda
si starebbe meglio. Oltretutto si potrebbe vedere anche come se la
caverebbe l'illuminato governo dell'Islanda con una ventina di milioni
di immigrati che bussano ai loro geyser.

ciao
Kermit
2005-04-18 07:29:07 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Post by Kairaddin
Il Parlamento Europeo, su indicazione della sinistra italiana, ha
condannato i rimpatri delle migliaia di clandestini sbarcati sulle
nostre coste.
E quando
anche la Danimarca o l'Irlanda si trovano a dover gestire qualche
migliaio di clandestini il parlamento europeo non sarà più disponibile
a dare una mano ai nostri rappresentanti per la loro sporca politica
interna.
Prima di muovere le dita sulla tastiera siete pregati di leggere per benino
cosa ha detto il Parlamento Europeo.
Non basta leggere qualche titolo di giornale.
Post by v i n i x ©
ciao
Zazie-la-peste
2005-04-18 10:31:17 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Per quanto riguarda la faccenda dei clandestini proporrei la loro
distribuzione nei paesi membri. Non può essere un problema solo dei
paesi che si trovano in posizioni geografiche sfavorevoli. E quando
anche la Danimarca o l'Irlanda si trovano a dover gestire qualche
migliaio di clandestini il parlamento europeo non sarà più disponibile
a dare una mano ai nostri rappresentanti per la loro sporca politica
interna.
Scusa Vinix, una precisazione.
Hai scelto male l'esempio.
La Danimarca è il paese europeo con più immigrati in assoluto rispetto alla
popolazione.
La Francia ha sei milioni di musulmani, la Germania cinque milioni di
Turchi, se non erro, la GB alcuni milioni di Pakistani.
Ovviamente, le storie sono diverse: loro hanno avuto delle colonie (eccetto
la Germania che ha deliberatamente fatto una politica di immigrazione
rivolta ai turchi) e dunque hanno gli ex colonizzati in casa.
L'Irlanda non li ha, ovviamente.
Il problema, a mio avviso non sta nella quantità, ma nella gestione.
In Francia è molto più difficile immigrare che in Italia: i clandestini
beccati vengono immediatamente messi su un aereo e rimpatriati con la forza.
Però, chi entra per lavorare e ottiene un permesso, ha garanzie, deve pagare
le tasse, è inquadrato, non vive in una zona d'ombra di lavoro nero o semi
nero, eccetera.
Inutile girarci intorno, il problema è sempre lo stesso: l'incapacità di far
rispettare la legalità.
Problema tutto italiano.
Sulle quote, si può anche essere d'accordo, in realtà.
Non è una cattiva idea.
Z
Kairaddin
2005-04-18 13:43:33 UTC
Permalink
Il Mon, 18 Apr 2005 10:31:17 GMT, "Zazie-la-peste"
Post by Zazie-la-peste
La Danimarca è il paese europeo con più immigrati in assoluto rispetto alla
popolazione.
La Francia ha sei milioni di musulmani, la Germania cinque milioni di
Turchi, se non erro, la GB alcuni milioni di Pakistani.
Ovviamente, le storie sono diverse: loro hanno avuto delle colonie (eccetto
la Germania che ha deliberatamente fatto una politica di immigrazione
rivolta ai turchi) e dunque hanno gli ex colonizzati in casa.
L'Irlanda non li ha, ovviamente.
Il problema, a mio avviso non sta nella quantità, ma nella gestione.
In Francia è molto più difficile immigrare che in Italia: i clandestini
beccati vengono immediatamente messi su un aereo e rimpatriati con la forza.
Però, chi entra per lavorare e ottiene un permesso, ha garanzie, deve pagare
le tasse, è inquadrato, non vive in una zona d'ombra di lavoro nero o semi
nero, eccetera.
Inutile girarci intorno, il problema è sempre lo stesso: l'incapacità di far
rispettare la legalità.
Problema tutto italiano.
Sulle quote, si può anche essere d'accordo, in realtà.
Quoto.


Kairaddin
v i n i x ©
2005-04-18 19:45:30 UTC
Permalink
On Mon, 18 Apr 2005 10:31:17 GMT, "Zazie-la-peste"
Post by Zazie-la-peste
In Francia è molto più difficile immigrare che in Italia: i clandestini
beccati vengono immediatamente messi su un aereo e rimpatriati con la forza.
Pare sia contrario alle convenzioni internazionali. :-)

ciao
Zazie-la-peste
2005-04-19 11:51:50 UTC
Permalink
Post by v i n i x ©
Post by Zazie-la-peste
In Francia è molto più difficile immigrare che in Italia: i clandestini
beccati vengono immediatamente messi su un aereo e rimpatriati con la forza.
Pare sia contrario alle convenzioni internazionali. :-)
beh, in Francia se ne sbattono, a quanto pare.
:-)
Z
Kairaddin
2005-04-19 13:19:05 UTC
Permalink
Il Tue, 19 Apr 2005 11:51:50 GMT, "Zazie-la-peste"
Post by Zazie-la-peste
beh, in Francia se ne sbattono, a quanto pare.
Vive la France !


Kairaddin
Achting
2005-04-18 07:34:25 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Perlo per voi perche' io, politicamente (e tra poco anche
anagraficamente) sono un pochino morto.
Ce ne faremo una ragione :-)
Kairaddin
2005-04-18 09:23:42 UTC
Permalink
Post by Achting
Ce ne faremo una ragione :-)
Piangerete lacrime amarissime.( con ragione.)

E mi rimpiangerete a lungo.

Ma questa e' un'altra storia.


Kairaddin
Schillogeno
2005-04-18 16:53:57 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Post by Achting
Ce ne faremo una ragione :-)
Piangerete lacrime amarissime.( con ragione.)
E mi rimpiangerete a lungo.
Ma questa e' un'altra storia.
Piantala, che mi preoccupo davvero.
Ti vogliamo A LUNGO così, vivo e vegeto.
Soltanto ti toglierei il diritto di voto. D'altro canto non si può
avere tutto, no?

MILANO ASIOSOVIETNEGROIDE

Schillogeno
-----------
"A composer is a guy who goes around forcing his will on
unsuspecting air molecules,often with the assistance of
unsuspecting musicians." Frank Zappa, 1940-1993.
Kairaddin
2005-04-18 18:32:41 UTC
Permalink
Post by Schillogeno
Piantala, che mi preoccupo davvero.
Avrei voglia di schiattare solo per vederti affranto dietro al
feretro.

Te e quello che mi fa arrabbiare, come si chiama...Marco, hai
presente ?


kAIRADDIN
Franco Vite
2005-04-18 07:26:11 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Il Parlamento Europeo, su indicazione della sinistra italiana, ha
condannato i rimpatri delle migliaia di clandestini sbarcati sulle
nostre coste.
Sbagli di un poco la mira:

il Parlamento Europeo, su indicazione della Convenzione sui diritti
dell'Uomo, ha condannato i rimpatri _di_ _massa_ .

Ha vietato, in sostanza, di prendere decine, centinaia o migliaia di
persone e di caricarli _indistintamente_ su un mezzo di trasporto
qualsiasi per rispedirle da dove provvengono.

Tutto ciò per il semplice motivo che facendo così non si può verificare
i motivi di chi cerca di venire in Europa perché a casa sua non mangia
(e allora può essere rispedito a casa ...) o lo fa perché perseguitato
politico (allora non può essere rispedito a casa).

La "sinistra" italiana, vorrei ricordare, nelle figure della signora
Livia Turco e del signor Giorgio Napolitano, è quella che ha fatto i
primi CPT (in Emilia, per la precisione).

PS
Forse pochi sanno che in Canada si può andare quando e come si vuole.
Dopo tre anni che si ha una residenza "legale" (quindi un banalissimo
cotratto d'affitto), si può fare domanda di cittadinanza, a cui si
accede con un esame che di norma è superato dal 93% dei partecipanti.
Sarà anche freddino, da quelle parti, ma per il resto stanno benissimo e
non hanno problemi con gli "extracomunitari".
--
Franco (togli TOGLIMI se vuoi rispondermi)
"Certo bisogna farne di strada / da una ginnastica d'obbedienza /
fino ad un gesto molto più umano / che ti dia il senso della violenza /
però bisogna farne altrettanta / per diventare così coglioni / da non
riuscire più a capire / che non ci sono poteri buoni" F. De André
Kairaddin
2005-04-18 09:04:48 UTC
Permalink
Il Mon, 18 Apr 2005 09:26:11 +0200, Franco Vite
Post by Franco Vite
Post by Kairaddin
Il Parlamento Europeo, su indicazione della sinistra italiana, ha
condannato i rimpatri delle migliaia di clandestini sbarcati sulle
nostre coste.
il Parlamento Europeo, su indicazione della Convenzione sui diritti
dell'Uomo, ha condannato i rimpatri _di_ _massa_ .
E io che ho detto ?

Ho parlato di" rimpatri delle migliaia di clandestini".
Post by Franco Vite
Ha vietato, in sostanza, di prendere decine, centinaia o migliaia di
persone e di caricarli _indistintamente_ su un mezzo di trasporto
qualsiasi per rispedirle da dove provvengono.
Ma mica e' colpa nostra se quelli arrivano " a migliaia " !!!

MIgliaia - clandestini - ne arrivano e migliaia vengono rimpatriati.

Punto.

Con Pisanu funziona cosi, e meno male.

Altrimenti potremmo sempre caricarne qualche nave e portarli in
Germania, in Belgio, in Olanda, in Francia, tutte democraticissime,
civilissime, solidarissime e caritatevoli nazioni che se ne farebbero
certamente carico, e darebbero loro una degna accoglienza.

Per non parlare di Inghilterra Grecia o Spagna.

Perche' solo l'Italia buonista delle livieturco deve godere di tanta
abbondanza, di tanta graziadidio, di tale fortuna ?

Condividiamno la nostra buona sorte, perdio !



Kaairaddin
Post by Franco Vite
Tutto ciò per il semplice motivo che facendo così non si può verificare
i motivi di chi cerca di venire in Europa perché a casa sua non mangia
(e allora può essere rispedito a casa ...) o lo fa perché perseguitato
politico (allora non può essere rispedito a casa).
La "sinistra" italiana, vorrei ricordare, nelle figure della signora
Livia Turco e del signor Giorgio Napolitano, è quella che ha fatto i
primi CPT (in Emilia, per la precisione).
PS
Forse pochi sanno che in Canada si può andare quando e come si vuole.
Dopo tre anni che si ha una residenza "legale" (quindi un banalissimo
cotratto d'affitto), si può fare domanda di cittadinanza, a cui si
accede con un esame che di norma è superato dal 93% dei partecipanti.
Sarà anche freddino, da quelle parti, ma per il resto stanno benissimo e
non hanno problemi con gli "extracomunitari".
Franco Vite
2005-04-18 10:36:10 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Post by Franco Vite
Ha vietato, in sostanza, di prendere decine, centinaia o migliaia di
persone e di caricarli indistintamente su un mezzo di trasporto
qualsiasi per rispedirle da dove provvengono.
Ma mica e' colpa nostra se quelli arrivano " a migliaia " !!!
MIgliaia - clandestini - ne arrivano e migliaia vengono rimpatriati.
Punto.
Con Pisanu funziona cosi, e meno male.
No, mi sembra che tu non capisca un concetto piuttosto semplice:

è _vietato_ dalle convenzioni internazionali, cui l'Italia ha aderito,
operare in quel modo.

Le convenzioni internazionali _obbligano_ a vagliare caso per caso
(persona per persona), in modo da poter capire se tizio ha diritto allo
status di rifugiato politico (o simili) o meno.

Per poter vagliare bisogna parlare con ogni singolo soggetto, cosa
impossibile se li prindi tutti insieme, li carichi su quelche mezzo di
trasporto e li cacci.

Quindi fare quanto tu sostieni con entusiasmo è _vietato_ non solo
dall'UE, ma anche dall'ONU (che, infatti, ha vivacemente protestato).

La cosa veramente _raccapricciante_ (oltre al fatto in se) è l'ipocrisia
di chi si erge a tutela della legalità usando metodi illegali
addirittura a livello internazionale.
--
Franco (togli TOGLIMI se vuoi rispondermi)
"Certo bisogna farne di strada / da una ginnastica d'obbedienza /
fino ad un gesto molto più umano / che ti dia il senso della violenza /
però bisogna farne altrettanta / per diventare così coglioni / da non
riuscire più a capire / che non ci sono poteri buoni" F. De André
Kairaddin
2005-04-18 13:41:43 UTC
Permalink
Il Mon, 18 Apr 2005 12:36:10 +0200, Franco Vite
Post by Franco Vite
Le convenzioni internazionali _obbligano_ a vagliare caso per caso
(persona per persona), in modo da poter capire se tizio ha diritto allo
status di rifugiato politico (o simili) o meno.
Per poter vagliare bisogna parlare con ogni singolo soggetto, cosa
impossibile se li prindi tutti insieme, li carichi su quelche mezzo di
trasporto e li cacci
Metiamoci d'accordo, anzi, si metta d'accordo la sinistra, allora.

I clandestini arrrivano a botte di migliaia al giorno, quando il mare
lo consente.

I Centri di Temporanea Accoglienza ( previsti dalla Legge
Turco-Napolitano ) buoa parte della sinistra li definisce lager e non
li vuole.

Che facciamo ?

Dove li mettiamo in attesa di espletare tutte le pratiche ?

Rispondi a questo, solo a questo, poi vado avanti.



Kairaddin
Franco Vite
2005-04-19 07:23:35 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Il Mon, 18 Apr 2005 12:36:10 +0200, Franco Vite
Post by Franco Vite
Le convenzioni internazionali _obbligano_ a vagliare caso per caso
(persona per persona), in modo da poter capire se tizio ha diritto
allo status di rifugiato politico (o simili) o meno.
Per poter vagliare bisogna parlare con ogni singolo soggetto, cosa
impossibile se li prindi tutti insieme, li carichi su quelche mezzo di
trasporto e li cacci
Metiamoci d'accordo, anzi, si metta d'accordo la sinistra, allora.
Personalmente in questa materia non mi pare ci sia tutta sta differenza
tra "destra" e "sinistra" (usando i due termini nell'accezione
parlamentare).
Post by Kairaddin
I clandestini arrrivano a botte di migliaia al giorno, quando il mare
lo consente.
Su 56.000.000 di abitanti in Italia abbiamo 2.000.000 di migranti non
europei (dati istat).
Non vedo il problema.
Gli altri paesi del G8 ne hanno, come minimo, il doppio.
Post by Kairaddin
I Centri di Temporanea Accoglienza ( previsti dalla Legge
Turco-Napolitano ) buoa parte della sinistra li definisce lager e non
li vuole.
E' un discorso di banalissima "civiltà":
sulla base di quale filosofia si mette in galera una persona che non ha
compiuto nessun reato (e abbi il buon gusto di non venire a dire che
passare una frontiera di nascosto è un reato da punire con la galera)?
Post by Kairaddin
Che facciamo ?
Si fa come si dovrebbe fare in ogni "democrazia": chi viola la legge
viene peseguito, quale che sia la sua nazionalità.
Gli altri fanno ciò che gli pare, quale che sia la loro nazionalità.
Post by Kairaddin
Dove li mettiamo in attesa di espletare tutte le pratiche ?
Non c'è da metterli da nessuna parte: è gente che campa male nel proprio
paese[1] (così come campavano male gli italiani che sono immigrati in
tutto il mondo fino agli anni '60) e viene in Europa nella speranza di
campare meglio.
Post by Kairaddin
Rispondi a questo, solo a questo, poi vado avanti.
Si chiama buon senso.

[1]
lasciare la propria terra, la propria famiglia, gli amici i luoghi in
cui si è nati, non è la cosa più semplice del mondo, anzi.
chi lo fa è spinto, nella stragrande maggioranza dei casi, dalla
necessità se non dalla disperazione (non a caso il 100% dei cosiddetti
clandestini arrivano da paesi del cosiddetto "terzo mondo").
--
Franco (togli TOGLIMI se vuoi rispondermi)
"Certo bisogna farne di strada / da una ginnastica d'obbedienza /
fino ad un gesto molto più umano / che ti dia il senso della violenza /
però bisogna farne altrettanta / per diventare così coglioni / da non
riuscire più a capire / che non ci sono poteri buoni" F. De André
Kairaddin
2005-04-19 13:17:49 UTC
Permalink
Il Tue, 19 Apr 2005 09:23:35 +0200, Franco Vite
Post by Franco Vite
Non vedo il problema.
( Misericordioso cut )

Io credo che siano parecchie le cose che non vedi, ma tant'e'.

Ormai e' talentuoso solo chi si ostina a discettare - meglio se
apoditticamente - di cose che " non vede ".

Fa niente, come non detto, il problema non esiste quindi e'inutile
ravanare il nulla.

Buona fortuna a te, mio dolce interlocutore.


Kairaddin
Franco Vite
2005-04-20 06:35:52 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
( Misericordioso cut )
che tradotto significa "non ho argomenti per ribattere, se non fetenzie
razziste, quindi è meglio togliersi dagli impicci".

complimenti.
--
Franco (togli TOGLIMI se vuoi rispondermi)
"Certo bisogna farne di strada / da una ginnastica d'obbedienza /
fino ad un gesto molto più umano / che ti dia il senso della violenza /
però bisogna farne altrettanta / per diventare così coglioni / da non
riuscire più a capire / che non ci sono poteri buoni" F. De André
Kairaddin
2005-04-20 08:11:16 UTC
Permalink
Il Wed, 20 Apr 2005 08:35:52 +0200, Franco Vite
Post by Franco Vite
Post by Kairaddin
( Misericordioso cut )
che tradotto significa "non ho argomenti per ribattere, se non fetenzie
razziste, quindi è meglio togliersi dagli impicci".
Io per me avevo chiuso, con dolcezza, come si conviene ai bimbi.

Ma tu insisti, figliolo.

E allora impara che il cut misericordioso voleva solo evitare un altro
piu' conciso argormento.

E cioe' che che non ho tempo da perdere con i ragazzini, peggio se
irrimediabilmente imbecilli.

Stammi bene.


Kairaddin
Franco Vite
2005-04-20 09:27:25 UTC
Permalink
Post by Kairaddin
Post by Franco Vite
Post by Kairaddin
( Misericordioso cut )
che tradotto significa "non ho argomenti per ribattere, se non
fetenzie razziste, quindi è meglio togliersi dagli impicci".
Io per me avevo chiuso, con dolcezza, come si conviene ai bimbi.
Ma tu insisti, figliolo.
E allora impara che il cut misericordioso voleva solo evitare un altro
piu' conciso argormento.
E cioe' che che non ho tempo da perdere con i ragazzini, peggio se
irrimediabilmente imbecilli.
tze tze, che tristezza: non si hanno argomenti, si passa agli insulti.
un classico del razzista becero.
--
Franco (togli TOGLIMI se vuoi rispondermi)
"Certo bisogna farne di strada / da una ginnastica d'obbedienza /
fino ad un gesto molto più umano / che ti dia il senso della violenza /
però bisogna farne altrettanta / per diventare così coglioni / da non
riuscire più a capire / che non ci sono poteri buoni" F. De André
v i n i x ©
2005-04-18 19:42:21 UTC
Permalink
On Mon, 18 Apr 2005 09:26:11 +0200, Franco Vite
Post by Franco Vite
Ha vietato, in sostanza, di prendere decine, centinaia o migliaia di
persone e di caricarli _indistintamente_ su un mezzo di trasporto
qualsiasi per rispedirle da dove provvengono.
Lo so, ed allora la comunità europea istituisca dei tribunali speciali
per l'immigrazione, ché il nostro sistema giudiziario non ce la fa a
giudicarli uno per uno in tempi compatibili con la permanenza nei
centri di accoglienza.

ciao
dimitri
2005-04-21 16:31:31 UTC
Permalink
dunque dunque... vediamo un po'... Kairaddin ha scritto
Post by Kairaddin
Il Parlamento Europeo, su indicazione della sinistra italiana, ha
condannato i rimpatri delle migliaia di clandestini sbarcati sulle
nostre coste.
In Libia e in tutto il Nord Africa diversi milioni di persone sono in
attesa che i negrieri del XXI secolo li imbarchino con destinazione
Italia.
Adesso che la sinistra e' a un pelo dall'andare al Governo, penso che
a " bussare alla nostre porte " saranno non piu' a centinaia alla
volta ma decine di migliaia..
E' scandaloso chiedere - sommessamente - come l'illuminata casta
delle" Livieturco & Co" intende affrontare il problemino, quando Lor
Signori torneranno finalmente a governarvi ?
Perlo per voi perche' io, politicamente (e tra poco anche
anagraficamente) sono un pochino morto.
Accoglieranno tutti a braccia ( eque e solidali ) aperte ?
come mai tutta questa paura del saladino? Io sinceramente non li temo, non
mi pare ci facciano concorrenza per il lavoro (fanno tutti i lavori più
orrendi) e non mi pare che il problema della criminalità sia legato ai
marocchini, ma piuttosto agli albanesi e altre razze slave; solo
sporadicamente sento parlare di marocchini, arabi i negri legati alla
criminalità che in genere si limita allo spaccio di droga, dove
effetivamente la concorrenza con i nostri c'è....
D.

Continua a leggere su narkive:
Loading...